il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Scoop

Scoop

(26 Maggio 2010) Enzo Apicella
Varata la manovra economica da 24 miliardi di euro: sotto attacco gli stipendi e le pensioni.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Contratto ferrovieri)

  • LA TALPA
    Giornale dei macchinisti delle ferrovie - Milano

C.C.N.L. FERROVIERI: NON SOLO NO!

(23 Aprile 2022)

non solo no

Una volta i ferrovieri aspettavano il contratto.
Perchè il contratto conteneva conquiste, avanzamenti.
Normativi, e economici.

Oggi si ha paura del contratto.
Perchè, se va “bene”, non contiene nulla.
Se no, peggiora la nostra condizione, come troppo spesso è successo negli ultimi anni.
Allungando l'orario di lavoro, peggiorando la normativa, imponendo l'agente unico e l'”uomo morto”, distribuendo briciole economiche umilianti, truffando sugli “arretrati”.
E lasciando totale discrezionalità aziendale nelle assunzioni come nei procedimenti disciplinari.

Contratti firmati, senza alcuna consultazione dei ferrovieri, da sindacati complici ormai inutili anche solo come sportello di servizio, ridotti a curare una clientela mafiosetta infoiata di livelli, misere carriere, qualche trasferimento, o imboscamento in ufficio.

Oggi ci dicono che dobbiamo accontentarci, dopo un vuoto contrattuale di 6 anni.
Di cosa ci dovremmo accontentare? Del fatto che nulla sia mutato in normativa, e dell'elemosina economica.
E su questo “accontentarsi” hanno organizzato il loro “referendum truffa”, che, al solito, “vinceranno”, un po' perchè imbrogliano, un po' perchè i loro soldati e lecchini voteranno si.

Ecco perchè votare NO! E' necessario, ma non basta.

Occorre rialzare la testa, riconquistare diritti e dignità perdute.

Il problema, però, è andare oltre le buone intenzioni.
Cominciando a capire sul serio la situazione, e muovendosi di conseguenza.

Individuando i nostri nemici nelle faraoniche politiche aziendali ma anche nei loro compari sindacalisti, parassiti venduti.
Capendo che qui tutti si fanno “i fatti loro” meno i ferrovieri, trasformati in zerbino di una clientela sempre piu' arrogante e pagante.
Discutendo tra noi in tutti gli impianti, ma anche riannodando cervelli e braccia disponibili a unire le forze, e ad organizzarle.
Imponendo, dal basso, la riunificazione di tutti i sindacati di base, oltre settari egocentrismi, personalismi ed autoreferenzialità.

AUTOORGANIZZIAMOCI !

Non cediamo allo sconforto, o all'”adeguamento” del “non c'e' nulla da fare”.
Non siamo carne da macello, ma esseri umani.
Degni di un rispetto da riconquistare!

Pino ferroviere

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Contratto ferrovieri»

Ultime notizie dell'autore «Pino Ferroviere»

1913