il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Libero mercato

Libero mercato

(18 Novembre 2008) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Capitale e lavoro:: Altre notizie

Sono solo rinunce, altro che ripresa!

editoriale "nuova unità" n. 7/2021

(21 Dicembre 2021)

È sempre più necessario fare un ulteriore passo avanti nel senso del coordinamento, dell’unità dei lavoratori e dell’organizzazione delle lotte contro lo sfruttamento e l’oppressione capitalista

nuova unità

Un altro anno sta per finire con regali che sono una consuetudine del sistema capitalista, in un contesto diverso.
Il governo Draghi prende decisioni solo a favore di Confindustria e tralascia tutto ciò che è alla base del malcontento popolare: dalla disoccupazione al dilagare del lavoro precario ai licenziamenti agli sfratti, al carovita.
Anche sull’ambiente per il quale spende tante parole prende tempo e rimanda ai prossimi anni un mini intervento, tanto per dare il contentino alle proteste ambientaliste. In realtà finanzia le fonti di energia inquinanti, sviluppa l’industria degli armamenti, compra armi da guerra che richiedono esercitazioni con relativo inquinamento. Nulla fa per potenziare la sanità e porta avanti il suo disegno di privatizzazione, tagli e ristrutturazioni. Da alcune parti sentiamo dire che bisogna ringraziare il governo che si preoccupa della salute dei cittadini provvedendo alla vaccinazione di massa e c’è chi si sente garantito dal green e super pass e... dai controlli sulla libertà di scelta fino al divieto di manifestare e scioperare.
È la voce di chi cade nell’inganno, di chi non capisce che la fornitura dei vaccini, prima di tutto favorisce i guadagni delle multinazionali (che in Italia come in tutta la UE sono solo 2 ammessi dei tanti vaccini esistenti), poi non tiene conto che mancano posti letto, operatori sanitari, servizi territoriali per garantire cure e assistenza a coloro che si infettano, e lascia sguarniti interi settori sanitari come cardiologia e oncologia addossando la colpa a chi non si vaccina.
Al governo della Confindustria interessa solo garantire in sicurezza lo shopping natalizio, parte integrante della tanto agognata ripresa, ed evitare ogni rallentamento della produzione e dei profitti.
In nome della sicurezza e della salute c’è chi si abitua ed accetta limitazioni fatte passare come rispetto della legalità perché, ci dicono, per il bene di tutti, ma che nascondono la responsabilità politica che ha portato all’attuale situazione di crisi economica che era già in atto prima ancora del coronavirus. Le misure ipocrite prese negli ultimi due anni sono, come abbiamo più volte scritto, una distrazione di massa, vincola l’accesso a servizi essenziali e diritti fondamentali diventando nei fatti una fonte di discriminazione e divisione, in particolare tra i lavoratori nei luoghi di lavoro. Un altro strumento di ricatto e utile ai padroni per ridurre ulteriormente i costi della sicurezza nei luoghi di lavoro eliminando mascherine e tamponi (già a carico di chi deve lavorare) e sanificazioni (peraltro già scarse).
Assistiamo al netto peggioramento delle condizioni di vita e ancora non si conosce il testo della manovra 2022 - licenziato dall’esecutivo e in discussione in commissione Bilancio del Senato - “espansiva” solo per i padroni che riceveranno crediti e incentivi oltre ai miliardi del PNRR.
All’aumento dello sfruttamento per i lavoratori spremuti con orari di lavoro intensi e interminabili che sono la prima causa dei morti sul lavoro, con pensioni ancora più da fame di quelle attuali per i precari dopo che questo governo (in continuità con i precedenti) ha portato l'uscita dal lavoro ad oltre 70 anni.
E i sindacati confederali giocano sulla pelle dei lavoratori con uno sciopero generale, che esclude sanità, poste e a pochi giorni dopo quello della scuola e prima dei portuali. Uno sciopero, con manifestazione statica in una piazza e che al suo centro non ha né il governo Draghi - che ha dato il via libera all'aumento delle bollette e agli sfratti - né le contraddizioni tra capitale e lavoro. Uno sciopero di facciata per riprendere la concertazione e gli accordi a perdere tanto cari alla CISL che infatti non ha aderito. Uno sciopero invocato da mesi dai lavoratori e dalle RSU organizzato invece dai vertici sindacali in pochi giorni e depotenziato. Ma, nonostante tutti i limiti, ha visto una grossa partecipazione anche di molti settori di lavoratori organizzati nei sindacati di base e conflittuali ed espresso la volontà di andare avanti con più forza. Per bloccare il paese e dimostrare attraverso la mobilitazione tutta l’energia e la voglia di cambiamento del movimento operaio e popolare.
Si può parlare di sciopero generale se non danneggia il potere ?
Oggi ci troviamo di fronte ad un fenomeno inedito. Migliaia di persone si riuniscono in strade e piazze, sfidano divieti, invocano la libertà ma non affrontano, con la stessa forza il diritto al lavoro, alla casa, all’ambiente, alla salute, al carovita, ai prezzi dei carburanti, ai pericoli di una guerra che incombono, non si ribellano alle spese militari, all’inflazione arrivata a +3.8%, secondo le ultime stime dell’Istat, al prossimo aumento dell’Iva che produrrà ulteriori rincari di tutti i generi.
Esprimono uno spaesamento frutto di un disagio sociale ed economico, ma che non interpreta la realtà di una situazione grave voluta dalla borghesia e dalle istituzioni nazionali, europee, statunitensi.
Là dove si lavora, nelle fabbriche e negli altri luoghi di lavoro, gli operai e i salariati vengono spremuti all'estremo con orari di lavoro intensi e interminabili, che sono la prima causa dell'epidemia di morti sul lavoro, le risposte a questa aggressione capitalistica, dello Stato e della UE
ci sono un po’ in tutta Italia. Innanzitutto la irriducibile lotta contro il gigante multinazionale FedEx dei facchini della logistica, degli operai della Texprint organizzati con il SI Cobas, la forte resistenza ai licenziamenti degli operai della Gkn, della SaGa Coffee, dei dipendenti dell'Alitalia etc., lo sciopero unitario del sindacalismo di base dell'11 ottobre, i numerosi presidi davanti alle fabbriche che, in seguito allo sblocco dei licenziamenti, fanno strage dell’occupazione.
Ma queste lotte mettono in evidenza la sempre maggiore necessità di fare un ulteriore passo avanti nel senso del coordinamento, dell’unità dei lavoratori e dell’organizzazione delle lotte contro lo sfruttamento e l’oppressione capitalista.
Riempire il vuoto causato dalle varie forze politiche parlamentari e istituzionali, far capire che non si difende il proprio posto di lavoro con l’indifferenza, ma vincendo la paura - che fa parte della strategia del capitale per soggiogare, intimidire e impedire anche il minimo dissenso -, senza piegarsi alla reazione dominante, e diventare protagonisti anche sul piano della solidarietà è indispensabile.
Al tempo stesso è necessario capire l’importanza di operare per un’organizzazione che sia punto di riferimento e di prospettive di benessere per la maggioranza della popolazione e con la quale il proletariato possa costruire una società socialista, opposta a quella capitalista.

nuova unità

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie dell'autore «Nuova Unità»

3683