">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Come il gatto col topo

Come il gatto col topo

(24 Marzo 2010) Enzo Apicella
Le dichiarazioni Usa non cambiano la politica di Israele sugli insediamenti a Gerusalemme est

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Sull'emergenza microclima nella sede di Risorse per Roma in Via degli Archivi
    Richiesta provvedimenti a tutela salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici
    (18 Luglio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Imperialismo e guerra)

    Imperialismo e guerra:: Altre notizie

    La propaganda di guerra uccide

    (19 Settembre 2023)

    Frecce tricolori

    Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo la sferzante presa di posizione delle compagne del Comitato 23 settembre sull’uccisione di Laura Origliasso, una bimba di cinque anni, da parte di una freccia tricolore precipitata durante un‘esercitazione nelle vicinanze di Torino. Se non bastassero le altre, una ragione in più per essere a Ghedi, il 21 ottobre a batterci contro la guerra in Ucraina, la propaganda di guerra, i “giochi di guerra”! (Red. Il pungolo rosso)

    LA PROPAGANDA DI GUERRA UCCIDE

    La guerra in casa la portano oggi le Frecce tricolori, orgoglio e vanto della nostra aeronautica militare, che periodicamente solcano i cieli del bel paese sgasando in bianco, rosso e verde tra gli ohhh di meraviglia di piccole o grandi folle col naso all’insù.

    Una propaganda costosissima. Ogni aereo costa 20 milioni di dollari, quindi la pattuglia, che ne conta dieci, è stata pagata 200 milioni di dollari. Un’ora di volo costa 50.000 euro. L’esibizione del virile coraggio dei nostri piloti, capaci di volare rasoterra e di piroettare nel cielo, fratelli gemelli di quelli che si preparano coscienziosamente a lanciare bombe nei teatri dove la guerra si fa, val bene questo prezzo.

    Ma per il reddito di cittadinanza non ci sono soldi, ovviamente.

    Di questo rituale propagandistico ieri ne ha fatto le spese una bimbetta di 5 anni, di nome Laura, e tutta la sua famiglia che, più o meno gravemente ferita, è comunque distrutta dal “fatale incidente”. Un danno collaterale di poco peso, meritano si è no un minuto di compunto silenzio in attesa che ricominci la bagarre.

    Questo governo non si farà scoraggiare dalla morte della piccola Laura. Anzi siamo sicuri che darà ancor più fiato alla propaganda bellica, al richiamo alla patria, ai tricolori che sventolano sempre più numerosi negli stadi. Si sa che lo sport è il terreno dove la propaganda nazionalista passa in modo massiccio e praticamente indolore. Alla retorica dello sport che unisce, si sostituisce sempre più chiaramente lo scontro che divide. Quello in cui atleti e pubblico cantano con demenziale ardore l’inno nazionale, di cui, grazie al linguaggio ottocentesco con cui è scritto, ben pochi capiscono il significato. L’Italia che ripudia la guerra “s’è desta” (magari si destassero veramente milioni di sfruttate e sfruttati dallo stato soporifero in cui sono caduti). “Dell’elmo di Scipio s’è cinta la testa” (qui sarebbe da chiedersi quanti italiani, parlamentari compresi, sanno chi è questo Scipio) e infine, “dov’è la vittoria, le porga la chioma (che vuol dire?) che schiava di Roma iddio la creò”. Qui bisogna aver fatto il classico per sapere che la rasatura era un trattamento riservato agli schiavi. Comunque, è necessario tenere bene a mente che gli elementi fondamentali ci sono tutti: Iddio, la Patria, la vittoria di Roma non per meriti ma per volontà divina… E tutti a cantare simili demenzialità sventolando il tricolore. E’ vero, nel riferimento manca la famiglia, potremmo chiedere di partecipare alla famiglia di Laura, appena avrà tempo.

    Insomma, di propaganda si può morire, e non è la prima volta. In un terribile “incidente” avvenuto nel 1988 fa in Germania, dove le frecce si esibivano in trasferta, uno degli aerei precipitò sulla folla facendo 80 morti. Qualche ripensamento? Assolutamente no.

    Questi episodi cadono prontamente nell’oblio. Dobbiamo amare il nostro esercito, i nostri ragazzi. Non bastano i contenuti guerrafondai delle scuole, ora bisogna esibire anche il contenitore adatto. Ma si, cosa vuoi che siano, sono solo zainetti! A dieci anni ti fingi un combattente della Folgore come cinquant’anni fa ti fingevi cow-boy…

    Non è uno scherzo, e siamo in grave ritardo nel rispondere a tutto questo. L’ideologia nazionalista, individualista, concorrenziale, machista, razzista, inoculata goccia a goccia per decenni, ora sta diventando una marea. Solo la mobilitazione di massa potrà fermarla. La dobbiamo costruire.

    Dobbiamo gridare a gran voce ancora una volta: NON PIU’ FIGLI PER LE VOSTRE GUERRE!

    Comitato 23 settembre

    2010