il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Scuola

Scuola

(13 Settembre 2010) Enzo Apicella
La scuola dopo la controriforma Gelmini

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La controriforma dell'istruzione pubblica)

Scuola: Tutti gli spezzoni ai precari

(2 Aprile 2007)

In riferimento al parere espresso dal Consiglio di Stato, nell’adunanza del 5 marzo 2007, avente come oggetto lo schema di regolamento per il conferimento di supplenze al personale docente, si esprime profondo sconcerto dinanzi alla lettura del punto 3.2, il quale afferma che “Nuovo è il comma 4 dello schema, che, in applicazione dell’art. 22, co. 4, legge 28 dicembre 2001, n. 448, prevede l’attribuzione, con il consenso degli interessati, degli spezzoni di ore pari o inferiori a sei ore settimanali, ai docenti abilitati in servizio nella scuola”.

Dopo un’estenuante battaglia, combattuta e finalmente vinta lo scorso anno per rivendicare che tutte le disponibilità orarie venissero assegnate attraverso le graduatorie ad esaurimento (già graduatorie permanenti) ai docenti precari (cfr. Nota prot. n. 1004 del 21 luglio 2006), il problema dei quali questo governo sostiene di prendere in esame, il parere espresso dal Consiglio di Stato sembra – invece – riconfermare un anacronistico ed ingiustificato ritorno al passato, attraverso la riconsegna ai docenti di ruolo (che, certo, precari non sono) di quelle disponibilità orarie, assolutamente vitali per un docente assunto con contratto a tempo determinato.

Affidare, infatti, i cosiddetti “spezzoni” a personale già in servizio nella scuola, vuol dire permettere un cospicuo aumento dell’orario di lavoro di personale per lo più già assunto a tempo indeterminato con un forte aggravio di spese per l'amministrazione, visto che gli spezzoni devono essere retribuiti in base allo stipendio percepito, ma soprattutto significa necessariamente rendere vane le speranze dei moltissimi precari presenti in III fascia di istituto, che vedrebbero ridotte al nulla le possibilità di ottenere una così sospirata cattedra.

In questa guerra tra poveri, alla quale il mondo della scuola ci ha abituati, si vorrebbe credere che ciascuno, nei suoi oneri e responsabilità, facesse la propria parte per tutelare quei lavoratori che, in virtù del loro status di precarietà, vivono sulla soglia di povertà e che, tuttavia, sono assolutamente fondamentali per il mondo della scuola. Ciò però non sembra avere importanza per coloro che la scuola la governano; infatti sempre più spesso assistiamo ad una politica tesa a perpetrare tagli proprio nei confronti della categoria più calpestata, i precari, che vengono trattati come oggetti usa e getta, da utilizzare a proprio piacimento per poi disfarsene quando si trova il modo di sopperire con altri mezzi. Tale comportamento è ignobile e scandaloso. Con questi ripetuti attacchi verso i propri già scarsi diritti i docenti precari vedono ulteriormente lese la propria dignità e professionalità.

I precari del forum www.precariscuola.135.it chiedono quindi che TUTTI gli spezzoni orario vengano assegnati prioritariamente ai precari presenti nelle graduatorie permanenti e di istituto.

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «La controriforma dell'istruzione pubblica»

Ultime notizie dell'autore «www.precariscuola.135.it»

6189