il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Movimento    (Visualizza la Mappa del sito )

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB

Archivio notizie:: Altre notizie

Memoria e attualità

(26 Gennaio 2007)

Il 27 gennaio del 1945, l’Armata Rossa liberava i prigionieri del campo di concentramento di Auschwitz. Quest’evento è rappresentativo di una verità storica innegabile: fu il comunismo sovietico a sconfiggere l’imperialismo nazifascista e la sua barbarie.
Ma i massmedia oggi non lo diranno e continueranno a ripetere in questa giornata e gli altri 364 giorni dell’anno che il comunismo è uguale al nazismo. La memoria viene così violata.

Secondo le cifre fornite dall’Associazione Nazionale Ex-Deportati, i prigionieri italiani nei campi di sterminio nazisti furono circa 44.000. Di questi 8.000 furono ebrei, 12.000 erano operai. Fu infatti con gli scioperi del 1943 e con lo sciopero generala del 1944, che la classe operaia del nostro paese diede la spallata determinante agli occupanti e ai collaborazionisti, aprendo la strada all’insurrezione generale del 25 aprile 1945. Ma i mass media oggi non lo diranno e continueranno a negare che il fascismo e il nazismo furono innanzitutto dittatura della classe padronale contro i lavoratori. La memoria viene così violata.

Lo sterminio patito dagli Europei di religione e stirpe ebraica durante la Seconda guerra mondiale non è da meno a altri genocidi commessi, nella sua storia, dal sistema imperialista e capitalista. Si possono citare, nel passato, l’annientamento dei nativi Americani ad opera dei colonialisti, la schiavitù e la deportazione imposta agli Africani, le vittime delle occupazioni italiane in Albania, Libia, Etiopia, Jugoslavia e Grecia. E non è da meno rispetto ai massacri che quotidianamente avvengono ad opera degli eserciti invasori e dei regimi fantoccio, oggi, in Iraq, Palestina e Afghanistan. Ma i mass media oggi non lo diranno, perché altrimenti ammetterebbero che la logica dello sopraffazione violenta di interi popoli e comunità è insito nella struttura del sistema imperialista. La realtà è così negata.

LOTTARE CONTRO I NAZISTI DI OGGI E’ L’UNICO MODO DI ONORARE LA MEMORIA DI QUANTI CADDERO IERI.
MORTE ALL’IMPERIALISMO, LIBERTA’ AI POPOLI!

Gruppo Primo Maggio 1945 (Trieste)

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie dell'autore «Gruppo Primo Maggio 1945 - Trieste»

5410