">
il pane e le rose

Font:

Posizione: Home > Dossier > Indice dei dossier > Imperialismo e guerra    (Visualizza la Mappa del sito )

Oscar Romero

Oscar Romero

(25 Marzo 2013) Enzo Apicella

Tutte le vignette di Enzo Apicella

PRIMA PAGINA

  • Sull'emergenza microclima nella sede di Risorse per Roma in Via degli Archivi
    Richiesta provvedimenti a tutela salute e sicurezza dei lavoratori e delle lavoratrici
    (18 Luglio 2024)
  • costruiamo un arete redazionale per il pane e le rose Libera TV

    SITI WEB
    (America latina: un genocidio impunito)

    • C.I.C.A
      Collettivo Italia Centro America

    America latina: un genocidio impunito

    (148 notizie dal 2 Luglio 2002 al 31 Maggio 2024 - pagina 2 di 8)

    NELL'ANNIVERSARIO DEL MARTIRIO DI OSCAR ROMERO

    Oggi, 24 marzo, ricorre l'anniversario dell'uccisione di monsignor Oscar Romero, avvenuta a San Salvador nel 1980. Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo lo ricorda ancora una volta come uno strenuo difensore degli oppressi, un indimenticabile maestro di nonviolenza. Nel ricordo di Oscar Romero, nel ricordo di tutte le vittime della violenza e di tutte le persone che hanno...

    (24 Marzo 2014)

    Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

    IN MEMORIA DI MARIANELLA GARCIA NELL'ANNIVERSARIO DELLA MORTE

    Ricorre il 13 marzo l'anniversario dell'uccisione di Marianella Garcia, assassinata in Salvador il 13 marzo 1983. * Marianella Garcia Villas, nata nel 1949, attivista per i diritti umani salvadoregna, collaboratrice di monsignor Romero, amica della nonviolenza, "avvocato dei poveri, compagna degli oppressi, voce degli scomparsi", fu assassinata il 13 marzo del 1983 dai soldati del regime. La sua vita...

    (13 Marzo 2014)

    Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

    Omaggio a Juan Gelman

    Spesso, su questo sito, avete letto gli articoli di Juan Gelman tratti dal quotidiano argentino Pagina 12. L’ultimo lo pubblichiamo oggi. Non li leggeremo più. Il grande poeta, scrittore e giornalista argentino, uno dei giganti della letteratura sudamericana, è morto martedì 14 gennaio nella sua casa di Ciudad de Mexico a 84 anni. Se n’è andato non solo il...

    (16 Gennaio 2014)

    Daniela Trollio, Centro di Iniziativa Proletaria “G.Tagarelli” (Sesto S. Giovanni)

    UN RICORDO DI CHICO MENDES, A VENTICINQUE ANNI DALLA MORTE

    Il 22 dicembre 1988, venticinque anni fa, veniva assassinato Chico Mendes, sindacalista, difensore dei diritti umani e della biosfera. Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo lo ricorda come un grande testimone della dignità umana, un luminoso maestro di nonviolenza. * Chico Mendes, sindacalista, ecologista, amico della nonviolenza, martire; nato nel 1944, operaio nell'attività...

    (22 Dicembre 2013)

    Il "Centro di ricerca per la pace e i diritti umani" di Viterbo

    Il processo Condor a Roma

    9 ottobre 2013 Venerdì 11 ottobre si tiene a Roma l’udienza preliminare del processo Condor. Il Piano Condor è l’accordo di cooperazione poliziesca tra le dittature sudamericane per la repressione delle libertà civili e politiche in America Latina. Un’operazione terroristica internazionale (dal terrorismo di Stato al terrorismo sovranazionale) che coinvolse...

    (10 Ottobre 2013)

    davideorecchio.it

    In ricordo di Victor Jara

    Cari compagni e amici, in questi giorni in cui si ricorda il 40esimo del colpo di Stato fascista in Cile, inviamo alcuni versi di Victor Jara. Jara, membro del Partito comunista, è stato un cantautore, musicista, registra teatrale e poeta cileno. Venne torturato ed assassinato dai suoi aguzzini nei primi giorni del colpo di Stato. Questi sono i suoi ultimi versi prima di essere ucciso allo...

    (17 Settembre 2013)

    Scintilla Onlus

    Cile 11/09/73: il golpe per fermare la rivoluzione»

    11 settembre 2013 Intervista di Checchino Antonini, per Popoff, a Erwin Ibarra, ex militante dell’Esercito di Liberazione Nazionale. All’interno dell’assemblea fondativa di Sinistra Anticapitalista è previsto un incontro con Erwin Ibarra e Antonio Moscato sul golpe cileno del 1973 «Tre anni prima del golpe la vittoria di Allende fu anche un effetto delle divisioni...

    (12 Settembre 2013)

    SINISTRA ANTICAPITALISTA VENETO

    A quarant’anni dal Golpe di Pinochet
    Un 11 settembre dimenticato

    Quarant’anni fa, un colpo di stato militare rovescia il presidente Salvador Allende. La borghesia cilena e l’imperialismo nordamericano pongono così fine al governo di Unidad Popular e istaurano una feroce dittatura militare. La giunta che prende il potere è guidata dal generale Augusto Pinochet che presiede un direttorio formato dai capi di stato maggiore delle diverse forze...

    (11 Settembre 2013)

    Piero Nobili PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

    Roma, a 40 anni dal golpe è l’ora di una via Allende

    «Allende in Cile è presente in maniera invisibile. Lo si nomina poco. Subisce una forma di rimozione nazionale. Non a caso che il documentario su di lui di Patricio Guzman ha fatto fatica a trovare sale. E negli anni della transizione alla democrazia contro di noi, famiglie delle vittime della dittatura, di chi soffrì la tortura, l’esilio, perse il lavoro, hanno usato tutta...

    (8 Settembre 2013)

    Daniela Dalerci, Il Manifesto

    GUATEMALA, RESPINTA AMNISTIA PER EX DITTATORE RÍOS MONTT

    La Corte Costituzionale del Guatemala ha definito irricevibile la richiesta di amnistia a favore dell’ex dittatore José Efraín Ríos Montt (1982-1983), 87 anni, accusato di genocidio e crimini contro l’umanità: delitti per cui il generale a riposo era stato inizialmente condannato a 80 anni di carcere in uno storico processo che lo stesso alto tribunale ha annullato...

    (14 Agosto 2013)

    Misna

    PARAGUAY. RITROVATI RESTI VITTIME DITTATURA DI STROESSNER

    Dopo un anno di scavi in una fattoria vicina a Tavaí, nel dipartimento meridionale di Caazapá, una fossa ha restituito i resti di due vittime della dittatura di Alfredo Stroessner (1954-1989). Secondo il responsabile delle operazioni, lo stato di conservazione sarebbe buono così da consentire una veloce identificazione. Il luogo del ritrovamento fu a suo tempo una base per le...

    (7 Agosto 2013)

    Misna

    DESAPARECIDOS: DALL’ITALIA 35 RICHIESTE DI RINVIO A GIUDIZIO

    Il procuratore aggiunto italiano Giancarlo Capaldo ha chiesto il rinvio a giudizio di 35 persone – due cittadini boliviani, 12 cileni, 4 peruviani e 17 uruguayani – per coinvolgimento nell’uccisione di 23 cittadini italiani nell’ambito del cosiddetto ‘Plan Cóndor’, la strategia di repressione congiunta utilizzata contro gli oppositori politici dalle dittature...

    (19 Giugno 2013)

    Misna

    MORTE DI UN FASCISTA ASSASSINO

    Riportiamo un interessante articolo pubblicato sulla rivista “nuova unità” di giugno 2013 La morte del genocida Jorge Videla Neanche morto…… di Daniela Trollio (*) Siamo a Mercedes, una cittadina a 100 chilometri da Buenos Aires. E’ la sera del 23 maggio e una notizia ha fatto uscire centinaia e centinaia di persone da casa, che si sono riunite nella piazza...

    (13 Giugno 2013)

    ciptagarelli.jimdo.com

    ‘DESAPARECIDOS’: MIGLIAIA IN PIAZZA A MONTEVIDEO

    “Nella mia patria non c’è giustizia, chi sono i responsabili?”: è lo slogan scandito da migliaia di uruguayani scesi in piazza a Montevideo in memoria dei ‘desaparecidos’ dell’ultima dittatura (1973-1985). Una marcia che si tiene ogni anno dal 1996, ma che quest’anno ha assunto un significato particolare: a febbraio la Suprema corte di giustizia...

    (22 Maggio 2013)

    Misna

    Guatemala: annullata la condanna dell’ex dittatore Rios Montt

    Era sembrato troppo facile ad alcune associazioni di vittime del regime fascista guatemalteco che uno degli aguzzini più feroci, l’ex dittatore Efrain Rios Montt, fosse stato condannato a 80 anni di carcere per genocidio. Ed infatti poche ore fa la massima corte del Guatemala ha annullato la condanna che gli era stata inflitta lo scorso 10 maggio – 80 anni di reclusione per il genocidio...

    (21 Maggio 2013)

    Marco Santopadre - Contropiano

    Jorge Videla, crimini e morte di un genocida neoliberale

    Jorge Rafael Videla, il dittatore argentino dei 30.000 desaparecidos, muore in carcere da sconfitto, da ergastolano, da genocida. Come ha detto Estela Carlotto, la leader delle nonne di Plaza de Mayo, «era un uomo disumanizzato» ed è fin troppo semplice applicare a lui la categoria arendtiana di «banalità del male» di chi mise metodicamente in atto un sistematico...

    (18 Maggio 2013)

    Gennaro Carotenuto

    Videla, la faccia discreta della perversione

    Il pugno nello stomaco, la scarica elettrica data dai suoi scherani alle migliaia di scomparsi e sopravvissuti infliggeva quel terribile dolore fisico che generazioni di torturati hanno subìto e subiscono dagli oppressori. Ma la nausea, il senso di morte senza la morte che gli stessi superstiti ai mille “Garage Olimpo” hanno narrato ha rinnovato a lungo la perversione e l’ignavia...

    (18 Maggio 2013)

    Enrico Campofreda

    Morto Jorge Videla: il simbolo di un genocidio

    Redazione- 17 maggio 2013- 'E' deceduto Videla, responsabile genocidio'': e' uno dei titoli della tv di Buenos Aires, che commenta la morte di Jorge Rafael Videla, alla guida del golpe del 1976. ''Era l'ultimo dei dittatori ancora in vita ed era stato il leader della giunta militare responsabile del golpe, il 24 marzo del 1976, contro Isabel Peron, la vedova di Juan Domingo Peron'', ricorda un quotidiano...

    (17 Maggio 2013)

    Articolo Tre

    Guatemala: 80 anni di carcere all’ex dittatore genocida

    Storica condanna quella emessa poche ore fa in Guatemala contro l'ex dittatore fascista Efrain Rios Montt da alcune settimane a processo: 50 anni di carcere per genocidio e ad altri 30 per crimini di guerra e contro l'umanità. Quella pronunciata dalla giudice Jazmin Barrios in un'aula della Corte suprema di giustizia colma di familiari delle vittime e giornalisti è la prima condanna per...

    (11 Maggio 2013)

    Marco Santopadre - Contropiano

    ARGENTINA, MIGLIAIA IN PIAZZA PER ANNIVERSARIO GOLPE 1976

    “Trentamila compagni ‘desaparecidos’, presenti ora e sempre” è stato lo slogan più ripetuto in una gremita Plaza de Mayo, a Buenos Aires, nella Giornata nazionale della memoria per la verità e la giustizia con cui è stato commemorato ieri il 37° anniversario del golpe del 24 marzo 1976 che instaurò l’ultima dittatura militare in...

    (25 Marzo 2013)

    Misna

    <<    | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |    >>

    334460