il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

Sasà Bentivegna, Partigiano

Sasà Bentivegna, Partigiano

(3 Aprile 2012) Enzo Apicella
E' morto ieri a Roma Rosario Bentivegna, che nel 1944 prese parte all’azione di via Rasella contro il Battaglione delle SS Bozen.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Ora e sempre Resistenza)

Nazifascisti impuniti a Manziana

(23 Luglio 2007)

Non bastavano i nostri manifesti sistematicamente strappati, nel totale disprezzo di buona educazione e senso del pluralismo e della contesa democratica tra forze diverse. Ora i teppisti che nel nostro paese si richiamano alle turpitudini e ottusità delle dittature sconfitte dai popoli vanno direttamente all’assalto delle sedi democratiche. Il tutto nella più assoluta impunità. O compiacenza?

Nella notte dal 19 al 20 luglio, 2007, questi apologeti della violenza e dell’intolleranza, si sono accaniti con le loro scritte – SS, Hitler, rune e svastiche - contro il portone della Sede “Spazio Aperto” di Via Garibaldi 23, che da sempre ospita le forze politiche e sociali democratiche e oggi è la sede condivisa del Partito della Rifondazione Comunista, dei Verdi, del Circolo della Tuscia dell’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba e del Comitato Cittadino di Difesa di Manziana (COCIDIM). Si tratta con ogni evidenza di un’aggressione a fini di intimidazione, a nome di chi teme l’azione democratica e critica delle forze e dei cittadini che si riuniscono nella sede “Spazio Aperto”.

Il Circolo della Tuscia di Italia-Cuba non si lascerà certo intimidire e proseguirà il suo lavoro nei termini trasparenti, democratici e rispettosi di tutte le opinioni che i cittadini di Manziana e del circondario hanno potuto apprezzare. Non si è lasciato trascinare, né si lascerà trascinare ora, a rappresaglie che rendano pan per focaccia, ma che, oltre a porci sullo stesso piano degli squadristi, imbarbarirebbero ulteriormente la vita politica, sociale e culturale del nostro paese. Il Circolo della Tuscia, però, invita la cittadinanza a respingere queste forme rozze e violente di portare avanti un discorso politico che, evidentemente, come da ottant’anni a questa parte, non riesce a trovare altri argomenti. La solidarietà contro queste aggressioni è garanzia della serenità e vitalità della nostra società. Chiediamo alle autorità preposte e alle istituzioni di intervenire contro queste degradanti forme di violenza e malcostume politici, individuando i responsabili, esecutori e mandanti. In una comunità dalle dimensioni della nostra non dovrebbe davvero essere difficile. Ogni compiacenza o tolleranza sarebbe complicità.Ai nostri coinquilini della Sede di Via Garibaldi 23 proponiamo una denuncia ufficiale contro ignoti (e soliti noti).

Manziana, 20/07/07

Circolo della Tuscia, Associazione di Amicizia Italia-Cuba

4733