il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

1284 giorni

1284 giorni

(13 Novembre 2011) Enzo Apicella
Silvio Berlusconi si è dimesso

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

CONTRO IL TERRORISMO DI STATO SIAMO TUTTI SOVVERSIVI !!!

comunicato di Vis-à-Vis e Corrispondenze Metropolitane

(16 Novembre 2002)

Lo scacco di Firenze non poteva passare in modo indolore.

La pressione della marea variopinta del 9 novembre ha fatto saltare i nervi a Lor Signori.

Il rischio assolutamente realistico che la forza sia pur ancora "controllata" di quei numeri potesse coniugarsi con le punte alte del conflitto già in atto, sul piano sia del rifiuto/denuncia della "guerra infinita" scatenata da Monsieur le Capital, che della ribellione di massa contro l'ennesima truffa da esso scatenata ai danni del "lavoro", nell'attuale cosiddetta "emergenza Fiat", ha fatto sì che si ri/aprisse la stagione dei "teoremi repressivi". E ciò, tanto più, dopo che la già riattualizzata strategia emergenzialistica "della tensione" (dei D'antona, dei Biagi, delle bombe al tribunale di Venezia…) non aveva dato che scarni e insignificanti frutti.

Al di là degli esiti giudiziari dell'ultima raffica di perquisizioni, arresti e denunce ai danni di compagni/e del "movimento", risulta assai chiaro sin d'ora il messaggio intimidatorio che l'intera operazione repressiva ha voluto mandare.

Ma c'è di più. Dopo la riuscita manovra del "Grande Inciucio fiorentino", consumatasi nella notte fra il 30 e il 31 ottobre, sulla cui base la "sinistra di governo" fu corresponsabilizzata alla normativizzazione del Social Forum Europeo, adesso si rilancia la posta: quella "sinistra", ben lungi dal poter riposare sugli allori di una "vittoria" giocatasi nella logica "bipartizan" della ideologia dell'"unità nazionale" contro lo spettro di un sociale sempre più recalcitrante, rispetto alla colonizzazione della politica istituzionale, deve continuare a farsi carico del "comune" interesse dell'"azienda-paese".

Una vittoria di Pirro, quindi, che non deve consentire al nuovo asse "Prodi-Cofferati-Bertinotti" di monopolizzare il successo ottenuto nell'impedire il ventilato (ad arte!!!) "sacco di Firenze".

Il servizio d'ordine dell'apparato cigiellino è stato prontamente surclassato dalla sbirraglia in toga: quando di tratta di "ordine" gli unici servizi adatti alla bisogna rimangono sempre quelli "segreti", fedeli servitori, ben sperimentati nel corso di lunghi anni di interventi più o meno "deviati"!

In Italia, il "movimento di Seattle" è chiamato ad una prova decisiva: attraverso una condivisa strumentazione critica, acquisire definitivamente una propria autonomia strategica che sappia articolare una piattaforma tattica in grado di rispondere alle trame repressive dello stato. E ciò anche sfruttando le tensioni che all'interno di questo possono via via manifestarsi, ma senza mai farsi ammaliare dalle sirene sfiatate di qualsivoglia illusione neo-riformistica.

Il fronte di un coerente antibellicismo e di un radicale scontro di classe, nella centralità della contraddizione capitale/lavoro,  è l'unica trincea su cui potrà esprimersi la piàùconcreta solidarietà nei confronti di tutti i compagni e le compagne colpiti dalle trame repressive dello stato.

15 - Novembre - 2002

Le redazioni di

Vis-à-Vis
Quaderni per l'autonomia di classe

Corrispondenze Metropolitane
Rivista di controinformazione e inchiesta

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «15-11-2002: libere tutte, liberi tutti!»

Ultime notizie dell'autore «Vis-à-Vis - Quaderni per l'autonomia di classe»

7259