il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Pro mutuo mori

Pro mutuo mori

(19 Settembre 2009) Enzo Apicella
In un attentato a Kabul, sono colpiti due blindati italiani, uccidendo 6 parà della Folgore

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Imperialismo e guerra)

Le lacune dell'informazione italiana sulla situazione in Libano

(6 Settembre 2006)

Gli italiani non sanno praticamente nulla su una "missione" in Libano che li coinvolge in prima fila e che sempre più precariamente rispetto al passato può essere presentata come "di pace"... La responsabilità di un apparato, i media, di disinformazione programmata dove operano autentiche nullità.

Guardo sempre i notiziari della RAI e di RAInews24 per sapere come le cose vengono presentate all'opinione pubblica - tenendo conto che la maggior parte della gente non legge i giornali, tanto meno guarda le TV estere e prende le sue informazioni, appunto, dalla TV locale.

Ieri e l'altro ieri i notiziari RAI erano stracolmi delle gesta delle truppe italiane, che venivano amorevolmente riprese durante gli sbarchi sulla spiaggia di Tiro. Queste immagini, intercalate dai commenti di Alessandro Politi, Direttore dell'Osservatorio Nomisma e da Gianni Rufini, docente universitario, e da qualche aggiornamento mandato dai corrispondenti RAI dal Libano che sempre ruotavano attorno agli sbarchi, erano le uniche informazioni sul Libano e sui rapporti tra Italia e Libano. L'immagine che veniva trasmessa al pubblico italiano, era di "impegno per la pace nel mondo, gloria per l'Italia" che, si dà ad intendere, guadagnerebbe
enormemente di prestigio grazie a questo contingente militare operante in Libano, al quale, ben presto s'assocerebbe la "società civile" sotto forma di numerose organizzazioni non-governative italiane.

Ma la RAI non ha fatto nessuna parola, invece, sul sit-in che dall'altro ieri mattina 100 su 128 parlamentari libanesi stanno facendo presso il Parlamento a Beirut per protestare contro il perdurante assedio israeliano alle vie marittime e allo spazio aereo del Libano, definito una continuazione della guerra ed una violazione della stessa Risoluzione 1701 in nome della quale le truppe italiane stanno già sbarcando in Libano. Certo, parlare della manifestazione di protesta dei parlamentari libanesi avrebbe potuto sollevare anche tra gli ingenui spettatori televisivi la domanda se, assedio israeliano persistendo, le nostre truppe forse stessero entrando in una situazione tuttora caratterizzata da occupazione militare...

Così, come non si è parlato della manifestazione di protesta dei parlamentari libanesi, non si è fatta parola delle decisioni dei governi tedesco e turco di sospendere l'invio di truppe per la nuova missione UNIFIL finché non siano chiare le cosiddette "regole d'ingaggio" - che determineranno l'operato di fatto di dette forze armate. Il governo italiano, occorre constatare, non si è preoccupato di queste "regole d'ingaggio", perché i partiti politici che occupano il Parlamento ed il Senato non hanno sollevato alcuna domanda al riguardo. I governi tedesco e turco, invece - e stiamo sempre parlando di governi NATO, non di quello di Hugo Chavez o di Fidel Castro -, non osano mandare un solo soldato finché queste regole non siano conosciute. Prima di allora, i parlamenti non verranno convocati per votare sulle relative risoluzioni.

Inoltre: il governo tedesco avrebbe dovuto rendere noto, entro questo fine settimana, l'esatto numero di truppe che avrebbe mandato. Invece, il governo tedesco ha comunicato di non essere in grado né di quantificare le truppe - causa mancanti "regole d'ingaggio" - né di indire una riunione del parlamento per votare la relativa risoluzione, in quanto non avrebbe ancora ricevuto una richiesta ufficiale da parte del governo libanese di inviare un contingente militare a rinforzo dell'UNIFIL. E senza questa richiesta ufficiale e formale da parte del governo libanese, il governo tedesco non si muove.

Domanda: ma il governo italiano ha ricevuto una richiesta ufficiale e formale da parte di quello libanese prima di inviare un contingente militare italiano? o la richiesta era pervenuta solo da Kofi Annan e da Alain Pellegrini? I notiziari RAI non hanno trasmesso alcuna informazione circa queste importantissime circostanze.

E non si è parlato della situazione in Turchia, dove le promesse del governo in sede NATO di fare onore al suo atlantismo con l'invio di truppe e di navi della marina militare in Libano ha mandato in tilt le relazioni con l'opposizione, ma anche quelle tra il Primo Ministro Tayyip Erdogan ed il Presidente Ahmet Necdet Sezer. Ciò che è iniziato come una protesta, capeggiata da Sezer, contro la "protezione di interessi di altre nazioni" a scapito dei propri interessi (in questo caso, per non vedere nascere un Kurdistan dal corpo dell'Iraq che si sarebbe incuneato in quello della Turchia), ha nel frattempo innescato un ampio discorso tutt'altro che gradevole per gli USA: il blocco che s'oppone all'invio di truppe in Libano sta dando voce alle insistenti preoccupazioni che l'imminente ingerenza negli affari interni del Libano, affiancata dalla presenza di truppe militari a guida NATO (la targa ONU sembra ingannare solo il pubblico italiano), potrebbe fare piombare il Libano nel caos e nella violenza creando una situazione simile a quella nella quale è stato inabissato l'Iraq, coinvolgendo non solo la Turchia, ma il Medio Oriente per intero.

La fatidica riunione del Parlamento turco è stata indetta per martedì. Per aumentare le sue prospettive di farcela e far passare la sua risoluzione, il Primo Ministro Tayyip Erdogan ha dovuto promettere che nell'eventualità che le truppe UNIFIL in Libano venissero incaricate dal Consiglio di Sicurezza ONU di disarmare Hezbollah, il contingente turco verrebbe immediatamente ritirato.

Le preoccupazioni che Erdogan si è precipitato a sminuire sembrano molto fondate se si tiene conto che contemporaneamente, anche il governo tedesco ha dovuto rimandare una discussione in parlamento, dopo che le parole del Ministro alla Difesa, Jung, avevano scatenato un putiferio nella Commissione parlamentare per le questioni della Difesa: Jung, riferendosi alla nuova forza UNIFIL da costituire in base alla Risoluzione ONU 1701, si era fatto scappare che le nuove, tuttora ignote "regole d'ingaggio" avrebbero previsto l'invio di "truppe di combattimento". Mentre il testo della risoluzione sottoposto al voto in parlamento parla di una "missione di mantenimento di pace". Le stesse preoccupazioni che incombono sull'opinione pubblica in Turchia.

Ma la RAI non intervista né esponenti turchi e né tedeschi dei rispettivi orientamenti pro e contro, né un solo parlamentare libanese che sta prendendo parte nell'attuale sit-in. In altre parole: i media italiani fanno disinformazione per mezzo di grossolane lacune.

articolo originale all'indirizzo: http://www.aljazira.it/index.php?option=content&task=view&id=838&Itemid=1

Tradotto da Tlaxcala in francese ed inglese

Susanne Scheidt

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Via dal Libano, subito!»

Ultime notizie dell'autore «Al Jazeera»

10063