il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Stato e istituzioni    (Visualizza la Mappa del sito )

L'origine della vita

L'origine della vita

(16 Agosto 2010) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(Stato e istituzioni)

LIBERIAMO TUTTI/E

il movimento non si arresta

(4 Dicembre 2002)

Da Genova altri 23 provvedimenti restrittivi – 9 arresti in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 10 tra domicili coatti e firme giornaliere: un’altra bordata repressiva – forse la più prepotente – colpisce il movimento no global per impedirgli di fare politica.

Non è cessata l’eco dell’indignazione generale sull’uso politico di parte della magistratura dopo il Teorema Casentino – a maggior ragione dopo le decisioni del Tribunale del Riesame che ha mandato liberi tutti, sostenendo l’arbitrarietà del mandato di cattura – che con una tempistica degna degli sprinters, gli inquirenti di Genova rincarano la dose sulla criminalizzazione del movimento e l’assoluzione delle Forze dell’Ordine.

L’uso distorto dell’azione giudiziaria, che si compie anche attraverso il frazionamento conclusivo dell’inchiesta – che permette di esaltare l’archiviazione dell’assassinio di Carlo Giuliani, di mettere sotto accusa il movimento e di far passare totalmente in secondo piano il rinvio a giudizio dei torturatori di Bolzaneto e dei massacratori della Diaz – è tesa a ricostruire le giornate di Genova solo in chiave governativa.

Si ribalta così la storia vissuta da 300.000 in diretta e da milioni trepidanti e/o in differita: le giornate del luglio 2001 a Genova sono state lo snodo fondamentale della nuova partecipazione popolare al cambiamento, che il governo Berlusconi ha inteso reprimere con lo Stato di Polizia e l’esaltazione dello scontro militare, culminati nelle camere di tortura di Bolzaneto e nell’assassinio di Carlo Giuliani.

Questa verità è già storia comune: gli inquirenti di Genova che stanno proponendo ai media l’immagine di un movimento violento e distruttivo si pongono nel solco di quella magistratura che nel recente passato ha nascosto al popolo italiano lo Stragismo, il Golpismo, le sedizioni militari, i Servizi deviati.

Non di meno continuiamo a pretendere “verità e giustizia” per i fatti di Genova - come per quelli di Napoli – lo faremo riempiendo le piazze e i contesti sociali, mobilitando lavoratori e studenti no global e immigrati per impedire che un movimento così vasto e ricco di idee, proposte di cambiamento e trasformazione sociale sia fatto oggetto di sole risposte becere e repressive.

IL MOVIMENTO NON SI ARRESTA!

IN OGNI INIZIATIVA PORTIAMO LA RICHIESTA DI “LIBERARE TUTTI/E”


Già il prossimo sabato, come il 10 dicembre, è giornata di mobilitazione nazionale

CONFEDERAZIONE COBAS

6646