">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Thatcher

Thatcher

(9 Aprile 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Flessibili, precari, esternalizzati)

UNIVERSITA' ROMA 3: AGGRESSIONI, INTIMIDAZIONI E MINACCE VERBALI AL PERSONALE DELLE PORTINERIE

Segnalazione e richiesta intervento da Usi 1912

(10 Luglio 2024)

ateneo roma 3

Roma, 8 luglio 2024 via e mail loro sedi

Alla c.a. soc. coop. sociale 134 info@134.coop RIMINI
Alla c.a. soc coop sociale Copura copura@copura.it RAVENNA
alla c.a. Dott.ssa Barbara Piccirilli CNS (aggiudicataria appalto servizi integrati e gestione del patrimonio Ateneo di Roma 3) c/o CNS e via e mail (con allegato)
Alla c.a. del coordinamento dell’appalto via e mail portinerie cns.portinerie@uniroma3.it
p.c. Alla c.a. del Direttore Generale p.t. Università degli STUDI Roma Tre Arch. Alberto Attanasio direttoregenerale@uniroma3.it alberto.attanasio@uniroma3.it

OGGETTO: segnalazione e intervento sostegno, da parte di O.S. Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912, per fatto avvenuto ai danni di ns. assistito e associato, sig. (omissis) in data 27 giugno u.s. e da lui già prontamente segnalato alla cooperativa 134, datore di lavoro e all’ufficio di coordinamento, per aggressione verbale, minacce e intimidazione alla fine del turno di lavoro presso sede di via della Vasca Navale 109.

INVITO A VERIFICA SITUAZIONE NON CONFORME E RISPETTO A FAVORE DEL PERSONALEIN SERVIZIO E IN ORGANICO NELL’APPALTO DI SERVIZI INTEGRATI E GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DELL’ATENEO DI ROMA 3, ALLE ELEMENTARI NORME DI TUTELA DI INCOLUMITA’ FISICA E MORALE EX ART. 2087 c.c., nonché a norme su SALUTE E SICUREZZA SU LAVORO E DEGLI AMBIENTI DI LAVORO (di cui al D. Lgs. 81 2008), PER ELIMINAZIONE E RIDUZIONE, DA FATTORI DI RISCHIO E PERICOLO, DI ASSEGNARE ALLE POSTAZIONI, SPECIE QUELLE PIU’ ESPOSTE, UNA SOLA UNITA’ DI PERSONALE PER TURNO. INVITO ALLA RIMOZIONE DEL FATTORE DI RISCHIO da parte del soggetto aggiudicatario di appalto (CNS) e del datore di lavoro soc coop sociale 134 (cooperativa di tipo B), NONCHE’ A VERIFICA DEL RELATIVO D.V.R. e per Ateneo di Roma 3, del corrispondente D.U.V.R.I., con informazione alla O.S. segnalante. Preavviso iniziative di tutela e intervento in caso di omissione, mancato adeguamento e rimozione fattori di rischio e pericolo e mancata applicazione degli obblighi di legge, ai competenti organi territoriali di vigilanza e controllo.


La scrivente Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912 e ricostituita, in sigla sintetica USI 1912, presente da molti anni nell’appalto in questione e già firmataria di accordi collettivi sia in sede ITL che con la CNS applicati, segnala quanto indicato nell’oggetto della presente nota, comprensiva della segnalazione prontamente fatta dal lavoratore (che ha anche incarico accreditato dal sindacato di riferimento come delegato Rsa interno), (omissis) per la descrizione del fatto avvenuto in data 27 giugno 2024, invitando sia l’Ente committente dell’appalto Ateneo di Roma 3, che la cooperativa sociale 134 al quale la CNS aggiudicataria dello stesso, assieme alla soc coop sociale Copura, ha assegnato la gestione materiale delle prestazioni lavorative, alla rimozione dei fattori di rischio e pericolo indicati, all’adeguamento del D.V.R relativo e alle misure da prendere per evitare che tali episodi, non nuovi nella complessiva gestione dell’appalto, non avvengano, tutelando i dipendenti (si specifica che la soc coop sociale 134 è anche classificata come cooperativa sociale di tipo B, che meriterebbe una maggiore attenzione per l’incolumità psico fisica, nonché per quella morale intesa come reputazione, onore e capacità lavorativa serena per i soggetti svantaggiati, ex art. 2087 codice civile e D Lgs 81 2008, applicabile anche ai soci e dipendenti della soc coop Copura), per l’Ateneo di Roma 3 anche con verifica di adeguamento e aggiornamento del rispettivo D.U.V.R.I., per quanto di competenza.

Lascia perplessi che per esigenze di risparmio sui costi complessivi per la forza lavoro assegnata, specie nelle postazioni più esposte, a quelle con maggiore frequentazione di studentesse-studenti e personale docente e TAB, si mantenga una sola unità di personale per turno, fattore di rischio che non solo in edilizia ma in generale sui posti di lavoro, in appalto, affidamento o convenzione oltre a servizi a gestione diretta, espone tali categorie di personale, specie quelli di cooperative di tipo B, già in condizione di varie forme di svantaggio sociale, a tali episodi, fattori di rischio e pericolo per la loro incolumità, sicurezza e lesione delle professionalità, impegno, compresa la reputazione e onore nello svolgimento della prestazione lavorativa, da condotte lesive, minacciose, denigratorie, fino all’aggressione. Solo la presenza, del collega che stava prendendo il turno di lavoro del sig. (omissis), ha evitato il peggio, dato anche il carattere di “fragilità” dei dipendenti o soci di coop. di tipo B, o in generale per tutti i casi in cui sono assegnate, nelle postazioni, lavoratrici, in termini di sicurezza. Si auspica che tale segnalazione sia presa in seria considerazione, volendo evitare di dover intervenire in modo ulteriore, come è nelle prerogative e storia di questo sindacato, innanzi agli organismi competenti di vigilanza e controllo in modo formale e con le misure necessarie. Tanto vi era dovuto a tutti gli effetti sindacali, contrattuali e di legge. Ci si rende disponibili, al confronto su tali situazioni, non nuove nella storia di questo appalto. Distinti saluti, per contatti usare la e mail usiait1@virgilio.it

Trasmette per Usi 1912 e sezione sindacale nell’appalto – il segr. Intercategoriale p.t. Roberto Martelli

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Flessibili, precari, esternalizzati»

Ultime notizie dell'autore «UNIONE SINDACALE ITALIANA USI»

1231