il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Per i tre operai della Fiat

Per i tre operai della Fiat

(25 Agosto 2010) Enzo Apicella
Melfi. La Fiat licenzia tre operai, il giudice del lavoro li reintegra, la Fiat li invita a rimanere a casa!

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Licenziamenti politici)

Piena solidarietà al dirigente sindacale brasiliano Luiz Carlos Prates, detto Mancha, contro il licenziamento politico da parte di General Motors

Nota della Rete sindacale internazionale di solidarietà e lotta e della Csp-Conlutas

(19 Novembre 2022)

csp conlutas

Apprendiamo con indignazione del licenziamento del dirigente nazionale di CSP Conlutas, Luiz Carlos Prates, detto Mancha, operaio della General Motors di São José dos Campos, subito dopo il suo rientro in fabbrica nella posizione di elettricista.
Conosciamo da tempo il compagno Mancha, che stimiamo per la sua ferma posizione e vigorosa azione per l’unità e la lotta dei lavoratori brasiliani, e per il suo ruolo di animatore nella Rete Sindacale Internazionale di Solidarietà e di Lotta e nella Conferenza Internazionale dei Lavoratori dell’Auto.
Il suo licenziamento è un licenziamento politico, un atto di repressione antisindacale da parte della multinazionale General Motors, contro il quale manifestiamo la nostra indignazione e piena solidarietà, e contro il quale auspichiamo i lavoratori della General Motors, in Brasile e in altri paesi, sollevino una forte protesta, al di là della necessaria difesa legale contro questo licenziamento illegittimo.
------------------
Giovedì 10 novembre, la multinazionale General Motors Brazil, nel suo stabilimento situato a San José dos Campos, ha licenziato il lavoratore e leader Luiz Carlos Prates “Mancha”.
Con una decisione ripugnante, arbitraria e antisindacale, GM ha abbandonato un lavoratore con più di 35 anni di servizio nell’azienda senza alcun motivo.
Mancha, che aveva recentemente ripreso il suo ruolo in fabbrica come elettricista di manutenzione, aveva ruotato nel consiglio del sindacato che aveva guidato per diversi anni. Prates è attualmente membro della segreteria nazionale del sindacato CSP-Conlutas e con questa mossa il datore di lavoro sta violando il diritto alla stabilità del posto di lavoro.
Il sindacato dei metalmeccanici di São José dos Campos ha inviato una nota extragiudiziale al direttore delle relazioni sindacali di GM, chiedendo il reintegro immediato e l’annullamento di questo nuovo abuso. Il reclamo ha basi legali in quanto la GM ha violato l’articolo 8 della Costituzione federale e la Convenzione 98 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL). Entrambi si riferiscono alla libertà di associazione.
Luiz Carlos Prates è un leader che è stato in prima linea nelle lotte per i diritti e i salari alla GM e in tutto il Brasile, e ha partecipato a livello internazionale alla difesa delle lotte dei lavoratori.

MOZIONE INVIATA A GENERAL MOTORS:
Con una decisione arbitraria e antisindacale, la General Motors di São José dos Campos ha licenziato il leader sindacale Luiz Carlos Prates, meglio conosciuto come Mancha. Il licenziamento è stato annunciato giovedì scorso (10).
Mancha è stato un operaio metalmeccanico della GM per 35 anni ed è stato colto di sorpresa dalla direzione dello stabilimento, che lo ha licenziato unilateralmente. Aveva da poco ripreso il suo ruolo presso l’impianto, come elettricista di manutenzione.
Per oltre tre decenni, il leader sindacale è stato in prima linea in innumerevoli mobilitazioni e scioperi in difesa dei lavoratori GM. Ha anche lavorato direttamente nelle trattative con la fabbrica per le campagne salariali e di partecipazione agli utili.
Mancha è attualmente membro della segreteria nazionale della centrale sindacale CSP-Conlutas. In quanto tale, ha diritto alla sicurezza del posto di lavoro.
Il sindacato dei metalmeccanici di São José dos Campos e Região ha inviato una comunicazione extragiudiziale al direttore delle relazioni sindacali di GM, chiedendo l’immediato annullamento del licenziamento e l’inversione di questa violazione dei diritti. GM ha violato l’articolo 8 della Costituzione federale e la Convenzione 98 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL). Entrambi si riferiscono alla libertà di associazione.

Il Fronte di Lotta No Austerity FLNA è solidale con il compagno Mancha e si unisce alla lotta in difesa del suo reintegro. Ripudiamo la persecuzione politica di questo storico leader e combattente. È inaccettabile e irrispettoso della libertà di organizzazione della classe operaia.

Si associa alla solidarietà anche l'Unione Sindacale Italiana USI fondata nel 1912, che riceve e rigira il comunicato di Csp Conlutas della RSISL e del FLNA.

Rete sindacale internazionale di solidarietà e lotta e della Csp-Conlutas

1137