il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Manifestazione internazionale del 6 novembre a Camp Darby

Appello al movimento contro il neoliberismo e la guerra

(26 Ottobre 2002)

Berlusconi si sbraccia a dare la propria disponibilita' al nuovo attacco. I soldi ci sono: la nuova finanziaria - mentre taglia spese, servizi sociali, rinnovi contrattuali e assunzioni - aumenta di un altro 7% le spese militari. Il guerrafondaio e' servito, il piatto e' ricco.

Se ha bisogno di soldi, la guerra prossima ventura ha bisogno di strutture logistiche da cui far partire gli attacchi e di altre da cui smistare i rifornimenti. Camp Darby, stretta tra l'aereoporto militare di Pisa e il porto di Livorno, ha sempre giocato un ruolo centrale nelle guerre mediterranee. Rappresenta uno dei punti di snodo dei massacri.

Camp Darby: base USA che occupa una parte consistente della nostra costa grazie ad accordi segreti ed illegali; centro di addestramento legato a Gladio, al neofascismo e alla guerra sporca giocata nel nostro paese; area logistica centrale per lo smistamento di uomini ed armi nel Mediterraneo; porzione di territorio sottratta ad ogni possibilita' di controllo e verifica (base USA, appunto, neanche NATO). Nessuno sa esattamente cosa Camp Darby accolga e nasconda, quale sia il livello di rischio per la popolazione locale. Sappiamo pero', dalle troppe guerre passate, quale "livello di rischio" rappresenti per la popolazione civile irachena.

Camp Darby e' una ferita aperta, e' la guerra guerreggiata imposta al territorio toscano.

SE "chiudere Camp Darby" e' da sempre rivendicazione forte di tutto il movimento antimilitarista, pacifista, internazionalista; SE la contestazione alla Base e' sempre stata tappa necessaria del movimento contro le guerre; SE la lotta contro la militarizzazione dei territori ha sempre segnato la crescita della consapevolezza dei movimenti; SE, oggi, l'opposizione alla guerra si lega imprescindibilmente alla lotta contro il neoliberismo per "un altro mondo possibile e necessario";

ALLORA, portare la mobilitazione internazionale contro la guerra, nei giorni del Forum Sociale Europeo, ai cancelli della base, e', crediamo, compito inevitabile del movimento, in particolare in questa Toscana che vogliamo segnata dalla democrazia e dall'accoglienza.

Questa e' la proposta che lanciamo a tutto il movimento e che ha gia' trovato larghe adesioni internazionali: andare a Camp Darby il 6 novembre, nel pomeriggio precedente all'apertura del Forum Sociale Europeo. Portare davanti ai cancelli che proteggono le armi di distruzione di massa, quell'opposizione alla guerra - senza se e senza ma - che si esprimera' nei 4 giorni fiorentini e nella grande manifestazione internazionale del 9 novembre.

COSTRUIAMO L'OPPOSIZIONE ALLA GUERRA: IL 6 NOVEMBRE A CAMP DARBY (concentramento h. 14 stazione di Tombolo), IL 9 NOVEMBRE A FIRENZE.

MOVIMENTO ANTAGONISTA TOSCANO
CONFEDERAZIONE COBAS
ASSEMBLEA NAZIONALE DELLE
GREEK SOCIAL FORUM
LAB (Sindacato Paesi Baschi)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Forum sociale europeo di Firenze»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

9155