il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

La grazia di Napolitano

La grazia di Napolitano

(6 Aprile 2013) Enzo Apicella
Napolitano concede la grazia al colonnello Joseph Romano condannato dalla corte d'Appello di Milano per il rapimento Abu Omar

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Il mondo alla rovescia

Report del convegno di Napoli sull'eurocentrismo tenuto sabato 26 novembre 2005 a Napoli e organizzato da RED LINK e RETE DEI COMUNISTI

(29 Novembre 2005)

Sabato 26 novembre, si è svolto a Napoli, il Convegno sull'eurocentrismo, organizzato da Red Link e dalla Rete dei Comunisti.

Avevamo già illustrato, nella Traccia di Discussione, circolata abbondantemente in rete e nei circuiti militanti, che la nostra trattazione, nonostante la vastità, l’articolazione e la complessità degli argomenti che si proponeva (e si propone tuttora), voleva essere tutt’altro da una digressione accademica o da addetti ai lavori.

L'obiettivo con il quale abbiamo organizzato il Convegno, le modalità con cui si è svolto ed il continuo approfondimento teorico/politico che necessita anche per il prossimo futuro simboleggiano, con evidente chiarezza, uno stile di lavoro (ci sia consentito il termine) sobrio e, nel contempo, militante.

Gli interventi svolti, nelle sei ore di dibattito, ben 16, sono entrati, a vario titolo, nel tema della discussione con contributi di tipo generale ed alcuni focus su questioni specifiche correlate all’ argomento dell’incontro.

Particolarmente le due relazioni introduttive hanno affrontato, sia pure con l’obbligata stringatezza dei tempi imposti da un Convegno di un'unica giornata, i seguenti argomenti:

- la critica della teoria del dispotismo asiatico e del miracolo europeo;

- la critica dell’evoluzionismo progressista con particolare attenzione alla vicenda della scoperta dell’America come presupposto risultato di una superiorità dell’Europa;

- la riaffermazione della centralità del salto drammatico rappresentato dal colonialismo e del mercato mondiale nella genesi del capitalismo;

- il razzismo e divisioni nazionali quali elementi imprescindibili del mercato mondiale capitalistico, con particolare riferimento al controllo del mercato del lavoro e dei costi delle materie prime;

- l'importanza del lavoro schiavistico o coatto, ieri ed oggi, con attenzione al nuovo lavoro migrante;

- una riflessione sulla disponibilità alla lotta dei lavoratori delle periferie e comunque dei settori, presenti anche nelle aree metropolitane delle cittadelle imperialistiche, cosiddetti arretrati;

Altri compagni sono intervenuti con comunicazioni sul tema della Resistenza Globale (con particolare attenzione alla piena legittimità della Resistenza Irachena in opposizione ad ogni fuorviante equiparazione con la categoria del terrorismo tout-court) e sul caso dell’esplosione del cortile di casa (la rivolta delle banlieu francesi) con gli evidenti imbarazzi e le vere e proprie difficoltà interpretative evidenziate, ancora una volta, dalla quasi totalità dei commentatori della sinistra nostrane ed europea. Naturalmente non è mancato il contributo di alcuni compagni, migranti e non, impegnati nel difficile e controcorrente lavoro di autorganizzazione degli immigrati in riferimento, anche, alla costruzione della Manifestazione Nazionale del prossimo 3 dicembre a Roma.

Siamo consci che l’attenzione su questi temi, nel Convegno ed oltre, ci appare “troppo accentuata” o “troppo poco accentuata”. Pur esprimendo un punto di vista in qualche modo "schierato", la nostra volontà è stata quella di lanciare un sasso nelle acque staggnanti di una cosiddetta sinistra la quale, anche in alcune sue versioni apparentemente più radicali, è pervasa da una filosofia e da un agire politico impregnato di vizi eurocentrici che riverberano, sempre più scopertamente, in ogni azione di tipo culturale, politico e sociale. In Italia e nei paesi a capitalismo maturo soprattutto!!

Il nostro impegno, quindi, resta quello di aprire seriamente un dibattito, ad ampio raggio, per recuperare, rapidamente, quel ritardo teorico e politico, evidenziatosi persino in alcune componenti del movimento No War e No Global. Un percorso di analisi e confronto - propedeutico all’iniziativa politica che conduciamo su varie questioni - che deve continuare nei prossimi mesi e che non mancherà di realizzare nuovi luoghi pubblici di discussione e di socializzazione.

NAPOLI,
27/11/05

Red Link
Rete dei Comunisti

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il polo imperialista europeo»

Ultime notizie dell'autore «Red Link - Napoli»

6150