il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Intrigo internazionale

Intrigo internazionale

(20 Marzo 2012) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

Sulle deroghe dei chimici

(14 Luglio 2007)

In molte assemblee di validazione i lavoratori hanno respinto il CCNL chimico – farmaceutico proprio perchè introduceva il principio della deroga. La storia si ripete. Allora come oggi il segretario Morselli , unico rimasto, insiste nel dire che non ci sono e sfida a dimostrare il contrario.

Come rete28aprile nella Cgil avevamo già espresso la nostra contrarietà all'introduzione nel recente contratto nazionale di lavoro per il settore chimico-farmaceutico di un articolo, il n°18, che apriva pericolosamente ed esplicitamente alla possibilità di concordare deroghe a livello aziendale su quanto stabilito nel Contratto Collettivo nazionale in materia di salario e di orario.

Sbagliata ed inaccettabile per almeno due ragioni:

a.. perchè di fatto creava un pericoloso inizio di destrutturazione del CCNL, rafforzando con ciò l'idea che la soluzione alle riorganizzazioni – ristrutturazioni, dovessero passare attraverso un abbattimento dei diritti e delle retribuzioni.

b.. perchè di fatto poneva una seria ipoteca sul confronto generale in materia di modelli contrattuali

L'articolo 18 del contratto nazionale firmato il 10 maggio del 2006 è rimasto comunque fino ad oggi una generica apertura che le parti si erano impegnate a perfezionare successivamente.
Cosa che è avvenuta ora, lo scorso 29 giugno, con la firma del protocollo tra sindacati chimici e Federchimica.

Da oggi quindi, le imprese che denuncino una difficoltà di mercato o che si dichiarino particolarmente esposte verso una condizione concorrenziale che richiede un aumento della produttività, potranno chiedere di ridurre i salari ed il peso delle tutele normative per i propri dipendenti. Praticamente... TUTTE.

Prevede il carattere temporaneo di queste deroghe, le subordina ad una contrattazione aziendale ed infine ad un parere all'unanimità di una commissione bilaterale nazionale.
Ma passa il principio secondo il quale anche per il sindacato il contratto nazionale di lavoro non ha più valore cogente cioè proteggere la parte più debole attraverso il concetto della indisponibilità della norma.

Così si apre la strada a derive che contrastano con le stesse conclusioni del congresso Cgil.
Non possiamo considerare l'intesa come fosse finta: ”tanto in commissione paritetica non appoggeremo alcuna deroga”.

Le deroghe potranno mettere in discussione il contratto nazionale, anche se l'accordo cita espressamente l'intangibilità dei minimi salariali nazionali, di fatto riconosce esposte a possibilità di deroga tutta la partita degli orari (ferie comprese), gli scatti di anzianità (la cui erogazione potrebbe essere ridotta o sospesa temporaneamente), la stessa durata del periodo di prova.
Tutte materie normate dal contratto nazionale.

I contenuti e lo spirito di questo accordo firmato lo scorso 29 maggio confermano quindi tutte le argomentazioni con cui abbiamo sostenuto la nostra contrarietà al nuovo articolo 18 del CCNL firmato nel 2006.

Ma almeno altri due elementi vanno sollevati.

a. La segreteria della Filcem Cgil ha condotto le trattative senza alcun coinvolgimento dei suoi organismi dirigenti i quali sono stati informati solo ad accordo concluso e solo tramite distribuzione del testo dell'accordo.
La sua approvazione va rimandata, oltre che agli organi dirigenti, anche e sopratutto ai lavoratori ai quali va data la possibilità di esprimersi in merito.

b.. L'accordo firmato tra sindacati chimici e Federchimica rappresenta a nostro avviso un pesante precedente, in merito ad una discussione sulla verifica dei modelli contrattuali che sta coinvolgendo tutte le categorie sindacali. A salvaguardia della Confederalità della Cgil, la Filcem Cgil deve subordinare la sua firma a quell'accordo ad una discussione generale che coinvolga tutte le strutture della Cgil impegnate oggi nel confronto in materia di modelli contrattuali.

C'è quindi da affrontare e da risolvere anche una questione di democrazia, verso i lavoratori e verso l'organizzazione tutta.

Non è infatti da sottovalutare l'esultanza delle controparti padronali che citano l'accordo dei chimici in materia di deroghe contrattuali come l'apripista per un nuovo modello contrattuale che ridimensioni il peso del contratto nazionale a favore di una contrattazione aziendale, subordinata però agli obiettivi di produttività e di redditività di impresa.

Roma 12 luglio 2007

Rete 28 Aprile nella Cgil per l’indipendenza e la democrazia sindacale
info@rete28aprile.it

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «Contratto Chimici»

Ultime notizie dell'autore «Rete del 28 aprile per l'indipendenza e la democrazia sindacale»

7403