il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Memoria e progetto)

Minoranze di Rifondazione Comunista: ecco come superare l’attuale crisi d’identità

(2 Ottobre 2006)

Le minoranze all’interno di RC stanno vivendo un momento di grave crisi d’identità: mai come ora hanno difficoltà ad agire coerentemente rispetto ai propri principi.

La partecipazione di RC al Governo e il ruolo istituzionale di Bertinotti stanno creando non pochi “dubbi e incertezze” ai dirigenti di queste aree politiche.

Nei numerosi documenti che circolano si possono leggere affermazioni e/o analisi che puntualmente sono contraddette dai fatti.

Nel manifesto programmatico dell’Area Sinistra Critica, per esempio, vi sono analisi e prese di posizioni le quali, sono l’esatto contrario di quanto possiamo tutti costatare.

Si legge infatti:…Oggi le sinistre radicali, anticapitaliste e/o rivoluzionarie dovrebbero far proprio “l’elogio dell’opposizione, non per preservare un’astratta purezza, quanto per mantenere intatta la propria credibilità e l’effettiva possibilità di contribuire alla ricostruzione di una soggettività della trasformazione”.

Come si può capire, è l’esatto contrario di quanto hanno fatto.

In nome della “governabilità”, e del “politicamente corretto”, oppure, in nome della “riduzione del danno” hanno votato a favore dell’entrata di RC nel Governo e sono stati costretti a votare a favore del rifinanziamento delle missioni militari italiane nel mondo.

Anche l’Area dell’Ernesto non è immune da queste contraddizioni le quali, è bene ricordare, disorientano.

In tutti i loro documenti si possono leggere le motivazioni politiche che giustificano il NO alla Sinistra Europea ma, nello stesso tempo, affermano che intendono partecipare attivamente alla nascita di questo nuovo soggetto politico.

Ho fatto solo due esempi, anche se eclatanti, per evidenziare lo stato confusione in cui si trova tanta parte di RC.

La mia opinione è che questi compagni dirigenti soffrono di un misto tra immaturità politica e opportunismo.

Manca la convinzione di essere nel giusto quando si afferma di voler cambiare il mondo.

Non voglio pensare che l’opportunismo sia l’atteggiamento prevalente.

Ci sono dei momenti in cui i dirigenti non sono in grado di svolgere il loro ruolo.

In tal senso penso che oggi, la base del Partito abbia il dovere di difendere le finalità per le quali è nata RC.

Serve una spinta dal basso per richiamare i vertici al loro ruolo.

Dobbiamo esigere che tutto il corpo del partito sia coinvolto nella discussione e decisione su importanti questioni nazionali: la finanziaria, per esempio.

La crisi d’identità che sta condizionando l’operato dei gruppi dirigenti delle minoranze politiche di RC si può superare solamente se questi praticheranno l’umiltà di chi sa ascoltare.

Lucio Miotto

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

Ultime notizie dell'autore «Lucio Miotto»

Commenti (2)

la confusione è troppa!

Sono abbastanza d'accordo con l'articolo e mi pare che tra l'altro si stà confermando il detto di andreotti sul potere che logora chi non ce l'ha come ha dimostrato la missione militare inviata in libano con la maggioranza del prc felicemente compatta con tutto il resto del centrosinistra e le minoranze del prc divise in 3: maggioranza dell'ernesto per il si, sinistra critica per l'astensione, falcemartello e minoranza dell'ernesto che fa capo a fausto sorini per il no (che è poi la posizione espressa da tutti gli altri PC europei!). Io però vorrei introdurre un altro ragionamento: è possibile avere una sinistra radicale che nella sua parte governista mostra 3 partiti che hanno un programma fotocopia: maggioranza prc, pdci e sinistra ds (a loro volta divisi tra giordano e alfonso gianni, diliberto e rizzo, mussi e cesare salvi...) ed una sinistra radicale non governativa che addirittura si divide in 9/10 spezzoni (ernesto, sinistra critica, falcemartello, PC lavoratori, PC ROL, rete dei comunisti, SR, cobas ecc. ecc.). A me pare evidente che in Italia, a sinistra del DS, c'è spazio per 2 sole aggregazioni politiche: una sinistra radicale governativa ed una sinistra radicale non governativa. Non capire questo significa farci ridere dietro e sfiducare il nostro popolol

(3 Ottobre 2006)

angela

escort@tiscali.it

la mia italia

ho solo 16 anni,ma credo di capire come funziona la politica meglio dei 70enni ke leggono "libero" e credono a qualunque cosa venga proposta loro...purtroppo in italia sussiste il grave problema della "malainformazione"..diciamo ke l'80 % dei tg giornalieri è prettamente di parte (destra) e si forniscono solo le notizie ke fanno comodo a certi individui ke sn solo dei criminali ke distruggono il nostro Paese (berlusconi and company)...anke le persone ke sembrano dare una svolta alla politica italiana alla fine entrano nel maledetto circolo vizioso della ricchezza,del potere: nn si interessano + di ciò ke si erano proposto e pensano solo ai propri interessi...qsta è l'italia di oggi..

(20 Maggio 2009)

ary

Esaurita__P@hotmail.it

9513