il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Ventiquattro ore senza di noi

Ventiquattro ore senza di noi

(1 Marzo 2010) Enzo Apicella
Sciopero generale dei lavoratori migranti

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(L'unico straniero è il capitalismo)

4 dicembre 2004 – 3 dicembre 2005: gli immigrati in marcia!

Volantino distribuito al corteo di Roma del 3 dicembre 2005

(2 Dicembre 2005)

Oggi immigrati dall’Africa, Asia, America Latina, Est Europa sono di nuovo in piazza per lottare per gli stessi obiettivi: rivendicare libertà e diritti per tutti i migranti. L’ultima volta fu proprio un anno fa, il 4 dicembre 2004 quando in più di ventimila sfilarono per le vie di Roma per rilanciare la battaglia contro la legislazione razzista del governo Berlusconi e non solo.

Se oggi il movimento degli immigrati è di nuovo in piazza è anche grazie alla lotta dello scorso anno e di tutto il percorso precedente dove gli immigrati hanno dato vita e rafforzato propri comitati e coordinamenti per la difesa dei propri bisogni primari: per la casa, il permesso, i rinnovi, contro la repressione, il diritto di asilo, contro le minacce di espulsione e i cpt.

Dallo scorso anno anche l’attacco del governo è diventato più duro. Viene rafforzata la detenzione amministrativa nei cpt (o centri di identificazione). Con gli ultimi regolamenti attuativi della Bossi-Fini e le richieste di idoneità alloggiative si rendono più difficili i rinnovi e si danno in mano a padroni e padroncini ulteriori elementi di ricatto nei confronti del lavoratore che dovrebbe elemosinare al proprio datore di lavoro anche la dichiarazione di idonetà della propria abitazione. Il decreto Pisanu anti-terrorismo incrementa sia la repressione nei confronti degli immigrati tacciati e schedati come presunti terroristi, sia un clima sociale e politico che ha l’obiettivo di rafforzare la diffidenza dei lavoratori italiani nei confronti delle mobilitazioni degli sfruttati immigrati, sia le politiche di guerra indicando dentro e fuori l’Italia nel musulmano il proprio nemico.

Insomma qui come in tutta Europa la politica del governo è caratterizzata dalla logica della guerra interna contro gli immigrati – che è l’altra faccia della guerra globale e permanente esterna, in Iraq, Afghanistan e Palestina – per piegarli al moderno regime di schiavitù neo-coloniale: schiavitù basata sul lavoro senza diritti (da estendere anche agli italiani ed europei attraverso la crescente precarietà del lavoro e delle condizioni generali di vita), sull’esclusione, sulla non riconoscimento delle proprie identità culturali, sulla repressione e detenzione nei lager di stato, attraverso la militarizzazione delle frontiere (dove i governi sparano sugli immigrati – come a Ceuta e Melilla in Spagna – o li affondano in mare come in Italia). In Francia, la rivolta delle banlieues e delle periferie ghetto ha mandato una prima risposta a tutti i governanti europei: è possibile lottare contro la colonizzazione interna e il dominio del mercato, svelando agli occhi di tutti gli sfruttati la realtà di questa Europa.

E anche la manifestazione di oggi è una prima risposta sia contro la destra che sta governando e alla sinistra che vorrebbe governare nel futuro, entrambi, però, nel rispetto della stessa logica: la logica della governabilità dell’immigrazione, che significa, appunto, controllare e irriggimentare gli immigrati come lavoratori usa e getta secondo le necessità delle imprese e del mercato, che in Italia è stata avviata decisamente dalla Turco-Napolitano del centro-sinistra e poi perfezionata dalla Bossi-Fini del governo Berlusconi.

Contro questo, oggi si mette in atto e prosegue un percorso vitale: quello di rafforzare e promuovere un vasto movimento nazionale autorganizzato e unitario delle molteplici reti di immigrati. E’ un percorso essenziale perché solo attraverso la lotta è possibile contrastare questo modello neo-coloniale e razzista, rafforzando tutti gli elementi di collegamento, coordinamento e unità degli immigrati.

Un primo rafforzamento viene proprio dal tentativo di oggi di rispondere ai principi della governabilità coloniale dell’immigrazione con un proprio programma autonomo e unitario di battaglia che rivendica l’abrogazione di tutte le leggi sull’immigrazione (Bossi-Fini e Turco-Napolitano), la rottura del legame tra contratto e permesso di soggiorno, la chiusura dei cpt, l’amnistia per le lotte contro i cpt e per i reati connessi alla condizione di clandestinità che proprio queste leggi producono, l’abrogazione del decreto Pisanu, il ritiro di tutte le truppe dall’iraq e la fine dell’occupazione militare. Programma politico che per rafforzarlo dobbiamo evitare di cedere alla tentazione o alla illusione di aspettarci alcuna cosa da un ipotetico futuro governo di centro sinistra, ma che già da domani richiede che viva nelle battaglie difendendo e rafforzando l’autonomia del movimento degli immigrati da qualsiasi governo. Così come questo programma non può essere disgiunto dalla necessità di avviare, dai temi generali ai singoli provvedimenti, una vertenza unitaria e nazionale contro il governo, sulla base di una propria piattaforma unitaria che mantenga sempre al centro la rivendicazione per tutti di una regolarizzazione permanente senza i ricatti ed i vincoli delle condizioni di casa e di lavoro.

Non ci nascondiamo, affatto, che questa prospettiva necessita che la lotta degli immigrati esca dall’isolamento e dall’indifferenza (talvolta ostile) dei lavoratori italiani. I sindacati confederali usano strumentalmente questa verità per non assumersi il compito di una coerente battaglia contro il razzismo e la prigione sociale instaurata dalla Bossi-Fini e dalla precedente Turco-Napolitano. Si accontentano di dare battaglia su questioni di dettaglio ed accettano il legame maledetto tra contratto di lavoro e permesso di soggiorno su cui si basa l´intera impalcatura della moderna schiavizzazione del lavoro immigrato. Una schiavizzazione perfettamente funzionale all’intera politica di deregolamentazione del lavoro in atto contro gli stessi lavoratori italiani.

Anche l’assenza della CGIL da questa manifestazione ha un suo peso negativo. Il sospetto e l´indifferenza con cui questa organizzazione guarda alla mobilitazione diretta degli immigrati è una conseguenza del buon occhio con cui Epifani (e il centro-sinistra) guarda ad un nuovo fronte con il “padronato produttivo” per smussare solo le punte estreme della politica iper-liberista del governo attuale. Naturalmente per il padronato va bene eliminare qualche vincolo alla “gestione” degli immigrati, va male se questi prendono sul serio l’obiettivo di buttare a mare la Bossi-Fini con i metodi della mobilitazione e “pretendono” di non inchinarsi al ruolo di “rispettosi” lavoratori di serie c.

Non possiamo rassegnarci a questa ennesima prova di indisponibilità dei grandi sindacati. Anzi, lo scorso anno come oggi si sta dimostrando che è possibile condurre un percorso che accomuni il rafforzamento della mobilitazione e dei legami unitari oggi espressi in piazza con la necessità di rapportarsi ai lavoratori italiani. Le ragioni profonde di manifestazioni come quella dello sciopero metalmeccanico di ieri non sono affatto contrapposte alla lotta contro la Bossi-Fini.

Il grande sforzo organizzativo, la prova di decisione e di coraggio espressa dagli immigrati in lotta è il viatico e l’esempio su cui da domani tutti dovranno confrontarsi, compresi i lavoratori italiani che intendono combattere più decisamente la politica del Governo.

i/le compagni/e di Red Link
red_link@tiscali.it - red_link@yahoogroups.com

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «L'unico straniero è il capitalismo»

Ultime notizie dell'autore «Red Link - Napoli»

4299