il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Combattente per la libertà

Combattente per la libertà

(11 Novembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Roma. I comunisti parteciperanno alla manifestazione per la pace che si terrà il 19 marzo a Piazza Don Bosco

Alle 15.00 appuntamento per la piena riuscita di questo appuntamento di lotta

(15 Marzo 2022)

pci

Il segretario della Federazione Metropolitana di Roma, Virgilio Seu fa “appello pressante ai compagni e alle compagne di Roma e provincia per la partecipazione e, quindi per la piena riuscita di questo appuntamento di lotta per la pace. E’ una giornata di impegno da realizzare col corteo da Piazza Don Bosco a Piazza dei Consoli, a Cinecittà. Nel cuore del quartiere popolare. Diamo appuntamento qui con le bandiere e gli striscioni e le parole d’ordine che valgono per le idealità che supportano, e per l’attualità dei comportamenti politici e governativi a cui gli Stati e la UE dovrebbero ispirarsi per comporre per la via diplomatica la guerra in corso.”. “Cosa diciamo? – si chiede il dirigente comunista – questo: -Immediato "cessate il fuoco"; -Fuori l'Italia dalla guerra; -Fuori la Nato dall'Europa; -Via le basi dai quartieri popolari; -No all'economia di guerra e all'invio di armi, sì alle spese sociali; -Basta propaganda di guerra. Una linea che è forte di un ragionamento comune che Walter Tucci, della segreteria di Federazione, ha avuto modo di confrontare e concordare con le altre forze politiche, sociali e associazioni che compongono l’”Assemblea romana contro la guerra” la conferma della piattaforma politica e di indirizzo, così come le modalità e l’appuntamento stesso”. Ora è necessario passare alla fase della organizzazione. Del resto il documento che indìce l’appuntamento è chiaro: “Nel cuore di Cinecittà è presente il Comando Operativo Interforze, la struttura militare più importante delle forze armate del paese, obiettivo sensibile che entrerebbe nel mirino immediato di un'eventuale guerra generalizzata, come paventato dall'interventismo mostrato dal governo Draghi alle Camere. I quartieri popolari della città già soffrono le conseguenze di un'economia di guerra che colpisce duramente le tasche dei propri abitanti, come testimoniano i rincari dei prezzi alimentari ed energetici… l'Assemblea ribadisce la necessità di portare avanti parole d'ordine chiare che mettano al centro gli interessi popolari e un programma politico di rifiuto della guerra e l'avvio di un percorso di pace "giusta", fatta di cooperazione, solidarietà e giustizia sociale, garantendo l'autodeterminazione dei popoli, per cui dal 2014 lottano i cittadini delle Repubbliche popolari del Donbass.”.

Trasmesso da Maurizio Aversa

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Ucraina: un paese conteso»

Ultime notizie dell'autore «Comunisti Italiani»

2722