il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Auguri

Auguri

(8 Aprile 2012) Enzo Apicella
Nonostante la crisi il governo Monti ha deciso di procedere all'acquisto di 90 F35

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Capitale e lavoro)

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Quanto hanno perso le pensioni in 15 anni.

(26 Novembre 2006)

Uno studio recentemente aggiornamento dalla Federazione pensionati della Cisl, Fnp, misura la perdita del potere d’acquisto degli assegni previdenziali con particolare riferimento all’arco temporale degli ultimi 15 anni. I risultati dell’analisi confermano che i pensionati con redditi bassi e medio bassi hanno avuto una perdita del potere d’acquisto pari a circa 320 miliardi di euro.
Fnp da’ alcuni esempi concreti.

Abolizione della perequazione semestrale all’inflazione

Per le pensioni basse che oscillano attorno ai 500 euro mensili lordi, la perdita accumulata dovuta all’abolizione della perequazione semestrale all’inflazione è stata pari a 60 volte l’importo della pensione considerata quindici anni fa. È come se i pensionati non avessero percepito per 4 anni e mezzo gli assegni pensionistici o come se per 10 anni avessero percepito la pensione solo per metà anno inclusa la tredicesima.

Per le pensioni medio basse, cioè di importo tra 600-1.500 euro mensili, la perdita cumulata dovuta all’introduzione della perequazione annuale all’inflazione, risulta dalle 57 alle 44 volte l’importo della pensione considerata quindici anni fa. È come se i pensionati non avessero percepito gli assegni per un periodo da 4 anni e tre mesi a 3 anni e tre mesi; o come se per dieci anni avessero incassato solo dalle 7 alle 9 mensilità annuali e quindi come se avessero percepito la pensione fino a luglio-settembre di ogni anno.

Sganciamento dalla dinamica salariale.

A togliere potere d’acquisto agli anziani c’è poi lo sganciamento dalla dinamica salariale. Le pensioni basse, a causa di questo provvedimento, hanno perso in quindici anni da 3.250 euro a 5.300 euro. La perdita in 15 anni è stata pari a 11 volte l’importo della pensione considerata all’inizio. È come se i pensionati non avessero percepito per un anno l’assegno o se negli ultimi 11 anni avessero ricevuto solo 12 mensilità l’anno. Sempre a causa dello sganciamento dalla dinamica salariale, le pensioni medio basse hanno perso in dieci anni da 5.500 euro a 6.300 euro. Lo studio mette in evidenza che all’inizio del 2000 circa 5 milioni di pensionati avevano un reddito da pensione fino a 1.000 euro al mese e circa 8 milioni di anziani non arrivava a 1.500 euro al mese.

La tassazione locale.

Un’altra voce che incide sulla perdita del potere d’acquisto è la tassazione locale. Nei 15 anni c’è stato il passaggio da un sistema di detrazioni d’imposta a un sistema di deduzioni che ha riconosciuto ai pensionati una deduzione annua inferiore ai lavoratori dipendenti.
Dalla ricerca Fnp emerge che le imposte locali negli ultimi anni hanno colpito indifferentemente tutti i contribuenti senza alcun riguardo per i pensionati. A farne le spese sono soprattutto gli anziani soli, quelli con fasce di reddito molto basse e delle grandi città soprattutto del Nord. L’aliquota media dei tributi locali è più alta per i pensionati che vivono da soli mentre le coppie riescono meglio a ammortizzare le imposte connesse al possesso di un immobile. Un esempio: a Roma l’aliquota media per un pensionato che vive da solo con un reddito lordo pari a 6.700 euro è del 6,38% mentre per una coppia con lo stesso reddito è del 3,54%.

Perdita delle pensioni

Nella tabella la suddivisione dei 16 milioni e mezzo di pensionati con riferimento agli importi mensili dei loro redditi.

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «I «numeri» della lotta dei classe»

4412