il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Eric Hobsbawm

Eric Hobsbawm

(2 Ottobre 2012) Enzo Apicella
E' morto a Londra Eric Hobsbawm, storico marxista

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • ASST Valle Olona, un tunnel senza luce
    (Allarmi, precarietà delle condizioni di lavoro, rischi per utenti e personale…)
    (11 Agosto 2022)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Memoria e progetto)

    Per la splendida compagna Laura Colabianchi

    (21 Maggio 2022)

    Laura Colabianchi

    Oggi nel primo pomeriggio abbiamo ricevuto la chiamata che oramai temevamo di ricevere da tempo, ma che continuavamo a sperare arrivasse il più tardi possibile: la compagna Laura Colabianchi ci ha lasciato.

    Laura è stata tra le fondatrici del coordinamento provinciale di Roma nei primi anni di vita del SI Cobas, protagonista del duro lavoro di radicamento dell’organizzazione nei magazzini della logistica del Lazio e fin dal primo congresso eletta membro dell’Esecutivo nazionale. Ferma e inscalfibile nella sua volontà di allargare e consolidare il SI Cobas nel mondo della logistica, ha dapprima fondato il coordinamento provinciale di Ancona, affrontando sfiancanti trasferte settimanali per radicare il sindacato nei magazzini Fedex e Brt, poi si è trasferita a Bologna per dare il suo contributo nelle filiere della logistica emiliana.

    Ma Laura era molto altro e molto di più: una militante politica della sinistra rivoluzionaria, formatasi nel movimento studentesco e femminista romano nei primi anni ’80 (allorquando da Foggia si trasferì nella capitale per svolgere gli studi universitari) e di qui approdata all’area comunista internazionalista.

    E’ a partire da questo ampio bagaglio e da questa lunga esperienza nel movimento di classe che Laura negli ultimi 10 anni ha investito quotidianamente le sue forze soprattutto nell’attività sindacale, senza però mai mettere in second’ordine la sua militanza politica, che l’ha portata, tra l’altro ad essere tra le promotrici della Tendenza Internazionalista Rivoluzionaria e del “comitato 23 settembre” nato a seguito del femminicidio di Atika Gharib.

    Lo ha fatto non risparmiando mai una goccia di sudore, spesso sacrificando la sua vita privata e, purtroppo, anche la sua stessa salute.

    Negli ultimi anni una sequela di malanni, aggravati da patologie pregresse, ne avevano minato il fisico al punto che, in più occasioni, era stata invitata a dedicarsi ad attività meno faticose e dispendiose che ne valorizzassero il ruolo di quadro nazionale dell’organizzazione senza metterne a rischio la salute.

    Ma Laura era quel tipo di compagna per la quale la militanza sindacale non è neanche concepibile se slegata dall’intervento diretto “sul campo” e dal grigio lavoro quotidiano al fianco dei lavoratori e delle loro lotte, anche se questo significava passare una notte all’addiaccio per partecipare a un picchetto o a un’assemblea coi lavoratori a decine o perfino centinaia di chilometri da casa, oppure un’intero weekend immersa nelle assemblee dei delegati e nelle riunioni, talvolta interminabili, degli organismi nazionali.

    Laura era così: indomita e infaticabile nel suo lavoro, ferma sui principi, esigente con se stessa e con gli altri compagni: un temperamento che talvolta poteva apparire all’esterno come rigido o “spigoloso”, ma che in realtà era il segno del suo senso di appartenenza all’organizzazione, della sua fedeltà granitica alla causa operaia, della sua passione e del suo amore nei confronti della lotta per l’emancipazione dei proletari dallo sfruttamento del lavoro salariato. Chi di noi ha avuto modo di frequentare Laura anche al di fuori delle sedi sindacali, ha potuto apprezzarne anche il suo lato “non militante”, il suo spiccato interesse per la cultura, l’arte, la musica, e un senso dell’ironia che era solita nascondere o dissimulare nei momenti pubblici.

    Ironia della sorte ha voluto che quest’ennesimo lutto che ci ha colpito in questo vero e proprio anno funesto, sia avvenuto (come accadde un anno fa con l’omicidio di Adil) proprio nel giorno di uno sciopero nazionale: una doccia fredda che ha cancellato in un sol colpo l’entusiasmo per un’altra grande giornata di lotta.

    Ma nel dolore di queste ore siamo convinti che Laura, essendo stata fino all’ultimo momento di lucidità attaccata al cellulare per leggere le notizie e guardare le immagini delle assemblee in corso nei magazzini, sia stata fino all’ultimo fiera e orgogliosa di aver contribuito a costruire questa organizzazione, e consapevole che se il SI Cobas è tuttora una delle principali roccaforti del movimento di classe, una parte non trascurabile del merito è suo.

    Chi ha compagni non muore mai.

    Grazie di tutto Laura, che la terra ti sia lieve.


    20 maggio 2022

    SI Cobas nazionale

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Ultime notizie del dossier «La nostra storia»

    Ultime notizie dell'autore «S.I. Cobas - Sindacato Intercategoriale Lavoratori Autorganizzati»

    3769