il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Gli ex alunni della scuola Diaz

Gli ex alunni della scuola Diaz

(15 Novembre 2012) Enzo Apicella
La polizia carica i cortei studenteschi, a Roma e in altre città

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Storie di ordinaria repressione)

  • Senza Censura
    antimperialismo, repressione, controrivoluzione, lotta di classe, ristrutturazione, controllo

Le lotte sociali non si processano

(2 Febbraio 2007)

Il 6 novembre 2004, in occasione del 1° sciopero del precariato metropolitano, migliaia di precari/e hanno manifestato a Roma, rivendicando il diritto al reddito universale e garantito, mettendo in atto azioni di autoriduzione e redistribuzione della merce.

La rappresaglia giudiziaria che ha colpito 105 compagni/e è il segnale chiaro e inequivocabile di una volontà politica tesa ad affrontare le espressioni di disagio sociale con il soffocamento dei conflitti e a difesa del profitto, attraverso la criminalizzazione di chi si batte contro la precarietà della vita, per il diritto al reddito, a un lavoro sicuro, alla casa, alla salute, a una società senza più classi né sfruttamento, né discriminazione razziale, sociale o sessista, per il diritto alla Resistenza dei popoli oppressi, per resistere allo stato di cose presente e rilanciare l'offensiva per il suo cambiamento.

Sono passati 2 anni da allora e 39 imputati sono stati rinviati a giudizio. Il governo Berlusconi ha ceduto il posto a quello dell'Unione. Il sistema capitalistico in Italia ha indossato la sua veste socialdemocratica e le conseguenze di questo trasformismo sui conflitti sociali sono forse peggiori. La legge 30 è rimasta al suo posto e con essa il pacchetto Treu, che per primo ha sancito la legittimità della precarietà nei rapporti di lavoro. Il governo Prodi, in perfetta continuità con quello Berlusconiano, prosegue il lavoro sporco di erosione dei diritti di base acquisiti, attraverso lo scippo del TFR e una finanziaria di guerra, la sottrazione di risorse sempre maggiori ai servizi e agli spazi sociali e il rifinanziamento della missione in Afghanistan, l'invio di soldati italiani in Libano, l'accordo militare Italia-Israele, l'ampliamento della base militare USA Dal Molin a Vicenza, la privatizzazione di beni e servizi pubblici fondamentali, come l'acqua, la scuola, la sanità ecc.
Riteniamo, come antifascisti, di doverci opporre a tutto questo. La repressione poliziesca e/o giudiziaria delle espressioni anche differenti di una lotta di classe comune va condannata fermamente.

CONTRO LO STATO DI POLIZIA, LA REPRESSIONE SOCIALE E POLITICA
SOLIDARIETA' AI COMPAGNI/E INQUISITI
LE LOTTE SOCIALI SONO LOTTE DI CLASSE E NON SI PROCESSANO!


Invitiamo tutti all'iniziativa di autofinanziamento promossa dal C.S.A. Ex-Mattatoio:
Sabato 3 febbraio, presso il centro sociale
ore 20.00 cena di autofinanziamento per sostenere le spese legali del processo
ore 21.00 concerto

Rete Antifascista Perugina

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Storie di ordinaria repressione»

Ultime notizie dell'autore «Rete Antifascista Perugina»

4030