">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Horror

Horror

(29 Aprile 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Stato e istituzioni:: Altre notizie

Il programma reazionario dell'attuale governo in Italia fa esplodere il nuovo conflitto sociale

(1 Marzo 2024)

Spiaggia di Cutro

L’attuale governo Meloni, in carica da Settembre 2022, sta tratteggiando, col proprio programma, un disegno reazionario che ricorda tempi infausti in Italia.
Comincia, appena eletto, dall’occupazione di tutti i bunker del potere borghese, le cosiddette ‘casematte’ della società civile tra le quali la scuola, i media, e le organizzazioni culturali in genere, procede con le politiche dell’accoglienza che chiamarle disumane è un eufemismo, propone l’elezione diretta del presidente del consiglio, si esibisce in una ostentazione di politiche guerrafondaie e tira fuori gli artigli per avvilire e scoraggiare il diritto di sciopero e quello di manifestare liberamente le proprie idee. Nell’anno appena trascorso, tanto per dare un assaggio, questo governo si è lanciato in un attacco al diritto di sciopero arrivando perfino, in occasione dello sciopero generale dei trasporti, a firmare la precettazione per obbligare i lavoratori a non assentarsi dal lavoro. Di sicuro il mondo sindacale non ha apprezzato, ma pure, a onor del vero, non ha mostrato la dovuta fermezza, nell’esercizio della tutela dei diritti dei lavoratori. Nei giorni scorsi si è proseguito con una forte repressione, tramite i soliti celerini della polizia, armati dei consueti manganelli, nei confronti degli studenti che manifestavano in sostegno del popolo palestinese vittima di genocidio da parte dello ‘stato’ israeliano, barbaro e sionista, che il governo italiano stesso sostiene. Tutto ciò per avvertire che in Italia è vietato scioperare e parlare di Pace e non sarà tollerato alcun segno di disubbidienza o ribellione. Ma l’esordio, macchiato con morti, del governo in carica, è avvenuto un anno fa, allorquando un barcone della disperazione con circa 180 migranti, molti dei quali bambini, è stato lasciato affondare nello specchio d’acqua davanti a Cutro in Calabria, nonostante le segnalazioni, senza che ci fosse il minimo soccorso, tranne i tentativi disperati di aiuto di gente del luogo. Così, tanto per far capire come si ha intenzione di gestire l’accoglienza di tutta quella gente che scappa da guerra e fame. Tutte le circostanze e i dettagli della vicenda rivelano comportamenti politici e istituzionali con un profilo feroce. Una tematica, per il governo attuale, quantomeno fastidiosa, che considera le persone deboli e indifese solo un ‘carico residuale’, da collocare in ‘zone di stoccaggio’ magari in attesa di offrirlo eventualmente ai padroni dello sfruttamento nell’edilizia dove poi muoiono per mancanza di misure di sicurezza o nei campi a schiattare sotto il sole rovente dell’estate. Avvertimento ai migranti dunque: ‘non mettetevi in acqua per venire da noi perché non avrete alcun aiuto’. Un altra dimostrazione di come questo governo stia procedendo alla conquista autoritaria dello stato, è la collocazione delle sue pedine più disciplinate e sottomesse, all’apice dei punti nevralgici del potere nella società civile. A scuola diktat di stampo conservatore e oscurantista mentre nel mondo della comunicazione purghe e turn-over eseguiti soprattutto nella Rai sono l’esempio più lampante. Direttori e giornalisti fedelissimi, ‘blocco unico’, per occultare ogni cosa e soffocare ogni voce che dissente dal pensiero unico, perfino l’arte che in alcuni casi si permette il lusso di gridare ‘cessate il fuoco’. Un tempo se non altro esisteva la ‘spartizione’. In politica economica l’Italia è pedina di comodità dell’Europa, in politica estera invece, intanto che si gioca a dirigere l’assemblea del G7, si è sempre e comunque stretti dall’abbraccio letale dell’atlantismo, mostrandosi continuamente succubi dei grandi signori della guerra, gli USA, che con logica tipicamente imperialista scatenano guerre e sostengono conflitti in giro per il mondo, per poi sedersi tutti insieme, Italia compresa, al tavolo della ricostruzione e dell’assistenza ognuno con le proprie multinazionali di riferimento, immettendo ‘pecunia’ nelle casse di un capitalismo spietato e cruento. Infine, la proposta di eleggere il presidente del consiglio direttamente dal popolo così che possa avere pieni poteri delegittimando parlamento e presidente della repubblica, con l’obiettivo di stravolgere l’impianto democratico della Costituzione per superare, con l’autoritarismo, in modo stabile e permanente le disposizioni pluraliste racchiuse in essa e far cadere nell’oblio la memoria della Resistenza da cui la stessa ‘Carta’ nasce. Tanti cominciano a pensare che davvero è il momento di tutti i sinceri democratici e antifascisti, sparsi ovunque, affinché si uniscano e si ricompattino, come probabilmente, guardando a tutte le manifestazioni di protesta, sta avvenendo, per erigere un solido argine a ciò che potrebbe nuovamente essere, se il popolo tergiversa. L’auspicio è che il nuovo conflitto sociale che sta deflagrando a tutela della Libertà e della Democrazia, divarichi sempre più le lotte intestine per la supremazia nell’esecutivo e metta in risalto i contorni nostalgici che questo governo giorno dopo giorno sta scoprendo.

Pasquale Aiello

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

2361