il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Libia

Libia

(24 Febbraio 2011) Enzo Apicella
Libia: rivolta di popolo o guerra per il petrolio?

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Schio (VI): contro i licenziamenti e la chiusura delle fabbriche sosteniamo i lavoratori argentini in occupazione

volantino di convocazione dell'iniziativa pubblica di solidarietà

(13 Novembre 2002)

LUNEDI’ 18 NOVEMBRE ORE 21.00 PALAZZO TOALDI CAPRA VIA PASUBIO - SCHIO (VI)

UNO DEI LAVORATORI DELLA FABBRICA OCCUPATA ZANON, accompagnato da un avvocato, sarà in Italia per illustrare il loro progetto e la situazione argentina e a Schio il 18, unica data nel Veneto.

Gli operai della ZANON sono noti in tutto il mondo per essere stati protagonisti dell’occupazione e dell’autogestione di questa fabbrica a capitale italiano, (che produce ceramica e piastrelle fin dall’epoca della dittatura militare) e che, durante la fase più acuta della crisi, decide di chiudere per spostare i suoi capitali altrove.

Per molti mesi gli operai hanno portato avanti la produzione sotto il loro controllo riuscendo non solo a mantenere l’occupazione, ma anche a dare lavoro a decine di disoccupati, offrendo un importante esempio di resistenza e di solidarietà di classe; esempio seguito da molte altre fabbriche argentine. Tanto che ne è nato un vero e proprio movimento delle fabbriche occupate.

Questo costituisce uno degli elementi più avanzati del variegato fronte di lotta sviluppatosi negli ultimi anni e che a partire dal dicembre 2001, si svilupperà nel movimento dei disoccupati “piqueteros” e nelle assemblee popolari e di “barrio”.

La crisi argentina rappresenta un ulteriore dimostrazione dell’incapacità dei paesi imperialisti di uscire dalla crisi economica e politica che li attanaglia e che porta sempre più i popoli verso il baratro della guerra infinita e permanente.

Negli USA il fallimento del colosso Enron e Worldcom e in Italia il crollo della più grande impresa industriale, la FIAT (che è in procinto di licenziare decine di migliaia di lavoratori tra le fabbriche e l’indotto), sono due esempi significativi a riguardo.

Essendo l’obiettivo di questi lavoratori rendere completamente indipendente la produzione e la vendita, arrivando a produrre le scatole per il confezionamento delle ceramiche:

Facciamo appello a comitati, a delegati, a lavoratori, al sindacalismo di base, per allargare il più possibile la partecipazione e il sostegno anche economico all’iniziativa di questi lavoratori.

10 novembre 2002

GRUPPO PROMOTORE DEL COMITATO ANTIFASCISTA E ANTIMPERIALISTA

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Bajo control obrero»

6459