il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Per i tre operai della Fiat

Per i tre operai della Fiat

(25 Agosto 2010) Enzo Apicella
Melfi. La Fiat licenzia tre operai, il giudice del lavoro li reintegra, la Fiat li invita a rimanere a casa!

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Licenziamenti politici)

La multinazionale DHL Express licenzia un rappresentante sindacale aziendale della Filt Cgil di Napoli

La direzione del presonale della DHL multinazionale dei trasporti internazionali attua un vero e proprio piano di vessazioni e condizionamento psicologico nei confronti dei lavoratori

(8 Marzo 2007)

Un rappresentante sindacale aziendale della Filt Cgil di Napoli è stato licenziato dai vertici della DHL. Aveva prima subìto una pretestuosa contestazione disciplinare. Il sindacato territorale di Napoli della Filt Cgil è completamente assente. I lavoratori e le lavoratrici della sede di Casoria proclamano, comunque, le iniziative di lotta.

- “E’ un comportamento antisindacale. Una violazione palese dei diritti individuali e collettivi dei lavoratori. Proclameremo lo stato di agitazione permanente”. Si mobilitano gli 80 lavoratori e lavoratrici dipendenti della sede DHL di Casoria la multinazionale di proprietà al cento per cento del gruppo Deutsche Post World Net leader mondiale di mercato nei servizi di corriere espresso internazionale, del trasporto via terra e delle spedizioni aeree. Hanno licenziato uno dei tre sindacalisti aziendali. Gli 80 lavoratori e lavoratrici annunciano astensione dal lavoro e blocco di tutte le attività. Hanno anche creato un blog di informazione. Il suo indirizzo su internet è www.lavoratoridhl.blogspot.com “Un provvedimento gravissimo che viola lo statuto dei lavoratori e le leggi vigenti in materia di lavoro” – ci dice Roberta C. una lavoratrice di Casoria. Il nostro sindacalista è stato licenziato – dicono i lavoratori - dopo una contestazione disciplinare pretestuosa”. Una recente sentenza della Cassazione ha stabilito che in caso di licenziamento per motivi disciplinari, i fatti addebitati al lavoratore devono rivestire il carattere di grave negazione degli elementi del rapporto di lavoro, con particolare riguardo dell'elemento fiduciario e la relativa valutazione deve essere operata con riferimento agli aspetti concreti afferenti alla natura e alla qualità del singolo rapporto, alla posizione delle parti, al grado di affidamento richiesto dalle specifiche mansioni del dipendente nonché alla portata soggettiva dei fatti stessi, ossia alle circostanze del loro verificarsi, ai motivi e all'intensità dell'elemento intenzionale o di quello colposo valorizzando circostanze quali l’anzianità di lavoro, l'assenza di precedenti disciplinari della lavoratore. “Il nostro sindacalista si è sempre comportato dignitosamente e correttamente in azienda distinguendosi nel tutelare i nostri diritti. Siamo convinti che questo licenziamento rappresenti un pretesto. Vogliono attuare un vero e proprio programma di licenziamenti collettivi – ribadisce Roberta – La nostra azienda intende ristrutturare. Vuole liberarsi dei lavoratori e delle lavoratrici anziani e vuole assumere giovani con contratto a progetto e tramite agenzie interinali”. I lavoratori contestano anche il sindacato. “La mobilitazione è stata promossa dalla base dei lavoratori. Il dirigente territoriale della Filt ha dichiarato che aspetta disposizioni dal sindacato nazionale”. A partire dalla prossima settimana i lavoratori bloccheranno l’entrata e l’uscita degli automezzi dalla sede di Via Circumvallazione di Casoria. Il sindacalista aziendale sarà difeso da un pool di avvocati e giuslavoristi. Saranno attivate le procedure previste dall’articolo 700 del codice di procedura civile e dell’articolo 28 dello Statuto dei Lavoratori. La convocazione delle parti in Pretura dovrebbe avvenire nel giro di pochi giorni. La DHL è stata fondata nel 1969 e la sua espansione è stata rapida. Dalle Hawaii verso l'Estremo Oriente e la Costa Pacifica, e quindi in Medio Oriente, Africa, Europa, Cina, Russia. Per venire incontro alle esigenze dei 4 milioni di clienti a livello mondiale, la rete internazionale DHL collega oltre 220 paesi e territori in tutto il mondo. Circa 285.000 dipendenti si occupano di fornire servizi rapidi e affidabili su 120.000 destinazioni in tutti i continenti.

Nino Stella

13640