">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

In democrazia c'è sempre una speranza

In democrazia c'è sempre una speranza

(7 Maggio 2010) Enzo Apicella
Elezioni in Inghilterra. In democrazia c'è sempre una speranza

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

Incidenti sul lavoro, Scalera (Verdi): "Caruso ha ragione"

(12 Agosto 2007)

CASERTA. "Angelo aveva 35 anni, viveva e lavorava a Mugnano, Christian ne aveva solo 16, viveva e lavorava a Bolzano. Angelo e Christian sono morti assassinati nei loro rispettivi cantieri di lavoro.

Si la colpa è dei cantieri, quei cantieri dove la sicurezza del lavoro viene chiesta nel mondo politico e sindacale, dove si chiedono maggiori controlli e ispettori in ogni cantiere.

Ma per far questo è necessario costruire un meccanismo di tutela e di sostegno alla denuncia da parte dei lavoratori in merito alle condizioni di sicurezza sui luoghi di lavoro: esattamente come per gli imprenditori che denunciano il racket, vanno istituiti misure di sostegno per i lavoratori che denunciano la mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro".

Ebbene il no global Francesco Caruso questa volta, secondo me, non ha esagerato.
Le sue parole, certo toccanti e incompatibili con la facciata perbenista del parlamento, hanno smosso le acque.

C'è gente che muore per lavorare, per sopravvivere.

Cose scomode nell'Italia figa di Valentino Rossi.

Finalmente un onorevole, senza la cravatta, una volta tanto si sveglia nel dorato mondo da parlamentare e dice una cosa seria anche se di sinistra estrema (spero non estremista) vogliamo zittirlo?

Basta con questi sinistroidi con la barca proletaria o con l'onorevole di turno preoccupato più del bacio gay che del mare di monnezza che inonda la nostra regione.

Ammiro molto il coraggio di Caruso, devo dire che analizzando bene le sue parole c'è da riflettere molto, infatti chi oggi si trova in condizioni di precariato sul posto di lavoro (tipico degli anni 30) lo deve tutto a quei personaggi che ha citato duramente Caruso.

A nulla sono valse tante conquiste di diritti dei lavoratori quando sul posto di lavoro devi pensare addirittura ad essere simpatico al tuo datore oltre che a romperti il c..o sperando che fra sei mesi non ti caccia come un cane.

Altro che democrazia, provateci voi a vivere con figli, fitto da pagare, medicine, libri da acquistare per far studiare i tuoi figli, multe varie e lavorare in queste condizioni.

Quale futuro si prospetta per i giovani? Secondo me ci sono pregiudicati peggiori di Caruso.

Quel che dice è giusto, è il pensiero di tante persone normali, costrette a lavorare in condizioni pericolose da contratti capestro che non permettono lotte per la sicurezza.

Spero che dopo questa sortita di Francesco si smuova qualcosa nel mondo del lavoro! sia riguardo ai datori di lavoro che impongono condizioni inumane, sia riguardo a certi lavoratori che non rispettano le regole e i parametri salariali e poi ricattano datori di lavoro e colleghi!

E' vero Caruso non avrà scelto le parole più adatte, ma sicuramente c'è qualcosa che nella nostra Italia non va.

Mille e duecento morti sui posti di lavoro in un anno, una media di quattro morti al giorno, qualcuno diceva, neanche in guerra muoiono tante persone. L'on. Francesco Caruso, per concludere, ha scelto le parole sbagliate ma per una giusta questione.

Coloro che oggi hanno un lavoro precario hanno la spada di Damocle sulla testa e non hanno il coraggio di denunciare operazioni pericolose, infatti alle loro proteste c'è il licenziamento. Bene cari signori prima del pacchetto Treu e della legge 30 (Biagi) questo non succedeva.

CARLO SCALERA
Resp. Prov. dei VERDI

Fonte

Condividi questo articolo su Facebook

Condividi

 

Notizie sullo stesso argomento

Ultime notizie del dossier «Dove va il governo Prodi»

Commenti (1)

non sparate su Caruso!

La politica non vuole responsabilità e detesta ed emargina chiunque parli chiaro, fuori dall’orrendo politichese che è uno strumento utile solo a rendere ambigua ogni posizione politica, complica le cose semplici, rende possibili accordi trasversali e sottobanco, proprio perché diluisce ogni contrasto in una melma che ricopre tutto e tutti e non fa più emergere responsabilità, né vittorie, né sconfitte.
Questa politica, che tollera in Parlamento 25 deputati condannati per corruzione e tangenti, insorge contro la frase del deputato Caruso che, in sostanza, dice che l’aumento delle morti sul lavoro è responsabilità di cattive leggi e di cattivi legislatori.
Niente di più ovvio e di più vero, anche se il vero limite del pensiero di Caruso è quello di indicare gli esecutori politici e non i veri mandanti, che sono gli ambienti confindustriali.
In questi ultimi anni il peso della economia rispetto a quello della politica è molto cresciuto: la possibilità di esportare capitali, di delocalizzare la produzione in paesi stranieri, il controllo privato delle fonti energetiche, dei trasporti, dei commerci, la conquistata precarietà e flessibilità degli operai e impiegati, il flusso montante di immigrati a costituire un esercito di disoccupati pronti a tutto pur di lavorare, ha annullato qualsiasi guida e programmazione delle forze politiche, che si sono arrese alla Confindustria e al suo strapotere economico e mediatico.
La vera emergenza da denunciare è proprio questa, tutta la politica di destra e di sinistra è subalterna al potere economico, che è il potere dei poteri, segue la sua logica distruttiva della “crescita infinita” e in nessun modo è governabile e riconducibile ad un razionale sviluppo sostenibile.
Non vi è la minima possibilità di invertire l’alterazione in atto degli equilibri climatici dovuti al modello di sviluppo industriale capitalistico se la politica non prende il sopravvento sulla economia, e la costringe a rispettare regole e compatibilità con l’ecosistema.
Se oggi gli industriali del Nord affidano alla camorra i rifiuti tossici che saranno seppelliti in Campania, e da questo inquinamento nascono tumori, leucemie, bambini malformati, essi sono evidentemente dei criminali e degli assassini, ma in Parlamento non se ne accorgono, e saltano addosso a Caruso che dice una semplice e parziale verità.
Rifondazione Comunista che lo vuole cacciare farebbe bene a cambiare nome e chiamarsi in modo più appropriato: Rifondazione Capitalista.

12 agosto 2007

(14 Agosto 2007)

Paolo De Gregorio

padegre@libero.it

12407