il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Mondi

Mondi

(24 Novembre 2010) Enzo Apicella
Crisi irlandese. La finanza specula sul debito pubblico. La politica chiede sacrifici.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Capitale e lavoro)

In merito al protocollo su previdenza, lavoro e competitività

(29 Luglio 2007)

Esprimiamo una riflessione ed una valutazione complessivamente negativa in ordine al protocollo d’intesa raggiunto con il Governo, pur nella consapevolezza dell'articolazione delle questioni poste e delle difficoltà incontrate nella trattativa.

In primo luogo il metodo

- La piattaforma non è stata, preventivamente, sottoposta al voto dei lavoratori
- E’ mancata una mobilitazione a sostegno della trattativa

Tutto ciò ha determinato, rispetto anche al documento unitario di cgil, cisl e uil, una menzognera campagna tendente a rompere la coesione tra giovani ed anziani, pensionati e lavoratori attivi, italiani e migranti, lavoratori dipendenti e precari. Inoltre la mancanza di una mobilitazione non ha, a nostro avviso, consentito un accordo più avanzato.

Nel merito rispetto alla previdenza

1 Il testo è frutto dell’accettazione delle compatibilità economico finanziarie di matrice neo liberista prevalenti rispetto a valutazioni di tipo sociale;
2 le risorse necessarie, 10 miliardi di euro, sono a carico del sistema previdenziale, e quindi pesano sugli stessi lavoratori;
3 restano ancora una serie di privilegi;
4 manca la separazione tra assistenza, a carico della fiscalità generale, e previdenza;
5 lo “scalone” viene sostituito dagli “scalini”, e l’aggancio tra quote (95, 96 e 97) ed età (59, 60 e 61) aumenterà l’età pensionabile;
6 la discussione sui coefficienti di calcolo partirà dai coefficienti di trasformazione aggiornati dal nucleo di valutazione della spesa previdenziale che, così come sono, prevedono una riduzione del rendimento delle pensioni del 6-8%;
7 gli aspetti positivi dell’individuazione dei lavori usuranti, delle quattro finestre per i lavoratori con oltre 40 anni e del 60% di copertura per la previdenza pubblica, sono soggetti a verifiche e a valutazioni sulla compatibilità economica che lasciano incertezza, allo stato attuale.
Questo accordo si inserisce in quella filosofia degli anni ’90 che aumenta il tempo di lavoro nella vita e non da risposte adeguate a chi ha iniziato a lavorare presto, peraltro in contraddizione col fatto che il fondo dei lavoratori dipendenti è da tempo in attivo e dimenticando che i lavoratori hanno già ulteriormente contribuito con un incremento dello 0,30% della loro contribuzione.
La decisione del Governo di abrogare la sovracontribuzione degli straordinari è gravissima

Sul mercato del lavoro

Sul mercato del lavoro, tema centrale della piattaforma Cgil-Cisl-Uil, il risultato è nel sul complesso negativo poiché viene mantenuto, nella sostanza, l’impianto della legge 30.
In estrema sintesi le principali criticità:

- sul tempo determinato non si affronta il problema delle causali, ma non si prevede neppure la trasformazione a tempo indeterminato in caso di reiterazione, anzi la proroga presso le dpl è una tagliola micidiale;
- in ordine allo staff leasing, l’interinale a vita, non solo viene mantenuto, ma il suo utilizzo, da parte delle agenzie private, è incentivato;

Riteniamo, pertanto, necessaria una mobilitazione con l’obiettivo di riaprire la trattativa e migliorare l’intesa nei punti critici.
In ogni caso oggi l’intesa va consegnata al voto vincolante dei lavoratori delle lavoratrici, compresi i precari i giovani ed i pensionati, attraverso due passaggi:
1 prima assemblee di informazione e discussione nei luoghi di lavoro;
2 poi il referendum con voto certificato.

Padova, lì 28 luglio 2007

Salvatore Livorno
Segretario confederale Cgil-Padova
area Lavoro società-cambiare rotta

Antonio Silvestri
Segretario generale
FIOM-Padova

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Ultime notizie del dossier «No al protocollo del luglio 2007»

Ultime notizie dell'autore «Lavoro Società - Cambiare Rotta»

7655