il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

La classe operaia va in fumo

La classe operaia va in fumo

(8 Settembre 2011) Enzo Apicella
L'articolo 8 della manovra economica permette i licenziamenti senza giusta causa

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

Busitalia Sita Nord Umbria: Sabato 2 Aprile sciopero di 24 ore

(29 Marzo 2022)

busitalia

Nonostante le diverse azioni di sciopero, promosse da USB Lavoro Privato, la società Busitalia Sita Nord, continua a negare un confronto nel merito della nostra piattaforma costruita e condivisa con i lavoratori.

Ancora una volta sarà la mobilitazione ad evidenziare la necessità e la determinazione del personale tutto di ridefinire un nuovo contratto integrativo di secondo livello di una società che non rispetta i propri impegni sul numero turni spezzati urbano Perugia, non garantisce un adeguato utilizzo delle ferie ai propri dipendenti, sottrae riposi dalla turnazione dell’urbano di Perugia con accordi lampo con i soliti “firmaioli”, assegna incarichi ai propri dipendenti a suo piacimento, soprattutto con una RSU incapace di risolvere tutti problemi e le richieste dei lavoratori.

Sabato 2 Aprile scioperiamo compatti!

Stesso lavoro stesso salario-
sia data dignità a tutti i lavoratori; vogliamo che siano eliminate le logiche con le quali si costruiscono lavoratori di seri A e lavoratori di serie B.

Restituire il maltolto superare il vergognoso accordo sindacale (sottoscritto dai soliti firmaioli) attraverso il quale i lavoratori vengono derubati di una quota pari a uno stipendio in l'anno.

Il grande “affare” sulla pandemia - chiediamo che venga versata la quota mancante al raggiungimento del 100% dello stipendio, nel periodo al fondo di Solidarietà (Cassa Integrazione); le aziende hanno avuto a loro disposizione il 100% della quota del Fondo Nazionale Trasporti e, questo, nonostante l'aver svolto solo il 30% del servizio risparmiando sui mezzi, rimasti fermi e mai resi sicuri per la riapertura, e sui salari che sono andati in carico al fondo di solidarietà.

Investimenti sulla sicurezza
- la sicurezza non si ottiene senza investimenti; va garantita ai lavoratori e cittadini. È garantisca la sanificazione giornaliera dei mezzi e distribuisca adeguati e certificati dispositivi di protezione ai lavoratori tutti., necessario il rinnovo del parco mezzi.

Riduzione dell’orario di lavoro - sicurezza è anche diminuzione dei carichi di lavoro, dello stress quotidiano; è necessaria, l’istituzione di turni di minor aggravio.



Rilanciamo la volontà che il servizio torni in mano pubblica,

NO alle gare per l’assegnazione dei servizi



INVITIAMO TUTTE LE LAVORATRICI E LAVORATORI ALLA MASSIMA PARTECIPAZIONE

USB Lavoro Privato - Federazione regionale Umbria

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «USB Unione Sindacale di Base»

2245