il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Le 4 cupole

Le 4 cupole

(28 Maggio 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Sud Ribelle: risuona la campanella di Genova e Napoli.

(13 Aprile 2007)

Si e' chiusa la "due giorni" del processo ai tredici imputati di associazione sovversiva, nell'aula di Corte d'Assise del Tribunale di Cosenza. La campanella dell'aula ha deciso di rompersi proprio nel momento in cui servirebbero i megafoni per far ascoltare -- a tutti quanti -- cio' che è stata la repressione e la violenza generalizzata nei confronti dei movimenti che, sia nel marzo del 2001, che a Napoli, che a Genova nel luglio del 2001, si sono mossi contro i "capi della terra".

I pubblici ministeri oramai fanno la staffetta, ieri il silenzioso Tridico, oggi invece e' ritornato il pm Curreli. Riappaiono a tratti in aula -- con i telefonini squillanti -- i "fantasmi dell'opera", coloro i quali hanno contribuito a confezionare il polpettone dell'inchiesta al "Sud Ribelle". Sempre assente l'avvocato della parte civile -- che, lo ricordiamo -- richiede a ciascuno degli imputati, 5 milioni di euro, per i soli danni d'immagine.

Ieri, 12 aprile, sono stati ascoltati diversi testimoni della difesa sulle giornate di Napoli. Molti, quasi tutti lavoratori e sindacalisti di base, hanno raccontato cio' che e' avvenuto nel "sacco" di piazza Municipio; la mattanza attuata dalle forze dell'ordine nei confronti dei manifestanti: teste rotte, rastrellamenti negli ospedali, deportazione nella caserma Raniero, lacrimogeni a gogo', pestaggi gratuiti, fughe generalizzate, scene di panico, intere famiglie terrorizzate e quant'altro. Scene che rimarranno impresse nella memoria di chi ha subito e, per fortuna, anche nelle "memorie elettroniche" delle telecamere e macchine fotografiche presenti.

Oggi, invece, hanno deposto tutti testimoni cosentini, che, nello specifico, parteciparono alle giornate di Genova, ed uno anche a quelle di Napoli. Il pm ha provato a far dire cose che non stanno ne' in cielo, ne' tanto meno sottoterra; cioè che la violenza era stata pre-organizzata dai 13 militanti oggi sotto processo. Non occore raccontare cio' che e' stato già impresso dappertutto: nei ricordi personali, nelle carte dei tribunali, nelle carte parlamentari, nelle migliaia di foto e centinaia di ore di girato di giornalisti, e mediattivisti, presenti il 20 e 21 luglio nelle strade di Genova.

Il clima di terrore, le pressioni e la repressione degli "tutori dell' ordine", il budello di via Tolemaide, ma non i tragici fatti di piazza Alimonda, sono stati narrati nella fredda aula; quel momento, forse, sarà oggetto di una udienza specifica, oppure no.

Si riprenderà l'8 maggio, sempre con i numerosi testimoni delle difese. Le successive date di udienza sono programmate per il 10 e 24 maggio.

13.04.07

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Il «Sud Ribelle» ancora nel mirino»

9565