il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Comunisti e organizzazione    (Visualizza la Mappa del sito )

Addio compagne

Addio compagne

(23 Febbraio 2010) Enzo Apicella
Il logo della campagna di tesseramento del prc 2010 è una scarpa col tacco a spillo

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • VOI G20, NOI IL FUTURO
    (27 Ottobre 2021)
  • E' uscito il n. 106 di Alternativa di Classe
    (26 Ottobre 2021)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Memoria e progetto)

    9 giugno: Lidia Menapace, Haidi Giuliani, Franca Rame, ecc… invitano a marciare insieme. Ci sono anche i mangusta?

    (26 Maggio 2007)

    2001: a partire da Genova è iniziato quello che, il fu Bertinotti comunista, definì “disgelo” della sinistra, delle mobilitazioni di base contro il mortale governo Berlusconi.

    A Genova abbiamo iniziato un cammino che ci sostenne sulle strade di tutto il paese portando milioni di persone contro la guerra, quelle/i che andarono a formare la “seconda potenza mondiale”.

    Quelle/i “senza se e senza ma” che fecero illuminare ogni finestra coi colori della pace; quelle/i che “un altro mondo è possibile” marciarono al fianco dei popoli oppressi: quello palestinese, iracheno, afgano tra gli altri.

    Poi, ad un tratto, come un fulmine a ciel sereno, colpiti da un insanabile desiderio di potere, i massimi dirigenti del PRC (Partito che pure ebbe un ruolo determinante nella crescita dei movimenti), scoprirono il “pacifismo” assoluto, basta con i conflitti.

    Arrivarono al governo con un programma di minima, con qualche buona intenzione e promesse di giustizia (volevano la Commissione di inchiesta sul massacro di Genova e l’assassinio di Carlo Giuliani, l’eliminazione del segreto di stato sulle stragi), ci illusero di voler superare il “berlusconismo” e li votammo.

    In cambio, loro, approvarono una finanziaria di guerra che ha aumentato le spese militari del 13%; i salari operai sono sempre più miseri, la scuola resta ai bassi livelli di Berlusconi e così tutto il resto (Università, Ricerca, Cultura, Precarietà, CPT, niente commissione d’inchiesta, mantenimento del segreto di stato sulle stragi fasciste).
    Il governo Prodi si allinea totalmente alle politiche liberiste, colonialiste e guerrafondaie del boia Bush e Blair ed Olmert, boicotta la già misera economia palestinese, mentre mantiene buoni rapporti economici e militari con il governo razzista di Israele.

    Nessun deputato o senatore del PRC, neanche il palestinese Alì Rachid si rifiuta di aderire a questa vera ignominia, il profumo delle poltrone è più allettante delle sofferenze dei palestinesi.

    Questo governo ha sposato i progetti criminali degli americani in campo internazionale ed interno (ha aumentato vistosamente le spese militari, +13% nella Finanziaria, vuole imporre alle popolazioni nuove basi militari come a Vicenza (ma anche a Cameri e in altri luoghi in via di ampliamento, partecipa alla costruzione di micidiali armi come l'aereo da guerra F35 o lo Scudo missilistico, e conserva le bombe atomiche disseminate nel nostro territorio, come a Ghedi e Aviano); quanti lo stanno sostenendo vogliono marciare insieme a chi è rimasto coerente con il cammino di Genova?
    Con i Mangusta non sfileremo mai.

    Noi restiamo al fianco delle Resistenze, al fianco dei “No alle basi americane”, insieme a chi lotta per la dignità, nostra e dei migranti.
    A noi queste poltrone governative non piacciono, puzzano del sangue degli operai che ogni giorno vengono assassinati sui luoghi di lavoro.

    Dalla serie “la coerenza”: Giovanni Russo Spena, capogruppo al Senato del PRC, lo scorso 2 aprile così esternava:
    "Al ministro Parisi diciamo chiaramente che avvertiamo il governo: non cerchi di ciurlare nel manico, se accedera' alle richieste dei militari di inviare in Afghanistan gli elicotteri Mangusta, che sono senza dubbio armi offensive e non di difesa, noi diremo seccamente no, nel rispetto del decreto e degli ordini del giorno che abbiamo approvato".

    TUTTI A ROMA PER DIRE AL BOIA BUSH CHE È UN CRIMINALE, PER DIRE NO ALLE GUERRE DI RAPINA, PER APPOGGIARE LA LOTTA DI LIBERAZIONE PALESTINESE.

    Francesco Giordano

    Fonte

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «Dove va Rifondazione Comunista?»

    Ultime notizie dell'autore «Francesco Giordano»

    8876