il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Giornata contro la violenza sulle donne

Giornata contro la violenza sulle donne

(26 Novembre 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

A proposito di abolizione dell'ICI

(6 Aprile 2006)

E' del tutto evidente che la proposta di Berlusconi di togliere l'ICI sulla prima casa , per come è stata annunciata, è innanzi tutto un messaggio propagandistico.

Ciò non significa che, una volta fatta, essa non vada presa sul serio. Innanzi tutto perchè non rappresenta una novità nel dibattito politico. Giacciono, infatti , da anni in Parlamento proposte di legge di Rifondazione Comunista che propongono analoga abolizione.
Esse sono state, però, ignorate sia dal centro-destra che dal centro-sinistra nonostante che tutti abbiano sempre riconosciuto , sin dalla sua introduzione come ISI, oltre 14 anni fa, che tale imposta, specie sulla prima casa è iniqua in quanto colpisce un diritto primario dei cittadini.
Essa avrebbe un senso solo in caso di tassa di scopo- e pertanto straordinaria e limitata nel tempo - destinata esclusivamente alla costruzione di nuovi alloggi sia pubblici a basso costo d'affitto o a canone sociale ovvero ad agevolazioni per chi sceglie la proprietà.

Il maggior onere per lo Stato a copertura dei minori introiti dei comuni, valutato in 2,5-3 miliardi di Euro non è tale da rendere impossibile l'abolizione dell'ICI sulla prima casa. Si tratta però di capire da dove verranno i fondi necessari per garantire ai comuni, già falcidiati dai tagli di questi anni, le risorse necessarie per realizzare i servizi di cui hanno bisogno i cittadini .Ed è anche questo aspetto, delle fonti di finanziamento dove c'è il buio più assoluto , che rende la proposta di Berlusconi improvvisata e al momento poco credibile.

A mio parere però ci sarebbe una fonte certa cui reperire le risorse necessarie. Basterebbe utilizzare il 20% delle spese militari, riducendo quelle delle nostre missioni all'estero( Iraq innanzi tutto) , le spese per il mantenimento delle basi americane nel suolo italiano e costruire qualche missile, nave, fregata, caccia o portaerei in meno. Ciò peraltro non sacrificherebbe il nostro diritto alla difesa visto che il bilancio della difesa è quello che è costantemente aumentato in questi anni di riduzione invece della spesa pubblica per il sociale, per la scuola , la sanità e la cultura. Su questo penso debba riflettere anche l'Unione qualora dovesse vincere le elezioni.

Penso infine che, qualora alle elezioni dovesse prevalere il centro-destra, i cittadini dovrebbero pretendere l'abolizione dell'ICI e visto che Berlusconi ha detto che i soldi che servono si trovano facilmente, pretendere che ciò avvenga da subito, prima del pagamento della prima rata del 2006.
E se non lo decidesse il governo, lo decidessero d'iniziativa gli stessi cittadini.

Lucio Costa
Cadoneghe

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Elezioni aprile 2006»

Ultime notizie dell'autore «Lucio Costa»

5719