">

IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c3:o55964

 

La "buona guerra" della seconda guerra mondiale: la lotta di classe

(9 Aprile 2023)

kirkland 1941

La società capitalista è segnata dal fondamentale antagonismo tra due classi: la classe operaia e la classe capitalista. Spesso tuttavia, soprattutto in tempi di crisi, i politici e gli ideologi borghesi fanno appelli alla "pace sociale" per ingannare i lavoratori affinché li seguano nel loro sforzo "nazionale". Negli ultimi anni sono stati fatti molti tentativi in tal senso: durante la pandemia si trattava di sostenere i lavoratori essenziali di cui però non si sarebbero aumentati gli stipendi, mentre in Francia e in Inghilterra quest'anno si tratta di accettare un taglio di stipendio e un'età pensionabile più alta per fregare Putin. Gli attacchi alla classe operaia e alle sue condizioni di vita sono universalmente presentati come un sacrificio che si chiede a tutti. La “pace sociale” viene identificata da destra e sinistra con la “buona causa” della nazione: l’esempio migliore di tale causa fu la seconda guerra mondiale, in cui, come racconta la storia, tutte le classi delle potenze alleate accantonarono i loro interessi immediati per difendere la "democrazia" (sia quella dell'Occidente che quella dell'URSS) e combattere Hitler. Tuttavia, la "pace sociale" della seconda guerra mondiale è semplicemente un mito. Nonostante tutta la propaganda, i lavoratori di tutto il Canada durante l'intera durata della guerra si sono impegnati in numerose lotte difensive per migliori condizioni di lavoro e contro le restrizioni salariali, per il diritto di sciopero e la contrattazione collettiva. All'inizio della guerra nel 1939, lo stato canadese stabilì una serie di controlli sui salari e sui prezzi. Apparentemente per prevenire l'inflazione in tempo di guerra, in realtà erano un attacco diretto alla classe operaia impedendo aumenti salariali mentre la disoccupazione diminuiva a causa della mobilitazione bellica. In tutto il Canada furono istituiti comitati regionali del lavoro e il National War Labour Board (NWLB) per “mediare” le controversie di lavoro, ma la loro funzione principale era di soffocare la lotta di classe e far rispettare le richieste dei padroni. Durante questo processo di “conciliazione”, gli scioperi sono stati resi illegali. Nonostante la dura repressione degli scioperi durante la guerra, la classe operaia in Canada non sedette affatto con le mani in mano in favore dello sforzo bellico. Al contrario un'ondata di scioperi minacciò la capitale canadese dal 1941 al 1943. In questo periodo, 425.000 lavoratori parteciparono a 1.106 scioperi. Nel 1943, un terzo dei lavoratori sindacalizzati ha partecipato ai picchetti. Questa è stata una risposta diretta ai controlli salariali e al deterioramento delle condizioni di lavoro mentre lo stato mobilitava l'economia per la guerra imperialista. Battaglie campali nella guerra di classe sono state combattute in tutto il paese; lavoratori dei cantieri navali in Quebec e nel Maritimes, lavoratori dei trasporti, acciaierie e uno stabilimento aeronautico a Montreal, operai siderurgici a Sault-Sainte-Marie, Trenton, Sydney, Nova Scotia, minatori a Kirkland Lake e gli operai della Ford a Windsor hanno tutti intrapreso scioperi illegali per difendere le loro condizioni di vita. Alla fine, molti degli scioperi furono sconfitti dalla repressione dei comitati sindacali, dall'intervento del governo federale, dall'uso di polizia e crumiri e dal sabotaggio da parte dei sindacati. Quando gli operai siderurgici di Sault-Sainte-Marie rifiutarono una misera offerta della NWLB, i “leader” sindacali del CIO li costrinsero comunque a fermarsi e ad abbandonare la speranza di riprendere lo sciopero. Lo stato canadese non aveva dubbi sul fatto che il successo dello sforzo bellico fosse basato sulla vittoria del capitale contro i lavoratori. Nel 1943, durante gli scioperi dell'acciaio a Sault Ste. Marie, Trenton e Sydney, il primo ministro William Lyon Mackenzie King incontrava i lavoratori in sciopero per convincerli a non insistere per un salario minimo di 55 centesimi e scriveva nel suo diario: “Ho detto [ai lavoratori dell'acciaio] che devono rendersi conto che alla base di tutta questa guerra c'è la questione della sicurezza sociale [leggi: pace sociale]. Che tutte le parti sono completamente impegnate nel sostenere quell'obiettivo e che il posto da cui dovremo iniziare è nel nostro cortile a Sault Ste. Maria e Sidney.”

La nostra lotta di classe durante la seconda guerra mondiale ci offre una chiara lezione per oggi: rifiutare la "pace sociale", per la lotta di classe! La lotta di classe non cesserà mai semplicemente perché la vogliono i capitalisti; dobbiamo lottare per estenderla a tutti i livelli e fargli assumere un carattere diretto, politico. Mentre le tensioni imperialiste non fanno che intensificarsi e mentre il Canada e ogni altro stato capitalista si prepara al conflitto, ora più che mai dobbiamo lottare per una prospettiva di classe operaia indipendente, per guidare la nostra classe verso la sua vittoria rivoluzionaria definitiva sul sistema capitalista.

Klasbatalo

Venerdì 31 marzo 2023
Giovedì, April 6, 2023

leftcom.org

4331