il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

4 Novembre

4 Novembre

(4 Novembre 2009) Enzo Apicella
91° anniversario della fine del Primo Macello Mondiale

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

APPUNTAMENTI
(Imperialismo e guerra)

SITI WEB
(Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...)

Presidio contro la guerra e le missioni a Schio

(16 Marzo 2007)

Per chi non può andare alla manifestazione nazionale di Roma (che raccglie l'appello del Forum Sociale Mondiale di Nairobi) un appuntamento locale per dire no alla guerra imperialista infinita.

SABATO 17 MARZO - ORE 09,30
SCHIO - Piazza dello Statuto


PRESIDIO
in occasisone del quarto anniversario dell'inizio della Resistenza contro l'occupazione dell'Iraq.

In Iraq, quasi 700.000 persone hanno perso la vita dal 2003 ad oggi a causa dell'occupazione militare che ha portato morte e miseria per gli iracheni, ma contratti da miliardi di dollari per i petrolieri americani.

Quello che fu il movimento contro la guerra si è dissolto miseramente dopo la vittoria elettorale del centro-sinistra e oggi manifesta per l'ONU (l'organizzazione che ha provocato, con un embargo decennale, la morte di un milione di persone in Iraq e che ha avallato - seppure in un secondo tempo - l'aggressione e l'occupazione americana dell'Iraq e dell'Afghanistan), chiama "missioni di pace" le missioni di guerra e "riduzione del danno" il votare i rifinanziamenti agli interventi militari italiani all'estero, accetta (ma che pacifisti sono ?) l'aumento vertiginoso delle spese militari (20 miliardi di euro solo per una serie di aerei da guerra USA che il governo Prodi ha stanziato nella recente finanziaria, la stessa finanziaria che ha regalato miliardi di euro alle imprese e lo stesso governo che colpisce i lavoratori con lo scippo del TFR e la contro-riforma delle pensioni).

Il movimento pacifista è finito; ma non è finita la speranza di tante persone di veder finire le guerre. Oggi solo il movimento antimperialista, per quanto debole, continua la lotta contro la strategia di guerra degli USA e dei suoi alleati, sostiene i popoli aggrediti e non i governi aggressori o alleati degli aggressori; noi, infatti, non abbiamo scranni istituzionali da difendere.

Vicenza e la Val di Susa ci dimostrano che si può lottare anche contro un vero e proprio regime bi-partizan partendo dai territori e, soprattutto, dalla volontà di non arrendersi.
Nel mondo ci sono movimenti giganteschi, popoli interi, che si battono ogni giorno contro l'imperialismo e sempre di più riescono a essere efficaci in questa battaglia, dall'America Latina al Medio Oriente.
Noi, è con questa parte, la parte migliore dell'umanità, che intendiamo stare.

Per informazioni : EMAIL caaav@libero.it c/o Centro Brecht – p.tta San Gaetano, 1 - Schio – Vi TEL: 340.4063172 (Vicenza) – 348.2900511 (Schio) – 340.3261570 (Bassano del Grappa)

Gruppo promotore per un Coordinamento
antimperialista antifascista dell’Alto Vicentino

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Go home! Via dell'Iraq, dall'Afghanistan, dal Libano...»

Ultime notizie dell'autore «Gruppo promotore per un Coordinamento antimperialista antifascista dell’Alto Vicentino»

5313