il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Ndrangheta

Ndrangheta

(15 Luglio 2010) Enzo Apicella
Operazione di polizia contro la ndrangheta. Tra i 300 arrestati molti lumbard, imprenditori e politici

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Prodi bis, ovvero “I programmi di guerra richiedono esecutivi più fedeli”

(22 Febbraio 2007)

La caduta del governo Prodi, probabilmente pilotata per rafforzare un esecutivo in procinto di affrontare scelte ancora più pesanti di quelle assunte sino ad oggi ( il rifinanziamento della missione in Afghanistan, l’inizio dei lavori per la base al Dal Molin, il rilancio della TAV, i futuri scenari di guerra in Afghanistan, Libano, Kosovo, Siria, Iran), è legata ad una gestione dei rapporti nella maggioranza evidentemente insostenibili.

Come detto in un nostro recentissimo comunicato, tutti i dati ci dicevano della grande precarietà della linea “di lotta e di governo”, per cui una parte dell’esecutivo marcia per la pace e vota per la guerra, parla di giustizia sociale e aumenta del 13 per cento le spese militari a detrimento dello stato sociale, professa un altro mondo possibile e avalla politiche ferocemente neoliberiste.
Ancora di più se “la piazza” risponde e si mobilita a centinaia di migliaia, come avvenuto recentemente a Vicenza. Il boomerang della strumentalizzazione è tornato al mittente….

L’ex ministro degli esteri D’Alema ha quindi rotto gli indugi e scoperto le carte, tentando di imporre alla passata maggioranza in Senato una linea di politica estera che comprende interventismo all’estero e basi militari USA all’interno dei confini.

Che dovevano fare dei senatori pacifisti se non quello di rispettare il mandato dei propri elettori? Bene hanno fatto quindi i senatori Turigliatto e Rossi a non avallare questa linea politica. Particolarmente grave è il linciaggio fisico e mediatico da loro subito in queste ore.

Di fronte ad una doppiezza trasformata in prassi politica, la scelta di Rossi e Turigliatto è da salutare come legittima e chiarificatrice. Qualcuno doveva avere il coraggio politico di smascherare l’inverecondo balletto al quale abbiamo assistito in questi mesi.

Esprimiamo ai due senatori pacifisti la nostra incondizionata solidarietà.

Le future maggioranze che scaturiranno dai rimpasti in corso nei palazzi del potere si dovranno rassegnare al confronto con la volontà popolare, espressasi in questi mesi a Vicenza e nel paese. I segnali ci dicono che nei prossimi mesi queste manifestazioni si moltiplicheranno, mettendo legittimamente in discussione alla radice scelte belliciste ed antipopolari

Il sale della democrazia risiede lì.

Chi crede di poter bypassare questa realtà si pone fuori dalla dialettica democratica, riportandoci indietro nel tempo, a quel “sovversivismo delle classi dirigenti” divenuto evidentemente bipartizan.

CON L’OCCASIONE CI RICORDIAMO L’INCONTRO DI DOMENICA 4 MARZO ALLE ORE 9,30 PRESSO IL DOPOLAVORO FERROVIARIO DELLA STAZIONE DI SANTA MARIA NOVELLA, A POCHE CENTINAIA DI METRI DALL’USCITA DESTRA DELLA STAZIONE

Il Comitato promotore per la Rete nazionale Disarmiamoli

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va il governo Prodi»

Ultime notizie dell'autore «Rete nazionale Disarmiamoli!»

6244