">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

No Tav

No Tav

(4 Dicembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

Capitale, ambiente e salute:: Altre notizie

Strage di Viareggio: a 14 anni di distanza la battaglia per ottenere giustizia continua

(28 Giugno 2023)

viareggio, la strage

Anche quest’anno giovedì 29 giugno una delegazione del nostro Comitato sarà a Viareggio, al fianco dell’associazione “Il Mondo che vorrei” che riunisce i familiari delle vittime della strage ferroviaria di via Ponchielli. Dopo il deragliamento di un treno merci e l’esplosione di una cisterna di GPL, il 29 giugno 2009 32 persone morirono bruciate vive nel luogo più sicuro, le loro case. Dalla piccola Iman Ayyad di 3 anni a Mario Pucci, 90 anni.
Saremo al fianco dell’associazione “Assemblea 29 giugno” composta da quei ferrovieri che, nonostante le pressioni pesantissime subite in tutti questi anni, sono sempre stati vicini ai familiari e hanno condiviso la loro lotta - che continua - per ottenere giustizia. Saremo al fianco dei lavoratori e dei cittadini di Viareggio.

E se i martiri di Viareggio - vittime del profitto come i 1.500 morti di lavoro che ogni anno pagano con il sangue e la vita la sfrenata accumulazione capitalistica sui posti di lavoro - ancora devono battersi, dopo 14 anni, e non hanno ricevuto giustizia, un grande risultato l’hanno ottenuto: la verità storica sulla colpa criminale di chi ha messo (e continua a farlo) con suprema indifferenza i bilanci al primo posto e la vita di lavoratori e cittadini all’ultimo e di una “giustizia” di classe che sbeffeggia le vittime e protegge con ogni mezzo i potenti.

La nostra lotta quasi trentennale contro le morti da amianto è la lotta dei familiari delle vittime della strage di Viareggio e di tutte le stragi di questi anni. Non solo per un dovere morale e civile ma perché abbiamo lo stesso nemico: la società del profitto che uccide uomini e natura.

Giovedì sera alle ore 23.48 pensateci: lottiamo non solo per noi ma per tutti. Perché noi tutti non ci limitiamo a “ricordare”, noi continuiamo a batterci contro questo barbaro sistema – il capitalismo - che ci considera solo carne da macello, da sfruttare prima e buttare dopo.

Per la sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita, contro un sistema che calpesta la salute e la vita umana, bisogna ribellarsi in ogni modo possibile. Non è questo il mondo che vogliamo: la nostra vita vale più dei loro profitti.

Comitato per la Difesa della Salute nei Luoghi di Lavoro e nel Territorio, Sesto S.Giovanni

8308