il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Egypt

Egypt

(14 Agosto 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Torino - No alla guerra imperialista, sì alla guerra di classe

(23 Novembre 2022)

logo battaglia

L’invasione Russa dell’Ucraina ha aperto una nuova fase dello scontro imperialista, ben più pericolosa della Guerra Fredda. La guerra attuale è parte della contesa generale fra le grandi potenze imperialiste e accelera la corsa verso la barbarie di una nuova guerra mondiale. Da un lato Nato-USA-UK-Europa, dall’altro Russia-Cina-Iran.

La crisi strutturale del capitale è all'origine delle crisi bellica, economica, ambientale e pandemico/sanitaria, che si sommano andando a peggiorare sensibilmente le condizioni di vita di miliardi di persone nel pianeta.

Democrazia, interesse nazionale e dei popoli, pace da difendere con le armi, tentano di mascherare i veri interessi che muovono i predoni imperialisti in lotta tra di loro.

Il pacifismo vorrebbe un impossibile capitalismo dal volto umano, ma la “bandiera arcobaleno” non ha mai rappresentato un’alternativa credibile.

I filo-nazionalisti – pro Russia o per la cosiddetta Resistenza Ucraina – sono gli agenti fautori del coinvolgimento della classe lavoratrice nella guerra, i promotori dello schieramento con uno o l’altro dei suoi fronti.

I rivoluzionari internazionalisti affermano invece che la guerra imperialista deve essere disertata, che nella guerra la classe lavoratrice e i suoi figli hanno tutto da perdere e niente da guadagnare. L’unica vera alternativa è alimentare la lotta di classe, agitare la necessità di e costruire gli strumenti per un'alternativa al sistema, fondata sugli interessi generali e internazionali della classe lavoratrice. Le nostre armi non sono bombe e fucili, ma la coscienza di classe, le lotte proletarie, gli organismi che da esse nascono e gli strumenti politici indispensabili per il superamento di questa società fondata sullo sfruttamento e la morte.

Essere per la guerra di classe, per la costruzione rivoluzionaria di un’alternativa di sistema:

- Contro il capitalismo, l'imperialismo e tutti i nazionalismi. Nessun sostegno a capitali nazionali, "mali minori" o Stati in formazione.

- Per una società in cui gli Stati, il lavoro salariato, la proprietà privata, il denaro e la produzione per il profitto siano sostituiti da un mondo di produttori liberamente associati, nel rispetto dell'ecosistema.

- Contro gli attacchi economici e politici che l'attuale guerra, e quelle a venire, scateneranno sulla classe salariata.

- Per la lotta auto-organizzata della classe operaia, per la formazione di comitati di sciopero indipendenti, assemblee di massa e consigli operai.

- Contro l'oppressione e lo sfruttamento, per l'unità della classe operaia e l'incontro dei veri internazionalisti

Se questi punti sono un’ampia sintesi anche della tua posizione, allora è il caso che il confronto tra noi si faccia più serrato. Ti invitiamo pertanto alla

Assemblea pubblica

DOMENICA 4 DICEMBRE ALLE ORE 10

IN VIA TRIVERO 16 -TORINO


Organizza: PCInt.-Battaglia comunista, della Tendenza Comunista Internazionalista

2386