il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

No nightmare

No nightmare

(18 Settembre 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Il nuovo ordine mondiale è guerra)

I complottisti dell'11 settembre scrivono al direttore del Corriere della Sera

(9 Ottobre 2006)

Caro Direttore,
chiedendo a Lei (o, se ciò è da Lei ritenuto più opportuno, al dott. Sergio Romano ) di pubblicare questa nostra lettera ci appelliamo, prima che alla legge sulla stampa, al Suo rispetto per la verità.

Nella rubrica "Opinioni" di qualche giorno fa, il dottor Pierluigi Battista indica i sottoscritti e altri loro omonimi, che noi non conosciamo (deduciamo ciò dal fatto che egli ci denomina "i Giulietto Chiesa e i Franco Cardini": siamo dunque più di due) quali titolari di un "circo itinerante dei complottisti" che starebbe facendo "un tour" per propagandare una "Grande Cospirazione ...intessuta di colossali sciocchezze" a proposito dei fatti dell'11.9.2001. Le sciocchezze che noialtri "maniaci del complotto" propaganderemmo sarebbero state smentite dal n.XI.37/38 del "Diario" diretto da Enrico Deaglio"che ha portato in Italia il lavoro certosino di trenta giornalisti del Popular Mechanics i quali avrebbero smascherato il "cumulo di menzogne e di teoremi bislacchi al centro della grande fantasia complottista".

Pertanto, a quel che sembra, noi propaganderemmo "un sacco di bugie".

Purtroppo per il Suo valente collaboratore, la realtà è ben diversa.

Enrico Deaglio ha riciclato, con un anno e mezzo di ritardo, il numero del marzo 2005 della rivista Popular Mechanics in cui compariva un'inchiesta-dossier dal titolo Debunking 9.11 lies ("Smentiamo le menzogne dell'11 settembre"), redatto non da "trenta giornalisti", bensì da uno solo, Benjamin Chertoff, dal giornale definito our senior researcher ("il nostro ricercatore più esperto"), il quale avrebbe -- a suo dire -- intervistato ben 300 testimoni. Preferiamo tradurre senior con "più esperto" (la lingua inglese usa tale aggettivo in questo senso), giacché non possiamo credere ch'egli sia "il più vecchio", come una traduzione letterale indurrebbe a far credere. Difatti, il signor Chertoff è un promettente venticinquenne. Ignoriamo quanto sia esperto, e in quali campi, ma una cosa la sappiamo: egli è nipote di Michael Chertoff, un signore che il Presidente Bush ha nominato a capo del Dipartimento "Homeland Security". Un ministro, quindi: il quale ben conosce le questioni dell'11 settembre, in quanto era a quel tempo assistant attorney a New York (e in tale veste è stato anche sospettato di aver occultato alcune prove che sarebbero state utili all'inchiesta).

La parentela è stata confermata dal giornalista Christopher Bollyn su American Free Press del 7 marzo 2005 (al quale il Chertoff aveva cercato di mentire, negando il fatto). Naturalmente, dopo che negli States la cosa è stata smascherata, il dossier di Popular Mechanics è rapidamente scomparso dalla circolazione: oggi più nessuno lo citerebbe senza coprirsi di ridicolo. Ma, come accade sovente, lo si è ripresentato sotto altra forma (il libro Debunking 9/11 myths a cura di David Dunbar e Brad Reagan, Hearst Books, nato già vecchio) e intanto, secondo una buona regola commerciale di stampo liberista, si è cercato di riciclarlo alla periferia dell'impero. Non fanno così le multinazionali, quando "regalano" ai bambini africani derrate e medicinali scaduti, deducibili dalle imposte? Ha quindi davvero ragione la copertina del periodico del Deaglio: "Una boiata pazzesca".

Pertanto, tutto quello che, riassumendo il Deaglio che ricicla il Chertoff, il Battista afferma a proposito dei dubbi emersi su alcuni aspetti della ricostruzione ufficiale di quella tragica giornata, non solo è stato ampiamente contestato dal marzo dello scorso anno ad oggi, ma è destituito di plausibile fondamento. E' purtroppo stato altresì accertato che i molti pretesi intervistati dal Chertoff si riducevano da intervistati a ripetitori delle tesi avallate e fatte proprie dall'amministrazione Bush, quando non addirittura a persone in un modo o nell'altro legate agli organi governativi. Quanto noi affermiamo, e molto di ben più grave, è ampiamente documentato in molte ricerche uscite sia a stampa, sia on line. Ci limitiamo a citare almeno tre fra le pubblicazioni più serie e attendibili: Jürgen Elsässer, Comment le Jihad est arrivé en Europe, Vevey, Xenia, 2006 (l'edizione originale è in tedesco; quella francese si avvale di una Prefazione di J.-P. Chevènement); Webster Tarpley, 9/11. Synthetic terror made in USA, Joshua Tree, California, Progressive Press 2006, ben 492 pagine; Barrie Zwicker, Towers of deception. The media cover-up of 9/11, New Society Publishers (Canada), 2006, pp.400 accompagnate dall'impressionante DVD The great conspiracy. Aspettiamo con ansia il prossimo elzeviro dell'amico Battista, quando si sarà letto queste oltre mille pagine.

Cordiali saluti.

Dalla nostra carovana circense,
7.10.2006.

Giulietto Chiesa e Franco Cardini

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Il nuovo ordine mondiale è guerra»

Ultime notizie dell'autore «Giulietto Chiesa»

6827