il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

La nipote

La nipote

(18 Gennaio 2011) Enzo Apicella
Dopo la nipote 24 enne di Mubarak.... di chi sarà nipote questa?

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

25 APRILE:LA NOSTRA LIBERAZIONE E' LA RIVOLUZIONE!

(21 Aprile 2022)

25 APRILE.
LA NOSTRA LIBERAZIONE
E' LA RIVOLUZIONE!

QUEL SOL  DELL' AVVENIRE TRAMONTATO DIETRO LA SBIADITA PRIMAVERA CAPITALISTA.

Le liberazioni nazionali, o anticoloniali,
o dall'oppressore straniero invasore,
sono per loro natura interclassiste.
Hanno avuto carattere progressivo in passato,
nel loro “spingere” verso la sovranità nazionale,
e la sua forma democratica di rappresentanza,
sancendo rapporti sociali e di classe piu' chiari 
nel loro essere evidentemente capitalistici.

Oggi, il “migliore involucro” democratico diviene 
la carta di ricambio di ogni totalitarismo,
costretto al suo superamento dall'internazionalizzazione di mercato e dalla propria inadeguatezza a questo processo storico-naturale.
Oggi la democrazia diviene la forma moderna dell'oppressione di classe, conservativa quando non reazionaria.

Nello specifico italiano, la “liberazione assistita”
ed interessata degli americani, non è mai stata,
se non nelle intenzioni di poche minoranze anarchiche e comuniste all'esterno dei c.l.n., nemmeno un'ipotesi rivoluzionaria.
Ed infatti, l'intera ossatura tecnico-repressiva e buona parte dell'architettura giuridico-legale del ventennio è stata travasata nella repubblica democratica   che solo l'anno dopo la liberazione, nel 1946, sdoganò e mise in parlamento il M.S.I..

La costituzione “antifascista” che convive con l'uso padronale dei fascisti non è una contraddizione, ma l'esplicitazione dell'inganno democratico, e dell'attualità di una sua critica, cominciata da Marx 170 anni fa e troppo spesso colpevolmente dimenticata.

Armi in pugno, in tante e tanti, 
donne e uomini dell'altra "resistenza per la rivoluzione", 
ci hanno creduto.
Alla libertà, e alla liberazione!
Alla possibilità di scacciar via i padroni
insieme all'invasore nazista ed ai suoi servi fascisti.
A vivere in un altro modo, 
in un'altra società.
E invece finirono senza voce nell'imbuto dei c.l.n., messi da parte, spesso perseguitati, incarcerati,
assassinati dagli stessi oppressori che avevano combattuto.

Il travaso dal fascismo alla democrazia,
sotto la stessa cupola capitalista,
era piu' forte ed importante di loro, della loro lotta armata,
delle loro speranze e desideri.

Poi arrivarono le promesse,
chiacchiere su una “rivoluzione futura” contro i fatti del supersfruttamento ricostruttivo.
E l''internazionalismo infangato
nella difesa del capitalismo di stato Russo.
Infine, dismesse pure le chiacchiere, rimase l'icona,
il simulacro di una “resistenza” senza rivoluzione,
e di “partigiani” senza partigiani.
Lo stesso simulacro che, come la messa domenicale,
si celebra ogni anno, declinato alle cangianti necessità politiciste, svilito e svenduto come le spillette che gli fanno da contorno.

Oggi, in piena guerra imperialista,
si moltiplicano le "resistenze" di tifoserie contrapposte.
Chi "resiste" con il potere Ucraino contro il "piccolo Hitler" russo, 
chi "resiste" con il potere Russo contro i "nazisti" Ucraini.
Tutti schierati con "combattenti" mercenari, abili,
arruolati ed armati da quell'occidente dimentico della lotta e dell'idealità dei veri combattenti
della resistenza e della rivoluzione. 

A quei combattenti, a quelle donne e uomini in armi,
dedichiamo l'impegno a continuare la lotta per l'unica,
vera liberazione: quella dal lavoro salariato
e dal sistema che lo produce.

SOCIETA' INCIVILE

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

1768