il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Suora Pronobis

Suora Pronobis

(10 Settembre 2011) Enzo Apicella
Maurizio Sacconi spiega l'articolo 8 della Manovra (quello sui licenziamenti senza giusta causa) con l'esempio delle suore violentate: "basta dire di no"

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Diritti sindacali)

Fiat Trattori (CNH) Modena: il sistema delle multe

(9 Aprile 2007)

Oggi 5 aprile 2007 la Direzione Fiat Trattori (cnh) di Modena mi ha recapitato a casa una ulteriore "letterina" di contestazione aziendale. Probabilmente la mia presenza è " offensiva" in fabbrica per qualche uomo-fiat , probabilmente qualcuno non ha digerito l'ultimo sciopero improvviso e totale del 21 marzo per difendere la pelle e la salute degli operai in Lastroferratura , probabilmente.

O forse non è piaciuto a lorsignori il "metodo" col quale si è fatto lo sciopero: Tutti gli operai si sono riuniti con la presenza di tutte le componenti delle RSU e dopo approfondito dibattito si è usciti dall'assemblea, istantaneamente in sciopero fino a fine turno (in questo modo nessuno ha potuto barare o recuperare) tutti fermi.

Lorsignori sono rimasti allibiti? E allora giù con le provocazioni su gli operai e verso il sottoscritto...

Ed è così che è scaturita l'ennesima letterina nel quale vengono contestate presunte frasi al capo-officina sig. Frascella e al capo-squadra sig. Falco pronunciate con un "tono non conforme"il giorno 23 marzo alle 14.30 circa. Frasi riportate dalla letterina Fiat come "lei è troppo tempo che è qui dentro" (ufficio) " "la dovrebbero licenziare per sentire il licenziamento sulla propria pelle" oppure uscendo dall'ufficio frasi come "lei è chiacchere e distintivo" e "lei è chiacchere e cellulare"...

Ovviamente la direzione Fiat si guarda bene dal riportare il contesto nel quale l'operaio richiedeva un permesso non retribuito per una grave scorrettezza del capo-squadra che impediva la circolazione in reparto dell'operaio. Operaio che si è dovuto subire in diverse occasioni le frasi impronunciabili dei suddetti ufficiali Fiat in particolare il capo-officina che interveniva dicendo "come "Cosa vuole? Lei Ficiarà vende solo del pesce" o "Vada nella sua postazione a fare i pezzi". Ovviamente non ci sono mai i comportamenti altamente offensivi della dignità dei capi verso gli operai, ma ciò non stupisce è fatto quotidiano in officina tanto è vero che gli operai hanno scioperato in massa per questo.

Vorrei però dire e far sapere che forse hanno le loro ragioni, lorsignori, pupi e pupari.

Si, Forse è vero che sono colpevole, è vero, sono 13 anni di Fiat e 13 di "letterine" per costruire il mostro da licenziamento. Ed è pure verità e capitale peccato che 4 sentenze di un tribunale italiano mi abbiano reintegrato dopo un odissea giudiziaria durata anni.

Ed è dal 2002 che la mia carriera di operaio saldatore a 974 euro al mese è potuta ricominciare: infatti la Fiat ha subito ricominciato a farmi il cassetto pieno di "letterine" così mi sono trovato diversi mesi con "salari" ribassati a 700-800 euro al mese lavorando sempre 40 ore, ed è vero che mi sono fatto 4 congiuntiviti da colpi di luce e 2 infiammazioni alla cornea ricoverato in ospedale negli ultimi anni.

La Fiat ha il diritto dovere di correre ai ripari con simili operai, basta vedere cosa ha fatto in questi giorni a pomigliano all'Avio (licenziato un delegato Fiom per presunta colluttazione con i sorveglianti di fabbrica).

Lenin più di 100 anni fà fece uno scritto sul "sistema delle multe nelle fabbriche" per disciplinare la massa degli operai e fare fuori le loro punte politiche e sindacali. Oggi però sindacati collaborazionisti "amici" del padrone hanno dimenticato la regola che col meno peggio si è arrivati alla sottomissione totale.
Ma la distrazione è pure nostra perchè come operai non siamo ancora capaci di dare un taglio con i buoni gestori che non producono un beato, che insegnano alla sottomissione sotto una coltre di ricatti. E sono gli operai collettivamente con la forza del numero che potrebbero togliere potere ai parassiti, destituire, mettere da parte, a partire dalle RSU, tutti quelli che arretrano di fronte al padrone.

il quesito è ben concreto: perchè accettando l'aumento dello sfruttamento, sia esso precarietà, meno salario per piu' orario, o straordinari o semplice tran-tran lasciando fare i "tecnici" o gli "specialisti"... e cosi col lasses-faire e lassez-passer, passa, giustamente il tribunale del padrone.

Ebbene si sono Colpevole di tutte le condanne passate e di quest' altra in arrivo:

Sono ben 13 anni che "rompo" la collaborazione ed i coglioni in Fiat: che insieme ai miei colleghi ho cercato di tracciare una linea di resistenza che parta dagli interessi reali degli operai. Una linea che dice :operai non consumiamo la nostra esistenza per il profitto del padrone, difendiamoci, mettiamoci di traverso con azioni collettive, denunciamo la nostra condizione di schiavi legati ad un miserabile salario, diamoci una critica indipendente, guardiamo con nostri occhi, facciamo noi il sindacato, facciamo una nostra politica non quella di chi ci sfrutta, non facciamoci fagocitare dall'egoismo perdente o usare da marionette e burattini... che poi alla prima crisi ci portano alla rovina.

Quindi quale giustifica, quale clemenza!!! Come operaio in produzione a 875 cordoni di saldatura al giorno, sono colpevole di rovinarmi l'esistenza nella produzione, sono colpevole di chiedere alcune volte giorni di riposo puntualmente disattesi, sono colpevole di richiedere aspiratori in saldatura puntualmente insufficienti, sono colpevole di fare 19, 7 fiancate del trattore invece che 20,5 nei giorni dispari, di "rimanere" deportato in un capannone "distaccato" da 3 anni nel quale produco...

Sono colpevole e siamo "colpevoli come operai" di lasciarli fare, di non trovare un solido percorso collettivo per farla finita con lo sfruttamento e con una ricchezza di cui si appropria la Fiat e la sua minoranza di "gestori" capi, capetti e responsabili di carta straccia, nel quale ad imboscarsi dalla produzione ed a ricevere "premi" in euri sono sempre e solo i parenti le clientele di cui siamo arci-stufi pure a Modena.

Chi produce e chi comanda? una volta fù chiesto in fabbrica; l'operaio presente prese una multa anzi una sospensione, e un uomo-fiat ex-carabiniere, avanzò di carriera, il capo-officina attuale. Ognuno scelga da che parte stare e lo dimostri coi fatti, la Fiat le sue manovre le ha fatte..

NEWS E AGGIORNAMENTI ON: http://falcee.blogs.it

Ficiarà Francesco Operaio Fiat della Lastroferratura

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Diritti sindacali»

Ultime notizie dell'autore «Francesco Ficiarà»

Commenti (2)

CHE PEZZI DI MERDA!

SONO UN OPERAIO DELLA FIAT TRATTORI DI MODENA
MI HANNO MULTATO PER AVER MANGIATO DUE VOLTE, NELLA STESSA GIORNATA, IN MENSA........
COSA DOVREI FARE?

(18 Aprile 2008)

rogercnh@hotmail.it

CHE PEZZI DI MERDA!

SONO UN OPERAIO DELLA FIAT TRATTORI DI MODENA
MI HANNO MULTATO PER AVER MANGIATO DUE VOLTE, NELLA STESSA GIORNATA, IN MENSA........
COSA DOVREI FARE?

(18 Aprile 2008)

giuseppemodena@hotmail.it

14571