il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale, ambiente e salute    (Visualizza la Mappa del sito )

BP Louisiane blues

BP Louisiane blues

(2 Giugno 2010) Enzo Apicella
A 40 giorni dall'esplosione della piattaforma della British Petroleum fallisce l'ennesimo tentativo di bloccare la fuoriuscita di petrolio

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale, ambiente e salute)

FORLI' - Sentenza sull'amianto

(5 Luglio 2006)

L'INCA CGIL nel lontano 1996 ha avviato un contenzioso con INAIL e INPS per il riconoscimento dei benefici annessi all'esposizione dell'amianto nei processi lavorativi delle aziende ARTE di Predappio, COMAR di Forlì,ex Mangelli di Forlì Enichem di Ravenna, ecc. di cui alla legge 257/92.

Tale iniziativa è servita per fare riconoscere dal Tribunale di Forlì il beneficio contributivo di mesi 6 per ogni anno di lavoro prestato a contatto con l'amianto, per 20 lavoratori ARTE, 60 COMAR, 7 ex Mangelli, 10 Enichem per i quali l'INPS ha presentato appello a Bologna.

Inoltre per un ex dipendente dell'Arte di Predappio deceduto nel 2002 il Patronato CGIL aveva chiesto il riconoscimento della malattia professionale già dal 1998, rigettata dall'INAIL.

Nel 2000 l'INCA CGIL ha presentato domanda di malattia professionale e, avendo avuto il riconoscimento dall'INAIL di tale diritto solo da quella data, con i legali di riferimento ha sostenuto la famiglia nell'azione giudiziaria per il riconoscimento della retroattività dal 1998; ricorso tutt'ora pendente in grado d'appello.

Inoltre, l'affermazione di tale diritto è ancora più importante in quanto al momento del decesso del lavoratore i benefici conseguenti sono stati riconosciuti,per reversibilità, agli eredi.

Dopo il decesso, attribuito a patologia insorta per causa dell' esposizione all'amianto, l'INCA CGIL attraverso i propri legali ha sostenuto la famiglia in una causa per il riconoscimento del diritto al risarcimento dei danni biologico, morale ed esistenziale nei confronti dell'Azienda ARTE di Predappio.

Il Tribunale di Forlì con sentenza emessa in data 29.06.2006 ha riconosciuto la responsabilità della società datrice di lavoro e l'ha condannata al risarcimento del danno, di euro 450.000, in favore dei familiari affermando il diritto del lavoratore alla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

La Camera del Lavoro di Forlì pertanto conferma che la fase aperta dalle iniziative del Patronato è di grande valore per tutelare i diritti individuali ma è anche stimolo per costruire iniziative tese ad accrescere la cultura della prevenzione, in quanto la sentenza, al di la del risarcimento economico, afferma con forza il diritto del lavoratore a prestare la propria attività in un ambiente sicuro che tuteli il proprio diritto alla salute.

Camera del Lavoro Territoriale di Forlì

17471