il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Sicilia nostra

Sicilia nostra

(30 Ottobre 2012) Enzo Apicella
Il 53% degli elettori si astiene dal voto alle elezioni regionali siciliane

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

I dodici punti di Prodi: un programma berlusconiano per evitare Berlusconi

(25 Febbraio 2007)

Dopo essersi schiantato sulla guerra, sfidando apertamente il movimento con la riconferma delle missioni belliche, l’aumento delle basi e delle spese militari, Prodi ripresenta il proprio governo pigliando di petto anche gli altri movimenti in campo. E quindi scodella brutalmente, tutto insieme in dodici punti, quello che poi era già il suo programma: piena fedeltà a Usa e Nato con la conferma di Afghanistan e base a Vicenza, per portare a fondo la scissione con il movimento no-war; Alta velocità per la Val di Susa, in modo da scontrarsi frontalmente con i No-Tav; rigassificatori a volontà, così da cozzare contro i movimenti ambientalisti; abbandono dei moderatissimi DICO, confliggendo con il movimento no-VAT e pro-Pacs; e sul piano sociale, privatizzazioni alla Lanzillotta e ulteriore taglio delle pensioni, per schifare definitivamente i lavoratori.

E come ciliegina al cianuro su una torta all’arsenico, Prodi chiede per sé poteri da monarca, che neanche Berlusconi aveva mai preteso: in caso di dissenso nel governo decide lui. Insomma, per evitare il paventato ritorno del Cavaliere, si squaderna un programma organicamente berlusconiano. Diliberto parla di “grande risultato”, il PRC espelle l’unico suo senatore pacifista coerente, Franco Turigliatto – che si è limitato a non votare ancora una volta politiche di guerra, e al quale va la nostra totale solidarietà – con un gesto senza precedenti nella storia repubblicana.

Il Prodi-bis assomiglia ad un saltatore che, non riuscendo a superare l’asta a due metri, chiede che venga posta a due metri e mezzo. Spetta ora ai movimenti, unitariamente, dire NO al programma neo-berlusconiano del Prodi-bis; e in particolare al "popolo contro la guerra" preparare al meglio la mobilitazione nazionale del 17 marzo a Roma per il ritiro immediato delle truppe dall’Afghanistan e dagli altri luoghi di guerra, per il NO al Dal Molin e alle spese militari, per la chiusura delle basi Usa e Nato.

Confederazione Cobas

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va il governo Prodi»

Ultime notizie dell'autore «Confederazione Cobas»

4947