">

IL PANE E LE ROSE - classe capitale e partito
La pagina originale è all'indirizzo: http://www.pane-rose.it/index.php?c3:o9367

 

Se sessant’anni vi sembran pochi

“No!” alla proposta Damiano di innalzare l’età pensionabile

(5 Luglio 2007)

Prodi e il Ministro Damiano, relativamente alle pensioni, sembrano il gatto e la volpe che vogliono fregare Pinocchio; ma essi fanno peggio, poiché vogliono fregare i lavoratori, facendo uscire lo scalone berlusconiano dalla porta e facendolo rientrare dalla finestra.

La scala mobile cancellata, lo stato sociale distrutto e privatizzato, i salari e le pensioni ridotti ad essere tra i più miseri d’Europa, i profitti padronali alle stelle: i lavoratori, con il governo di centro - sinistra, speravano di uscire da un tunnel ormai ventennale. Cosa fa, invece, il Ministro del Lavoro del governo Prodi? Avanza la “popolare” idea di aumentare l’età minima pensionabile a 58 anni e di innalzarla a 60 entro un triennio. Il gioco delle tre carte – appunto – di un prestigiatore che si esibisce per un governo che rischia già di essere un circo Barnum.

Allo stato delle cose non sappiamo se Damiano piegherà ai suoi voleri i sindacati e le forze della sinistra al governo. Temiamo che ciò sia possibile. Ciò che però Damiano deve sapere è che la sua proposta, al Senato, non ha la maggioranza. Poiché il sottoscritto, come altri, non la voteranno.

Fosco Giannini, Senatore del Partito della Rifondazione Comunista

8072