">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Avellino: Solidarietà a Marco Ferrando e a Giovanni Maraia

e richiesta di c.p.n. e di C.p.p. x richiesta dimissioni del seg. prov. G. Imbriano

(19 Febbraio 2006)

Riteniamo una vera operazione l’ esclusione del compagno Ferrando dalle liste elettorali del PRC.

Pur avendo noi compiuto un analisi politica diversa da quella di Ferrando, lo consideriamo un attacco al diritto di critica, di dissenso, un attacco all’ autonomia ed all’ identità del PRC,un atto di insensata subalternità all’ Unione.

Prende corpo, da vecchi fantasmi del 900, il partito potere, il partito detentore della verità assoluta, il partito dogma che opprime e reprime, tanto da attuare un processo sommario contro il pensiero critico,un processo inquisitorio contro contro coloro che non intendono omologarsi al programma dell’ Unione.

La segreteria nazionale del PRC,epurando il compagno Ferrando , ha voluto annullare lo statuto del PRC, evitando la convocazione del comitato politico nazionale, unico organismo abilitato a decidere riguardo alle candidature alla Camera e al Senato.

Il segretario nazionale del PRC ha inteso bloccare il confronto democratico interno, ha voluto evidenziare, per chi non lo avesse capito, che il PRC è una sua proprietà.

E’ un atto di involuzione che distrugge il PRC.

Noi chiediamo l’immediata convocazione del Comitato Politico nazionale del PRC per discutere riguardo alla candidatura di Ferrando.

L’ epurazione del compagno Ferrando, con tutti i suoi effetti devastanti non è un caso isolato.

Nella Provincia di Avellino e nella Regione Campania i luogotenenti di Bertinotti hanno compiuto un altro atto d’ espulsione: il veto posto dal segretario provinciale Imbriano ed accettato dalla maggioranza della Segreteria Regionale del Prc, sulla candidatura del compagno Maraia.

Questo veto simile ad una scomunica, mai motivato, ha obbligato i compagni dell’Area de L’ Ernesto (Mozione 2) e dell’ Area critica a non essere candidati nelle liste elettorali in tutta la Regione Campania.

Un veto che acuisce la seria lacerazione interna al PRC e che fa seguito alla nostra richiesta di una gestione collegiale ed unitaria del partito e della campagna elettorale.

I piccoli bertinottiani irpini hanno immediatamente avviata la pratica gestionale padronale del PRC.

Siamo sempre più convinti, ed il veto nei confronti del compagno Maraia ne è una conferma, che l’attuale segretario provinciale del PRC, insieme a pochi altri dirigenti locali, sono obbligati per conto di altri partiti dell’ Unione a distruggere il PRC.

L’ omologazione alla giunta De Simone, al suo programma ed alla sua pratica politica, la mancata verifica politica alla Provincia più volte richiesta , il rifiuto a concedere al PRC un assessore, nonostante le reiterate richieste del segretario provinciale,le assunzioni clientelari di D’ Addesa, le sporche e squallide operazioni compiute dal PRC compreso il segretario provinciale con i lavoratori della Mondialelit di Montemiletto, il silenzio sulla crisi delle attività industriali in Irpinia, sono tutti atti che confermano la volontà politica di distruggere il PRC, per conto terzi.

Una volontà politica di distruggere il PRC e la sua pratica conflittuale attuata con continuità nell’ ultimo decennio in Irpinia.

Noi vogliamo che il PRC continui ad essere un partito, un organizzazione suscitatrice di conflitto ed animatore di quella soggettività, quale concreta alternativa all’ attuale sistema degli affari e della corruzione.

Chiediamo l’ immediata convocazione del Comitato Politico Provinciale per condannare l’operazione di Ferrando e Maraia , per richiedere le dimissioni del Segretario provinciale di Avellino ed avviare un percorso unitario per la gestione collegiale ed unitaria del PRC in Irpinia.

Grottaminarda 17 Febbraio 2006

Giovanni Maraia Comitato Politico Nazionale PRC
Carmine Cogliano Comitato politico Provinciale PRC
Emilio Savino Comitato politico Provinciale PRC
Beniamino Petracca Comitato politico Provinciale PRC
Antonio Ragazzo Comitato Politico Provinciale PRC
Nicola Servodio Comitato Politico Provinciale PRC
Carmine Ferrante Comitato Politico Provinciale PRC
Rita Chirico Comitato Politico Provinciale PRC
Adriano Garofano Comitato Politico Provinciale PRC
Luigi Di Bianco Comitato Politico Provinciale PRC
Vittorio Iarrobino Comitato Politico Provinciale PRC
Francesco Pagliarulo Comitato Politico Provinciale PRC
Carmine Calvanese Comitato Politico Provinciale PRC
Gennaro Clemente Comitato Politico Provinciale PRC
Luigi Caputo Comitato Politico Provinciale PRC
Tommaso Iannuzzi Comitato Politico Provinciale PRC
Mario La Canfora Iscritto PRC di Ariano I.
Antonio Minichiello Iscritto PRC di Grottaminarda


sono le firme di + di un terzo del comitato politico provinciale di Avellino
N.B. mancano le firme della mozione di Ferrando. Se votassero con noi potremmo far approvare la solidarietà e gli altri odg relativi.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

9647