il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Il sogno

Il sogno

(15 Ottobre 2010) Enzo Apicella
Il 16 ottobre manifestazione nazionale dei metalmeccanici Fiom contro la "medicina Marchionne"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Contratto Metalmeccanici)

Con gli irresponsabili di Pomigliano... senza se e senza ma!!

(24 Marzo 2006)

L’Assemblea Nazionale, convocata dai compagni dello SLAI/Cobas, per organizzare la protesta contro i licenziamenti di Pomigliano d’Arco è un appuntamento di mobilitazione da sostenere pienamente e da propagandare nei posti di lavoro e sul territorio.

Senza ritornare sui contenuti deludenti e peggiorativi - particolarmente in materia di precarizzazione del lavoro e di tutela dei diritti - del Contratto Nazionale firmato da CGIL, CISL e UIL, la vicenda repressiva di Pomigliano d'Arco è paradigmatica del modello autoritario e blindato di relazioni sociali e sindacali che, di fatto, si stanno imponendo nei luoghi di lavoro ed in tutta la società.

Del resto quello che è accaduto alla FIAT di Pomigliano è stato anticipato, nei mesi scorsi, dal linciaggio mediatico e giudiziario a cui sono stati sottoposti i lavoratori dei trasporti pubblici che pure avevano bocciato il Contratto/Bidone, dall’attacco contro i lavoratori aeroportuali che hanno contestato la ristrutturazione selvaggia del settore e dalla messa all’indice di tutte quelle vertenze che per esprimersi compiutamente hanno dovuto infrangere la gabbia dell'articolo 146/90 (la regolamentazione e limitazione del diritto di sciopero)

Un Accordo, quello dei Meccanici, bocciato alla FIAT di Melfi (1800 contrari contro 1200 a favore), alle carrozzerie di Mirafiori, alla Fincantieri di Riva Trigoso (89% di NO) ed ai Cantieri Navali di Palermo. Un significativo risultato che non si è limitato ai più grossi centri operai del paese ma che raggiunge il 25% dei NO in Liguria ed il 20% in Piemonte. Del resto per chi è ancora dubbioso o vittima della massiccia propaganda dei sindacati collaborazionisti, per come vengono condotte e gestite le assemblee operaie di ratifica degli accordi, consigliamo la visione del video, autoprodotto dallo SLAI/Cobas, in cui è possibile rendersi conto del reale andamento dell’assemblea di Pomigliano che ha bocciato l’Accordo e del comportamento arrogante e provocatorio tenuto dai sindacalisti di FIOM-FIM-UILM.

Si vergogni – quindi – il “sinistro” Rinaldini il quale, in evidente difficoltà politica rispetto a quanto accaduto a Pomigliano, è ricorso ad una squallida denuncia alla Magistratura contro lo SLAI/Cobas per tentare un impossibile recupero di un immagine della FIOM che, specie a Pomigliano, ha, negli ultimi anni, sempre sottoscritto accordi peggiorativi delle condizioni di lavoro, con buona pace delle “chiacchiere della domenica” sulla presunta alterità/diversità della FIOM rispetto alla CGIL!!!

I lavoratori di Pomigliano colpiti dai licenziamenti, in queste settimane, sono stati lasciati soli da tutta la sinistra. Non abbiamo visto appelli alla mobilitazione, gesti di solidarietà concreta, comunicati o interrogazioni parlamentari da parte di nessun partito.

Anzi, particolarmente, il PRC mantiene, su questa questione, un pesante e premonitore silenzio. Pesante perché costituisce un tacito avallo all’operato repressivo della FIAT e premonitore perché esemplificativo di quello che sarà l’azione politica e sindacale contro i lavoratori di un prossimo probabile governo dell’Unione Prodiana d cui il PRC costituirà una componente essenziale.

A fronte di questo scenario – in cui i licenziamenti di Pomigliano sono un campanello d’allarme da comprendere pienamente – occorre esprimere il massimo di solidarietà militante verso i compagni della FIAT licenziati e lottare per il loro immediato reintegro in fabbrica.

Nel contempo – però – occorrerà mettere mano, tutti assieme, alla ricostruzione e riqualificazione politica ed organizzativa di un movimento di massa che, dentro e fuori i posti di lavoro, unendo lavoratori, disoccupati, precari a vario titolo, immigrati e quanti vivono la pesantezza dello sfruttamento e dell’alienazione capitalistica riesca ad arginare ed ostacolare le politiche di ulteriore attacco e deregolamentazione del mercato del lavoro e della generale condizione operaia.

Il complicato scenario politico ed istituzionale che si approssimerà nei mesi a venire ci chiama a scelte di maturità politica in cui non dovranno trovare posto settarismi organizzativi, tanto inefficaci quanto ingiustificati, anzi – quanti hanno a cuore l’autonomia,l’indipendenza e l’espansione dei movimenti – dovranno trovare tutte le occasioni possibili per esprimere, unitariamente, le ragioni politiche e sociali delle lotte rifiutando le esche avvelenate, i bavagli dei probabili “governi amici” ed ogni imperativo di disciplinamento verso le compatibilità dei poteri forti del capitale.

L’Assemblea del 25 a Napoli al POLITECNICO, l’Incontro di alcune Reti Sociali di Movimento del 26 a Roma, al Cinema TIBUR, possono essere alcuni dei passaggi concreti e condivisi in questa direzione di marcia da percorrere!!

RED LINK

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Contratto Metalmeccanici»

Ultime notizie dell'autore «Red Link - Napoli»

5737