il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Archivio notizie > Capitale e lavoro    (Visualizza la Mappa del sito )

Bell'Italia amate sponde

Bell'Italia amate sponde

(16 Maggio 2009) Enzo Apicella
L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati ha reiterato al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, la richiesta di porre fine alla prassi del respingimento di migranti dalla Libia.

Tutte le vignette di Enzo Apicella

costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

SITI WEB
(La tolleranza zero)

Un centinaio di rom protesta davanti al comune di Torino e chiede casa e lavoro

(21 Settembre 2007)

Oggi 20 settembre dalle 12 in poi circa cento rom dell'area nord della città hanno vivacemente protestato, per ore, davanti al Comune di Torino, costringendo gli illustrissimi inquilini di Palazzo Civico a prestare attenzione alla loro situazione. In particolare le rivendicazioni venivano da parte di un gruppo di persone ora confinato in una striscia di terra lungo corso Romania, nel comune di Settimo, che dopo l'ennesimo sgombero ha subito l'intimazione dei vigili di andarsene da dove si trova entro domenica.

I rom, sostenuti da diversi italiani solidali, hanno chiesto la fine dei soprusi nei loro confronti, e la possibilità di avere uno spazio nel quale stabilire un nuovo campo, per continuare a mandare i figli a scuola e dedicarsi al lavoro.

Il presidio si è sciolto verso le 17 quando è stato ottenuto un colloquio con gli assessori Borgogno, Borgione e Curti, i quali però hanno ribadito la politica repressiva e discriminatoria della giunta Chiamparino dicendo che nel comune di Torino non ci sono spazi per nuovi campi nomadi oltre quelli già esistenti.

In serata i rom si sono riuniti in assemblea per decidere come proseguire la mobilitazione.

Torino 20 settembre 2007

2579