">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Te lo avevo detto

Te lo avevo detto

(3 Agosto 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

19 maggio 2023: manifestazione di lavoratrici e lavoratori delle aziende partecipate e dei servizi esternalizzati di Roma Capitale

(17 Maggio 2023)

comunicatousi

LA PROTESTA (estratto anche da articolo pubblicato il 9/5 su Roma Today con aggiornamenti): Dagli asili nido, scuole infanzia, biblioteche comunali, amministrativi e tecnici fino ai servizi sociali (comunali ed esternalizzati a cooperative sociali e onlus), FARMACAP, RISORSE PER ROMA, ROMA MULTISERVIZI, ZETEMA, Ama, assistenza ai disabili e minori, mense scolastiche: lavoratori e lavoratrici in stato di agitazione “plurisettoriale”

AGGIORNAMENTO DA USI 1912: VENERDI’ 19 MAGGIO 2023, A PIAZZA SS. APOSTOLI, DI FRONTE ALLA PREFETTURA DI ROMA U.T.G., DALLE 15.30 ALLE 18.30, INIZIATIVA PUBBLICA CON CONFERENZA E INCONTRO CON STAMPA, CON DELEGAZIONI E DELEGATE-I DEI VARI SETTORI IN STATO DI AGITAZIONE, INVITATI ANCHE RAPPRESENTANTI SINDACALI ADERENTI AI SINDACATI COMBATTIVI, CONFLITTUALI E DI BASE

L’Unione Sindacale Italiana ha proclamato, fin dal 6 maggio, la mobilitazione plurisettoriale a Roma Capitale, nelle biblioteche, nelle partecipate del Comune e nelle aziende che svolgono servizi in appalto Uno stato di agitazione plurisettoriale, proclamato per coinvolgere i lavoratori e le lavoratrici, delle partecipate di Roma Capitale e quelli delle aziende che in appalto svolgono servizi per conto del Comune. E’ questa la protesta promossa dall’Unione Sindacale Italiana. Una mobilitazione, scrive il sindacato, “a tutela degli interessi economici, salariali e normativi della forza lavoro utilizzata nei vari servizi esternalizzati di pertinenza di Roma Capitale e del personale capitolino a tempo indeterminato e determinato”. L'Usi proclama lo stato di agitazione nelle partecipate del Comune Diversi dunque i settori toccati e nei quali potranno registrarsi disservizi: dagli asili nido e le scuole comunali, alle biblioteche e servizi culturali, con pure il personale amministrativo e tecnico e dei servizi sociali, dei Dipartimenti e dei municipi.

La protesta investe anche il personale dipendente delle partecipate come Zètema, Risorse per Roma, Ama e Roma Multiservizi, i cui 2500 lavoratori del GLOBAL SERVICE, sono ancora in attesa di sapere come si muoverà il Campidoglio dopo la bocciatura da parte della Corte dei Conti sulla trasformazione dell’azienda in società in house del Comune. Ci sono poi i dipendenti di Farmacap e quelli delle ditte che svolgono servizi per conto di Roma Capitale, tra tutti cuoche e addette mensa, gli Oepac e coloro che si occupano di case famiglia, case riposo e accoglienza migranti e minori non accompagnati.

La protesta dagli uffici ai servizi sociali L’Usi chiede la “piena e completa applicazione e attuazione, delle disposizioni in materia di salute e sicurezza sul e del lavoro” oltre ad un adeguamento degli organici attraverso l’implementazione del piano assunzionale di Roma Capitale “in misura sufficiente a garantire il buon andamento e funzionamento ottimale dei servizi”. Ci sono poi le richieste relative alla stabilizzazione e assunzione del precariato nei servizi educativi-scolastici e il rispetto di alti standard qualitativi per i servizi di assistenza ai disabili e nei servizi assistenziali territoriali, così come nelle mense scolastiche.

“Durante la fase di stato di agitazione sindacale, nei vari settori indicati, saranno attivate forme di mobilitazione e di sensibilizzazione sociale”. Si terranno dunque assemblee, presidi, volantinaggi informativi e sit in che potranno creare qualche disagio. In attesa del richiesto incontro con Campidoglio e Prefettura per evitare lo sciopero e il rischio di paralisi della città.

IL 19 MAGGIO 2023, DALLE 15.30 ALLE 18.30, INIZIATIVA PUBBLICA DI SENSIBILIZZAZIONE E CON INCONTRO CON ORGANI DI INFORMAZIONE, RADIO – STAMPA, SUI MOTIVI ARTICOLATI DELLA PROTESTA E PER LA PROSECUZIONE DELLE INIZIATIVE DI MOBILITAZIONE. INVITATI DELEGATI-E DI SINDACATI CONFLITTUALI E COMBATTIVI DI ROMA CAPITALE E DEI SERVIZI IN APPALTO, cooperative e mense

RIPRENDIAMO LA PAROLA E RICOSTRUIAMO COLLEGAMENTI TRA LE VARIE SITUAZIONI IN VERTENZA CON ROMA CAPITALE, TRA DIPENDENTI CAPITOLINI, DELLE AZIENDE PUBBLICHE E DEI SERVIZI IN APPALTO.

100% SALARI ADEGUATI, SALUTE E SICUREZZA SUL-DEL LAVORO, DIRITTO COLLETTIVI E PERSONALI PER TUTTI E TUTTE SENZA DISCRIMINAZIONI “di genere” (come è avvenuto e denunciato pubblicamente a Zètema P.C.), PER STABILIZZAZIONI DI FASCE DI PRECARIATO E ASSORBIMENTO FORZA LAVORO GIA’ IDONEA A SELEZIONI/CONCORSI PUBBLICI, A COPERTURA VUOTI DI ORGANICO DI FATTO A ROMA CAPITALE E NEI SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI a gestione indiretta.

Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

2022