il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Intercettazioni

Intercettazioni

(3 Aprile 2010) Enzo Apicella
Il Ministro della Giustizia Alfano dichiara che entro giugno verrà approvata la nuova legge sulle intercettazioni

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • SOMMARIO DE IL PARTITO COMUNISTA N. 403 -agosto 2020
    organo del partito comunista internazionale
    (11 Agosto 2020)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (Stato e istituzioni)

    LA SOLIDARIETÀ NON BASTA

    comunicato del Laboratorio Marxista di Viareggio

    (23 Novembre 2002)

    CONTRO LA REPRESSIONE DI STATO E LA GUERRA PERMANENTE INTENSIFICARE LA LOTTA DI CLASSE COSTRUIRE LA RESISTENZA, IMPOSTARE LA RISPOSTA RIVOLUZIONARIA

    L’arresto dei compagni del movimento antagonista meridionale è davvero un evento straordinario, cioè un evento “fuori dall’ordinario” ? Sicuramente lo sarebbe stato al tempo in cui la pace sociale, sotto l’egida del “prodismo” o del “dalemismo”, regnava nel “paese normale” grazie anche allo spirito collaborativo dei vari Cofferati e Moret-ti.
    Da un po’ di tempo l’azione dello stato contro l’opposizione di classe è andata intensificandosi parallelamente al ritorno in piazza di larghe mobilitazioni popolari.
    Le manifestazioni contro il WTO di Napoli e contro il G8 di Genova, la mobilitazione contro le misure sociali del governo e in particolare contro l ’abolizione dell’art.18, gli scioperi degli operai della FIAT contro il licenziamento di migliaia di lavoratori e la chiusura degli stabilimenti, le manifestazioni contro la guerra e in solidarietà con il popolo palestinese, la costruzione di livelli più avanzati di unità di classe nella lotta contro la repressione e contro le “liste nere”… hanno evidentemente lasciato il segno.

    Lo stato risponde con un attacco frontale che si articola attraverso la mattanza di piazza e la tortura nelle caserme, attraverso la persecuzione giudiziaria, ma anche attraverso uno strisciante tentativo di cooptazione.
    Questo attacco - che è al tempo stesso di massa e selettivo, preventivo e repressivo - non si combatte solo con la pur necessaria solidarietà, ma impone un salto di qualità almeno dei settori combattivi del movimento.
    Le politiche di attacco alla classe che l’imperialismo adotta per mantenere più elevati possibili i livelli di profitto generano malcontento e mobilitazione da parte di settori sempre più ampi delle classi popolari a cui il potere ri-sponde con misure di restrizione dell’agibilità politica e democratica all’interno degli stessi paesi imperialisti.

    Con la scusa dell’attacco alle “torri gemelle” i governi imperialisti hanno colto l’occasione per imporre un ulterio-re giro di vite in senso repressivo.
    Dall’USA Patriot Act all’estensione dell’art.270 ai commi ter e quater in Italia, dalla proposta di reintroduzione dei centri di detenzione preventiva e senza processo per immigrati in Gran Breta-gna fino alla stesura di vere e proprie “liste nere” sia in USA che in UE, l’obbiettivo è quello di predisporre anti-cipatamente tutte le condizioni per una azione intimidatoria e repressiva nei confronti dei movimenti di liberazio-ne e dell’opposizione di classe.

    Dalle continue inchieste per associazione sovversiva in Italia all’arresto dei militanti del PCE(r) in Spagna e Fran-cia, dall’estradizione degli esuli alla illegalizzazione di Batasuna, fino alla messa al bando di organizzazioni di re-sistenza come il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, le FARC colombiane, il DHKC turco… l’Europa di Prodi è impegnata in una gara reazionaria con i guerrafondai USA in vista dell’ ennesima guerra impe-rialista.

    Mobilitiamoci con forza per sostenere i compagni arrestati.
    Ma non dimentichiamo che in Italia e in Europa ci sono altri prigionieri politici, più “scomodi” magari, verso i quali deve indirizzarsi la nostra concreta solidarietà.

    Per l’abolizione dei reati associativi (270, 270 bis, ter, quater…) e contro l’estensione del 41 bis ai reati di “terrorismo” !

    Terrorista è lo stato imperialista !

    LE LOTTE NON SI PROCESSANO !

    LIBERI TUTTI !

    Sabato 23 novembre partecipiamo ai presidi di Viareggio e Carrara (dove ci sarà anche una contro-manifestazione contro Forza Nuova) per i compagni arrestati e organizziamo un presidio unitario a Pietrasanta alle ore 17.

    LABORATORIO MARXISTA
    WEB: http://circoloiskra.freeweb.supereva.it
    EMAIL:circoloiskra@libero.it

    Condividi questo articolo su Facebook

    Condividi

     

    Notizie sullo stesso argomento

    Ultime notizie del dossier «15-11-2002: libere tutte, liberi tutti!»

    Ultime notizie dell'autore «Laboratorio Marxista»

    8432