">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

Vota SI'

Vota SI'

(7 Giugno 2011) Enzo Apicella
Il 12 e 13 giugno vota SI' ai referendum

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

Capitale, ambiente e salute:: Altre notizie

Con la stretta europea, giorni contati per il greenwashing made in Italy?

(26 Maggio 2023)

Report Greenwashing 2023: le norme per contrastarlo in Italia e in Europa

greenwashing

A Circonomìa, il Festival dell’economia circolare e della transizione ecologica giunto all’ottava edizione, è stato presentato il Rapporto Greenwashing 2023, dedicato alle misure attive in Italia e nel mondo per contrastare le pubblicità e le aziende che dicono di essere “green” senza esserlo. Un rapporto che arriva proprio mentre la Commissione europea sta per presentare proposte volte a contrastare attivamente le pratiche di greenwashing, tutelando da una parte i consumatori contro le pratiche di obsolescenza programmata dei prodotti e, dall’altra, regolamentare il “far west” delle etichettature e definizioni fuorvianti su tutela dell’ambiente e del clima, utilizzate dalle aziende per fare marketing con scaltrezza.

Il rapporto di Circonomìa ricorda che «Il termine greenwashing nasce negli anni ‘80, riferito inizialmente alle catene alberghiere che invitano gli ospiti a riutilizzare più volte gli asciugamani invece di farli lavare ogni giorno; una richiesta che veniva spacciata per ambientalista ma derivante, in realtà, solo dalla volontà di contenere le spese».

Presentando il rapporto, vicepresidente del Kyoto Club Francesco Ferrante, ha sottolineato che «Tutti vogliono presentarsi come sostenibili, ma è importante farlo in maniera corretta. Secondo un’indagine di Eurobarometro, si contano oltre 200 esempi di brand che fanno greenwashing, creando confusione nel consumatore. La proposta di direttiva sui “green claims” che è stata presentata dalla Commissione europea il 22 marzo non impatta solo sulle scelte di marketing aziendale, ma ha una valenza di enorme portata, soprattutto in ambito economico. Per questo nel rapporto mettiamo sotto la lente ‘casi di scuola’ di greenwashing in Italia e nel mondo, e facciamo luce sul contesto europeo e internazionale nel quale si inserisce la direttiva».

il Rapporto Greenwashing 2023 rileva che «In Italia la direttiva europea andrebbe a colmare un vuoto, perché non c’è una vera e propria norma che regoli e persegua le pratiche scorrette, sebbene l’Autorità garante del mercato e della concorrenza abbia comminato multe anche ad aziende molto note».

Più avanti del nostro Paese è la Francia, dove è stata vietata la pubblicità relativa alla commercializzazione o promozione dei combustibili fossili e dove sempre in base alla stessa legge ‘Climate & Resilience’ c’è l’obbligo di indicare, all’interno degli annunci pubblicitari, l’impatto climatico dei prodotti.

Principio di trasparenza che regola il “Green Claims Code” in Gran Bretagna, introdotto affinché le aziende possano comunicare correttamente le proprie credenziali ecologiche, riducendo al contempo il rischio di indurre gli acquirenti in errore.

greenreport

5164