il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Pomigliania

Pomigliania

(24 Giugno 2010) Enzo Apicella
Mentre la Lega rilancia la secessione della Padania, gli operai di Pomigliano fanno fallire il plebiscito richiesto dalla Fiat.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Argentina: Sosteniamo i lavoratori della Zanon in occupazione

Iniziative di solidarietà in diverse città italiane

(6 Novembre 2002)

In novembre saranno in Italia un rappresentante dei lavoratori della fabbrica argentina Zanon e il loro avvocato.

Gli operai della Zanon sono noti in tutto il mondo per essere stati protagonisti dell'occupazione e dell'autogestione della loro fabbrica dopo la minaccia di chiusura avanzata dalla proprietà italiana.

Per molti mesi i lavoratori della Zanon hanno portato avanti la produzione sotto il loro controllo riuscendo non solo a mantenere l'occupazione ma anche a dare lavoro ad alcune decine di disoccupati offrendo un importante esempio di resistenza e di solidarietà di classe.

I lavoratori della Zanon sono stati e sono un esempio per molte altre fabbriche argentine che li hanno seguiti sulla strada dell'occupazione e dell'autogestione tanto che oggi esiste in Argentina un vero e proprio movimento delle fabbriche occupate che costituisce uno degli elementi più avanzati del variegato fronte di lotta che si è sviluppato negli ultimi anni - e particolarmente dal dicembre 2001 dopo le giornate "insurrezionali" del 19 e 20 - con la nascita di vari movimenti, da quello dei lavoratori e disoccupati "piqueteros" a quello delle assemblee popolari e "di barrio".

La situazione dei lavoratori della Zanon e, più in generale, del proletariato argentino rappresenta una dimostrazione ulteriore della incapacità del capitalismo di uscire dalla pesante crisi economica e politica che sempre di più porta i popoli verso il baratro della guerra permanente.

La crisi argentina è solo uno dei tasselli di questa crisi più generale che comincia a mordere in profondità anche nei paesi imperialisti come dimostrato dai fallimenti dei colossi USA Enron e Worldcom e, in Italia, dal crollo della più grande impresa industriale, la Fiat, che è in procinto di vendere il settore auto e ha annunciato un "piano di ristrutturazione" che prevede la sospensione e il licenziamento di decine di migliaia di lavoratori con la chiusura di alcuni stabilimenti (Arese, Termini Imprese) e il massiccio ridimensionamento di molti altri. E' in questo quadro che proprio a Termini Imerese, significativamente, i lavoratori propongono l'occupazione della fabbrica per impedirne la chiusura.

L'occupazione delle fabbriche in Argentina non è una questione di solo ordine rivendicativo o sindacale.

E', più in generale, un esempio di autorganizzazione di classe e popolare che in prospettiva può trasformarsi in vero e proprio contropotere.

Il rappresentante dei lavoratori della Zanon e l'avvocato saranno presenti a Firenze nelle giornate del FSE e all'assemblea dell'area antimperialista che si terrà il 10 novembre a Firenze, presso la Casa del Popolo di Ponte a Greve; poi partirà un giro completo in cui verranno toccate tutte le principali città del nord, del centro e del sud. Per ragioni di "agenda" molti giorni sono già fissati (praticamente tutto il nord e buona parte del centro).

Per un mese vi saranno assemblee pubbliche un po' in tutta Italia e pensiamo che, oltre alle assemblee, possano essere organizzati incontri con delegazioni di lavoratori e presenze in alcune fabbriche per realizzare una sorta di ideale "gemellaggio" internazionale tra lavoratori italiani e lavoratori argentini.

Facciamo appello perché in ogni città sia praticata la strada della promozione unitaria da parte delle forze del sindacalismo di base e autorganizzato e delle realtà politiche e sociali dell'opposizione di classe presenti sul territorio.

Il tour toccherà tra l'8 novembre ed il 3 dicembre diverse città come: Firenze, Udine, Milano, Torino, Genova, Viareggio, Bologna, Reggio Emilia, Parma, Pescara, Urbino, Roma, Napoli, Cagliari, Taranto e Palermo.

Per adesioni ed informazioni:
elsa.ferrazzano@tin.it
laboratorio.marxista@libero.it
antimperialista@libero.it

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Bajo control obrero»

2855