il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il capitalismo non è acqua!

Il capitalismo non è acqua!

(25 Settembre 2012) Enzo Apicella
Della Valle polemizza con Marchionne "La Fiat è stata presa con le mani nella marmellata mentre se ne voleva andare"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

I più migliori assai

(Rinnovo del CCNL della Sanità Pubblica 2019-2021)

(10 Novembre 2022)

si cobas pugno

Capiamo la soddisfazione dell’ARAN che è riuscito a rifilare un accordo bidone.
Capiamo meno la soddisfazione dei firmatari di parte sindacale.
Capiamo ancora meno chi, pur criticando i risultati del contratto, lo ha firmato: Nursind, Nursing Up, ecc.
La firma definitiva nulla modifica della precedente intesa del 15 giugno 2022.
La beffa!? A distanza di 4 mesi ci tocca sorbire di nuovo la glorificazione a più voci del contratto.
Già questa coralità è una contraddizione in termini. Se uno vince l’altro dovrebbe perdere e viceversa.
Si ribadisce dai firmatari la “nostra parte”, che gli aumenti sono stati consistenti e gli arretrati ricchissimi.
Questi toni dovrebbero essere più dimessi perché il risultato già negativo in termini di recupero salariale strombazzato a maggio è ulteriormente ridimensionato dall’inflazione che a novembre è salita al 12%.
Prendiamo l’aumento fisso (tabellare) dei D4 pari a € 83.30, con l’inflazione in crescita si riduce a circa 73 €.

Gli arretrati che verranno contabilizzati solo dal 1° gennaio 2021 non coprono quindi i tre anni di ritardo contrattuale, cioè vi è uno sconto di due anni a favore dell’ Aran.
Per un D4 gli arretrati sarebbero circa 2.087€ lordi ma se a questa cifra sottraiamo l’IRPEF, mediamente al 23% e un 12% di inflazione, il tesoretto si rivela molto più modesto: circa 1257 €.

Tesoretto che deve bastare fino alla prossima tornata contrattuale. Questo contratto nasce già scaduto, e solo un miracolo può salvarci dalle lungaggini di sempre. Significa che verosimilmente per altri tre anni si dovrà vivere con questi stipendi. I più bassi a livello europeo.
La tanto grandeggiata innovazione normativa non fa che accentuare ulteriormente la frammentazione e la differenziazione salariale. Ma tutto questo è presentato come promozione della professionalità. Vera e propria pubblicità ingannevole. I criteri della promozione sono studiati a favore di una minoranza di eletti. E’ questo il territorio paludoso dell’ arbitrio clientelare: le direzioni e le OOSS (soci di minoranza) scelgono il personale da premiare. Di fatto la massa dei lavoratori non partecipa a nessuna promozione. Basta pesare gli stipendi.
L’assegnazione degli incarichi è definita a livello aziendale e serve a fidelizzare all’azienda una sorta di caporalato diffuso.
Gli incarichi di posizione (elevata qualificazione) valgono dai 10.000 € fino ai 20.000 € all’anno.
Gli incarichi di funzione organizzativa (professionisti della salute) variano da 4.000 € a 13.000 €.
Gli incarichi di funzione professionale ( prof. salute, assistenti ed operatori) da 700 € a 3.000 €.

Come nella “Fattoria degli animali” di George Orwell certi maiali sono più uguali degli altri, cosi in questo contratto certi professionisti sono più migliori assai della base che opera si affatica e rischia!
I soldi per riconoscere il ruolo sociale e professionale svolto dagli operatori della sanità ci sarebbero, ma il dover presidiare armi alla mano i territori della concorrenza capitalistica fa sì che queste risorse per la vita e la salute si trasformino in spese militari.
L’unica guerra che merita di essere combattuta è la guerra di classe. Non un euro per le spese militari!
Rivendichiamo la scala mobile contro l’aumento dei prezzi
Rivendichiamo una patrimoniale del 10% sul 10% su tutti i redditi più alti.

sciopero nazionale 2 dicembre
manifestazione 3 dicembre a Roma contro il governo.

si cobas

2228