il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Golf Club Lampedusa

Golf Club Lampedusa

(31 Marzo 2011) Enzo Apicella
Berlusconi a Lampedusa promette di cacciare i migranti e di costruire sull’isola un campo da golf e un casinò

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Roma, 15 ottobre: No al memorandum Italia-Libia

(9 Ottobre 2022)

no al memorandum Italia-Libia

Le proteste si sono propagate in tutto il mondo!

Campagna per la dignità ed i diritti umani!
ABOLISH FRONTEX
SOLIDARITY WITH REFUGEES IN LIBYA
DIRITTO DI MIGRARE, DIRITTO DI RESTARE
NO MEMORANDUM Italia-Libia
NO BORDERS
STOP AL MACELLO DEI DIRITTI UMANI
MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE
15 OTTOBRE 2022


Il 15 ottobre sarà una giornata di MOBILITAZIONE INTERNAZIONALE:
Barcellona, Berlino, Bruxelles, Londra, Madrid, Milano, Roma, Tripoli, Zurigo e altri luoghi chiederanno al governo italiano di porre fine a questo Memorandum fuorilegge. Tutti le istanze di difesa dei diritti umani sostengono questo appello.

Il Memorandum è un accordo della durata di 3 anni, che nega i principi fondamentali delle leggi internazionali e contro tutti i diritti umani. È stato contestato dalle ONG, dall'UNHCR, da Amnesty International, da tutte le associazioni, ma anche denunciato dalle Nazioni Unite e dalla stessa Unione Europea. Perché oggi sappiamo tutti che il governo italiano sta addestrando milizie locali direttamente colluse con i trafficanti di migranti, con i quali fa affari più lucrosi del traffico di droga. I numerosi rapporti che evidenziano le atrocità perpetrate in Libia e finanziate da questi accordi italiani, sono più che noti.

La Libia non ha mai ratificato la Convenzione di Ginevra del 1951 sullo status dei rifugiati e non riconosce nemmeno pienamente l'UNHCR. I migranti vengono arrestati arbitrariamente e tenuti in centri di detenzione che sono veri e propri lager.

Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite sulle sparizioni forzate o involontarie (WGEID) ha evidenziato che, anche se le “sparizioni” sono dovute ad attori "non statali", essi operano con il sostegno delle autorità ufficiali, compresa la cosiddetta Guardia costiera libica completamente collusa con i trafficanti.

ll Memorandum non è un accordo di cooperazione, ma solo un modo per instaurare un processo di radicale esternalizzazione dei confini, installando un regime di morte alle frontiere e nei lager libici. L'Italia ha già speso circa 271 milioni di euro negli ultimi anni, per creare un regime di morte e di tortura.

Se il Memorandum non sarà denunciato entro il 2 novembre 2022, sarà rinnovato per altri tre anni (da febbraio 2023 a febbraio 2026), con ingenti finanziamenti alla Guardia costiera libica e ai lager libici.
TUTTO QUESTO DEVE CESSARE IMMEDIATAMENTE.


A Roma, saremo dalle 14 alle 17 nel cuore della città, al Foro Traiano,
per dire NO al rinnovo automatico del memorandum per gli accordi Italia-Libia!

Black Lives Matter Roma

3494